Passa ai contenuti principali

MAGIC CITY - SERIE TV


Per tutti noi che per seguire una serie televisiva ci affidiamo ai canali "usuali", Sky ha creato Sky Atlantic, che, oltre a produzioni ambiziose di casa nostra, l'extended version di "Venuto al mondo" e soprattutto la serie tratta da "Gomorra", porta da queste parti alcune serie che, fino ad ora, non erano ancora arrivate dagli Stati Uniti. E' arrivata "House of Cards" (di cui parleremo spero a breve) e, tra le tante, visto l'amore che ci lega alla città, non poteva non approdare a casa nostra "Magic City".
Miami Beach 1959. Ike  Evans,  è il proprietario del lussuoso hotel Miramar Playa. Per finanziare il suo sogno però, Ike è costretto a scendere a patti con il mafioso Ben Diamond, detto "Il macellaio", che garantisce a Ben il successo dell'albergo, eliminando per suo conto pericolosi "contrattempi"..ma si sa, "il macellaio" non fa nulla senza chiedere qualcosa in cambio... All'Avana intanto risuona la rivolta guidata da Fidel Castro.Miami è un luogo turbolento, e mentre il suo mondo rischia di crollare da un momento all'altro Evans farà di tutto per difendere il Miramar Playa e la sua famiglia, composta dalla seconda moglie Vera, ex showgirl, ed i tre  figli, Stevie, Danni e Lauren.
Dopo la degenerazione di "The walking dead", il crollo verticale di "The Following" (passi la mamma matta, il camping per serial killer..ma che la cretina sia ancora viva no eh?) e la piega "WTF..." presa da "Scandal", dove mancano solo gli alieni e poi abbiamo visto di tutto, le ultime due abbandonate senza troppi rimpianti,  a casa nostra mancava il guilty pleasure, ovvero la serie che regala puro divertimento.
Mi sa che la lacuna è stata prontamente colmata da "Magic City", patinatissima sorta di "gangster story" ambientata nella Miami di fine anni 50. Prima carta vincente della serie la ricostruzione praticamente perfetta. Ambienti curatissimi, macchine luccicanti, alcool e sigarette a profusione. Seconda carta vincente il suo interprete principale, Jeffrey Dean Morgan, ovvero la sola ed unica ragione per cui ho continuato almeno per un pò a guardare "Grey's Anatomy" (altrimenti l'avrei mollato ancora prima). Il caro Jeffrey ha  il carisma e la fisicità perfetta per un ruolo del genere,  a lui contrapponiamo poi un Danny Huston luciferino come non mai nei panni del Boss Ben Diamond.
Circondiamo i due di donne belle, anzi strepitose. Su tutte Olga Kurylenko Vera Evans moglie di "re Ike" e Jessica Marais Lily Diamond, moglie del Macellaio, con cui il figlio maggiore di Ike, Stevie, comincerà una potenzialmente letale relazione, abbigliate in abiti da sogno.
Mescoliamoci una buona dose di loschi affari, una spruzzatina di sesso, il Miramar Playa di giorno albergo per famiglie, nasconde un'anima non propriamente cristallina..et voilà, servita una serie bella fresca come un buon Martini.
Lontano duemila chilometri dall'essere un capolavoro, l'eccesso di patinatura può diventare a lungo stucchevole, a tratti si ingarbuglia un pò tra i vari intrecci, "Magic City", datata 2012 e chiusa purtroppo, o forse per fortuna visto sono poche le serie che riescono ad andare avanti magnificamente per tante stagioni, solo dopo due stagioni, è un modo piacevole e divertente per trascorrere un'oretta d'avanti alla televisione.





Commenti

  1. dici che puo lenire la spasmodica attesa per l uscita boardwalk empire 4 in dvd?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Vale Broadwalk purtroppo non l'ho mai visto ma questa è sfiziosa assai!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…