Passa ai contenuti principali

REDD INC.




Regia: Daniel Krige
Interpreti: Nicholas Hope, Kelly Paterniti, Sam Reid, Alan Dukes, Tom Savini

Trama:  un dirigente accusato di essere un feroce serial killer evade dal manicomio dove era ricoverato. Radunerà presto una squadra di  dipendenti "forzati", ognuno legato al suo caso, il cui scopo sarà quello di scagionarlo. Lui è un capo buono e giusto, ma bastano 5 inadempienze e sei licenziato...in tronco.

"non è niente di personale"

Non vi piace il vostro lavoro?Considerate il capo un pazzoide crudele?Bene, sappiate che in giro c'è molto, ma molto di peggio.
Chiedetelo ai neo-assunti nel nuovo ufficio di Thomas Reddman, o almeno a quelli ancora vivi...
Dovete sapere che nella mia personale, ed assai poco seria, classificazione di gradimento di una pellicola, andando verso il basso, vige una fondamentale differenza tra filmdemmerda e filmaccio. Il filmdemmerda é una roba talmente brutta  che al massimo merita qualche riga di feroce insulto (es. "The Canyons"). Il filmaccio, invece, è solitamente una pellicola probabilmente altrettanto scarsa, ma che contiene al suo interno guizzi di interesse.
Ecco, "Redd Inc." è un perfetto esempio di filmaccio.
Sulla carta pareva l'ennesima variazione sul tema "Saw", ma le opinioni in giro erano buone assai, e debbo ammettere che non avevano tutti i torti.
"Redd Inc." sfrutta un espediente abbastanza abusato, il gruppo in trappola alla mercé di un terribile aguzzino, ma ha alcuni punti a suo favore.
Prima di tutto un cattivo di quelli davvero da manuale, Nicholas Hope con parrucchino, accento impeccabile ed elegantissimo abito su misura destinato a sporcarsi di sangue e liquami è davvero bravo e terrorizzante assai, anche se bisogna ammettere che il buon Reddman per essere così arrabbiato ha più di un buon motivo.
Aggiungiamoci qualche momento splatter di quelli piuttosto notevoli ed un paio di "WTF" assai spiritosi, SPOILER la gamba usata come arma, ed alla fine capite perchè io, questo filmaccio, lo promuovo a pieni vuoti.
Krige sa perfettamente di non stare realizzando un capolavoro, e questo me lo rende più simpatico di un Marcus Nispel qualsiasi. E poi meriterebbe l'applauso soltanto per il cameo ormai culto, di un palestratissimo, e quasi settantenne Tom Savini nei panni di tale "Pietro Bava".
Insomma, sangue ed ironia nera e  grettissima sparsa a piene mani in un film perfettamente consapevole della sua cialtronaggine che divertirà moltissimo gli appassionati.









Commenti

  1. No beh, Redd Inc. è superiore in tutto a The Canyons :P
    Ed è dannatamente divertente, sono contenta che tu l'abbia apprezzato, nonostante la sua definizione di filmaccio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Babol...senza dubbio é superiore a The Canyons!Si, mi son divertita perecchio, debbo ammetterlo!

      Elimina
  2. Ed in effetti, a suo tempo, mi divertì assai... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Omonero..ma si, un filmaccio assai spassoso...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…