Passa ai contenuti principali

NIGHTMARE 7 NUOVO INCUBO


Regia: Wes Craven
Interpreti: Hether Lagenkamp, Robert Englund, Miko Hughes, John Saxon, Wes Craven

Trama: dieci anni dopo Nightmare, l'attrice Hether Langenkamp vive serenamente con il marito e il figlio piccolo, fino a quando qualcuno comincia a turbarla con strane telefonate in cui dice di essere Freddy Kruger. Dylan, il figlioletto, comincia poi a soffrire di sonnambulismo ed essere preda di allucinanti incubi notturni..Intanto Wes Craven, storico regista del primo episodio, vorrebbe realizzare un altro capitolo della serie, e vorrebbe proprio Hether come protagonista..l'unica in grado di contrastare Freddy Kruger che, a quanto sembra, non è soltanto un personaggio nato dalla fantasia di Craven...


Freddy sta arrivando da te...

E finalmente siamo giunti alla fine.
Dopo tre film ben al disotto della mediocrità, il 6 addirittura imbarazzante, la saga di Krueger giunge al termine.
Si dice che Craven, regista del primo indimenticabile episodio, fosse arcistufo del trattamento riservato alla sua creatura, ormai grottesco pupazzotto horror, e decise pertanto di riprenderne possesso per ridargli quella cattiveria e quel cinismo che ne caratterizzarono il debutto.
Insomma, meno chiacchere e più terrore.
Ci riesce?Diciamo di si 
E lo fa con un film che si stacca completamente, grazie Wes per averci risparmiato eventuali nipoti di Kruger, dal resto della saga.
"Nightmare 7 nuovo incubo" visto oggi risente indubbiamente del tempo trascorso. Ad un pubblico di oggi avvezzo a ben altro può sembrare una innocua storiella adatta  a spaventare giusto giusto i bambini.
Io, rivisto con il disincanto dell'età, al contrario dei precedenti, sono riuscita ad apprezzarlo abbastanza.
Craven resuscita letteralmente la sua creatura attraverso un giochino metacinematografico che a me ha divertito assai.
Kruger non è personaggio inventato, è una vera e propria entità maligna intenzionata a prendere vita.
Ed è proprio questo gioco di specchi tra realtà di e fantasia a fare di "Nightmare 7" un discreto film horror.
Non ci avviciniamo nemmeno alla gloria del primo capitolo, ma qui, a differenza dei terrificanti (ma non nel senso migliore del termine) capitoli quattro-cinque-sei, c'è una idea, ed anche buona, alla base, sviluppata con una intelligenza superiore rispetto ad almeno un terzo degli horror usciti negli ultimi anni.
"Nightmare 7" è una fiaba nera, parecchi i rimandi ad "Hansel e Gretel"con il grosso pregio di restituirci il caro Freddy. Basta con il pupazzotto logorroico, qui Kruger, vestito di nero cappotto ed armato di nuovo artiglio, torna nella sua versione più spaventosa. Lasciati da parte battutine e giochetti sarcastici, Craven lo trasforma in un vero e proprio orco delle fiabe, deciso a conquistarsi  il suo spazio nelle vita reale.
A fargli da contraltare l'unica vera degna rivale di Freddy. Ottima l'idea di riportare tutto il cast del primo "Nightmare" e soprattutto lei , una Hether Langenkamp in forma smagliante, decisa a non farsi portare via suo figlio da Freddy...
Un film forse più raffinato di quello che appare in realtà, ed infatti ebbe pochissimo successo. Comunque, un ultimo capitolo, dovrei recuperare "Freddy vs Jason" ma non ne ho avuto ancora li coraggio, che ci riconcilia con una saga verso cui non nutrivamo più speranza. 

Commenti

  1. Come scritto di recente dalle mie parti, per quanto non perfetto, il migliore dopo il primo.
    Si vede tutta la mano del vecchio Wes.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente e' quello che risente meno dei segni del tempo, anche se il terzo a me e' piaciuto ancora tantissimo

      Elimina
  2. All'epoca mi era piaciuto molto, fortunatamente ha fatto dimenticare lo scempio del 6!

    RispondiElimina
  3. anche oggi, nonostante tutto, la sua figura la fa. E si, fa dimenticare quella schifezza del 6

    RispondiElimina
  4. Passavo non tanto per commentare Nightmare (dopo il primo non sono riuscito ad affrontarne altri, a parte forse il terzo, lasciato comunque a metà) quanto per ringraziarti del bannerino lassù. Anzi, mi hai dato un'ottima idea, ora lo metto pure io. ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…