Passa ai contenuti principali

INVECCHIATI MALE - NIGHTMARE 5 E 6

"Nigthmare 5 - il mito "
regia: Stephen Hopkins
"Nightmare 6 - la fine"
regia:  Rachel Talalay

Ecco, direi che come caratteristiche tecniche possiamo farci bastare queste due. 
Perchè giunti ormai alla fine del percorso, ovvero alla breve riesame delle gesta del mitico Kruger, con questi due film tocchiamo decisamente i due punti più bassi della saga.
Sono due film così brutti che non ho ritenuto necessario dedicare ad ognuno una singola recensione; già abbastanza inutili all'epoca poi, visti oggi sono due pellicole che risentono inevitabilmente degli anni trascorsi.
Se già il quarto non era decisamente un capolavoro del cinema horror, con questi due capitoli, il sesto poi supera ogni più fosca previsione, si tagliano definitivamente i ponti con il primo film.
Pare che Craven a suo tempo si arrabbiò moltissimo per quanto capitato alla sua creatura nel corso dei vari capitoli della saga, infatti sarà proprio lui a ridare al tutto la dignità perduta nel piacevole capitolo sette. Non faccio fatica a crederlo...
Seriamente, mi sarei arrabbiata moltissimo anche io se, per ragioni probabilmente di vile danaro (ma temo che queste schifezze abbiano incassato pochino) viene preso uno dei migliori e più terrificanti "babau" degli ultimi 20 anni e trasformato in una specie di fantoccio.
Il quinto capitolo, tra figli nati, non nati, anime alla ricerca di pace è di una monotonia disarmante.
Da segnalare per inutilità il gruppo di facce anonime destinate ad essere macellate, neppure in maniera troppo cruenta, dal buon Kruger.
Ma è nel sesto che si segnala la definitiva debacle di Freddy. Che, da terrificante mostro infestante gli incubi di poveri adolescenti destinati  a pagare per  le gesta dei propri genitori, diventa un bamboccio logorroico e decisamente rompiballe. Una sorta di cabarettista bruttarello a cui viene fatto fare di tutto:  da cavalcare una scopa come se fosse direttamente uscito da una versione anni 90 del mago di Oz a giocare con i videogames e farsi di acido  invece di accoppare la banda di adolescenti affettandoli alla vecchia maniera. Di lui scopriamo tutto, il suo passato, la sua vecchia famiglia, ma francamente non ce ne poteva fregare di meno. Al vecchio Freddy bastava comparire in penombra per far morire tutti di terrore.E poi tutte quelle battutine francamente dopo un pò stufano assai e, soprattutto, non spaventano nessuno.
Una sceneggiatura veramente orribile, l'idea degli abitanti di Springwood adulti impazziti  a causa delle mattanze di adolescenti di Freddy è sfruttata malissimo ed in modo ridicolo, una regia assai approssimativa sono i responsabili di questo pasticcio, lo completano un eccesso di colore che in un film horror proprio bene non ci sta ed effetti speciali ridicoli (ma quelli fanno anche simpatia visto che all'epoca il film uscì con un "terrificante 3D" che adesso somiglia alle scenografie delle recite dell'asilo...).
Due film invecchiati male, malissimo. Mai addio a Kruger sarebbe potuto essere peggiore...per fortuna arriverà Craven ed il suo "Nuovo incubo".






Commenti

  1. Concordo in pieno. Pessimi davvero entrambi.

    RispondiElimina
  2. mamma mia..li ricordavo poco ma rivederli oggi..davvero tremendi!!!

    RispondiElimina
  3. sarà un caso ma li ho rimossi entrambi...brutti per essere brutti...

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…