Passa ai contenuti principali

ALABAMA MONROE UNA STORIA D'AMORE (The Broken circle breakdown)



Regia: Felix Van Groeningen
Interpreti: Veerle Baetens, Johan Heldenberg, Nell Cattrysse, Geert Van Rampelberg, Nils De Caster.

Trama: Elise è una tatuatrice. Didier suona il banjo in un gruppo bluegrass. Sono profondamente diversi l'uno dall'altra, ma quando si incontrano è amore a prima vista. Amore che cresce giorno dopo giorno e trova il coronamento con la nascita della loro splendida bambina Maybelle. Ma la vita, proprio quando credi di avere tutto, può metterti davvero a dura prova..


I always knew. That it was too good to be true. That it couldn't last. That life istn't like that, life isn't generous. You mustn't love someone. You mustn't become attached to someone. Life begrudges you that. It takes everything away from you and it laughs in your face. It betrays you.

Confesso. Non pensavo ce l'avrei fatta.

Emotivamente è stata una fatica immane. Ma ne è valsa la pena. Candidato all'Oscar per il miglior film straniero, insieme alla nostra "Grande Bellezza", "Alabama Monroe" è un film che ha fatto assai discutere.
Quante lacrime ho versato?Sorpresona..niente, nada, zero, nemmeno una.
Però c'è stata quella sofferenza sottile, continua, terribilmente dolorosa. Per tutto il film ho pensato che la vita si, può essere così.
Sia che tu decori corpi, suoni il banjo oppure più  convenzionalmente sia dietro una scrivania, la vita ti può mettere alla prova. Ed allora combatti, sia mai cedere le armi, e sei contento quando l'amichetto di tua figlia torna a casa perchè "ha i valori spettacolari", ci mancherebbe altro, ma poi pensi che vorresti essere al loro posto, e ti senti uno schifo per quello, nessuno merita ciò che state passando... e poi scopri che le guerre si vincono ma si perdono anche,  quando le perdi dovresti trovare la forza per andare avanti, ma non tutti ci riescono., allora quando scopri che tutto sta crollando dici e fai cose di cui forse, ti pentirai per sempre.
No, non l'ho trovato nè furbo nè ricattatorio.
Forse un pò folkloristico in certi momenti, troppe praterie e qualche momento onirico ne finale, ma nel complesso  "Alabama Monroe" è un film potente. Potente perchè parla di sentimenti senza aver paura di mostrarci come la vita, spesso, non vada come dovrebbe. Ha la forza grezza di parlare della più grande delle perdite e delle sue conseguenze senza raccontarci favole.
C'è un prima, fatto di momenti belli, di amore, di giochi con tua figlia e serate passate a suonare. Poi c'è un dopo, fatto di rimpianto e depressione, di sconfitta e paura. Poi ci sono due persone. Una che vorrebbe provare ad andare avanti,  l'altra che non ce la fa, non ha la forza. Non tutti sono capaci di superare il dolore, non tutti trovano un appiglio per rimanere a galla.
"Alabama Monroe" ci sbatte in faccia la verità, ovvero come spesso nella vita non sia il lieto fine ad attenderci. Basandosi sull'opera teatrale di Johan Heldenbergh, Felix Van Groeningen confezione un film struggente, con una delle colonne sonore più belle degli ultimi anni e due protagonisti straordinariamente umani nella loro normalità, Johan Heldenbergh e la stupenda Veerle Beatens, meravigliosa Elise dal corpo come una tela  dipinta di emozione.
Per me, nella sua semplicità . uno dei più bei film dell'anno.



Commenti

  1. Concordo in pieno. Aspettavo da un pò che ti decidessi a recensirlo!

    RispondiElimina
  2. Non così entusiasta. Bello, ma in certi punti mi è sembrato una pontificazione gratuita sul dolore. Di sicuro però non lascia indifferenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso solo rimproverargli a tratti un eccesso di folklore scenico (praterie, cavalli, lampi onirici) per il resto l' ho adorato...

      Elimina
  3. condivido il tuo parere, molto toccante, ne ho parlato pure io tempo fa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero toccante, vengo a leggerti presto!

      Elimina
  4. Sono curiosissima di vederlo, peccato che le sale nei miei dintorni l'abbiano levato subito! Spero di riprenderlo appena uscirà in dvd anche perchè dopo questa recensione mi è salita ancora di più la curiosità! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho visto in originale qualche tempo fa.A mio parere un film non perfetto ma bellissimo. Ho sofferto come un cane ma merita davvero

      Elimina
  5. "Potente perchè parla di sentimenti senza aver paura di mostrarci come la vita, spesso, non vada come dovrebbe. Ha la forza grezza di parlare della più grande delle perdite e delle sue conseguenze senza raccontarci favole".

    la forza di questo film è paragonabile a quella di un vulcano in eruzione. "Alabama Monroe" s'insinua sottopelle.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…