Passa ai contenuti principali

INVECCHIATI MALE - "ATTRAZIONE FATALE"


Regia: Adrian Lyne
Interpreti: Michael Douglas, Glenn Close, Anne Archer

L'idea mi è venuta dopo il mini post celebrativo su "Pulp Fiction" che poche settimane fa ha compiuto 20 anni.
Universalmente riconosciuto come un film innovativo ed ancora attualissimo è invecchiato davvero bene, come ogni capolavoro che si rispetti.
E allora mi sono detta.: "perché non andare a cercare invece quelle pellicole che, al contrario, sono invecchiate malissimo?". Quei film che magari all'epoca fecero un grosso successo ma che ora si dimostrano irrimediabilmente datate. In una di queste sono incappata per caso proprio alcune sere fa. La trama è arcinota, ma ve la ripropongo comunque:
Avvocato in carriera ha una avventura di una notte che si trasforma in un incubo per lui è la sua bella famiglia quando l'amante, che non ne vuole sapere di uscire di scena rivela la sua natura di pazza psicopatica..
"Attrazione Fatale" a suo tempo fece sfracelli. Incassi clamorosi, scandalo gridato a gran voce un pò ovunque, femministe ingastrite come pantere...addirittura 6 nominations agli Oscar tra cui quella per il miglior film.
Correva l'anno 1987 ed il momento lo conosciamo bene. Anni rampanti, anni della corsa al successo a tutti i costi, anni degli yuppies, in cui tutti sembrava potessero ottenere tutto ed anche di più.
Era il periodo in cui Michael Douglas recitava spesso a braghe calate, "Basic Instict" sarebbe arrivato nel 1992, ed Adrian Lyne cavalcava l'onda dello scandalo facile suscitato con "9 settimane e 1/2", e per un pò non avrebbe smesso realizzando immonde porcate come "Proposta indecente" ed il remake di ""Lolita", fino ad arrivare a "L'amore infedele".
Dall'uscita di "Attrazione Fatale" di anni ne sono passati ormai quasi trenta, il mondo, cinematografico e non è cambiato.
E pur assunto ormai a "cult" (o "scult"?) del periodo il film la sua età la dimostra tutta.
Visto oggi infatti "Attrazione Fatale" pare nulla di più di un facile fotoromanzo.
 La sceneggiatura è brutta e banale, i personaggi sono abbastanza irritanti, quello di Michael Douglas su tutti.
Lyne si erge a giustiziere della  morale da mezzo dollaro, Douglas che tradisce i "sacri valori del matrimonio" si trova proiettato in un incubo ed è la moglie cornuta che alla fine salva la baracca; il personaggio della Close è donna, sola e quindi pazza. Patinato, furbo, a tratti assurdo.
girato malissimo, come la maggioranza dei film di Lyne, simbolo perfetto di un'epoca che non esiste più.





Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. secondo me, un po' vecchio lo era anche all'epoca...

    RispondiElimina
  3. @Dantes dici?Quasi al tempo passava come rivoluzionario...

    RispondiElimina
  4. posso dire la verità? a me non è mai piaciuto. Vuole stupire a tutti i costi ma alla fine, per quanto riguarda il thrilling, c'è veramente poco da dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank:effettivamente é piuttosto prevedibile...

      Elimina
  5. Non lo vedo da tipo vent'anni.
    Mi sa che mi terrò il vago ricordo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Ford si, puoi tranquillamente tenerti il ricordo senza andare a ripescarlo!

      Elimina
  6. Ma è quello del coniglio?
    Buona Pasqua XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Bolla yes!Bollito..auguri anche a te cara!

      Elimina
  7. secondo me è un po' il concetto di cinema di Lyne, sempre ultrapatinato che è invecchiato malissimo...

    RispondiElimina
  8. Mi sa che non hai tutti i torti.

    RispondiElimina
  9. Beh dai, la scena del coniglio alla cacciatora è un(o) (s)cult memorabile! Ma sai che è a Londra a teatro con Natasha Mc... (la Karen di Californication) nel ruolo che fu di Glenn Close? Andrei a vederlo solo per vedere come ficca il coniglio in pentola...! Happy Easter! XD

    RispondiElimina
  10. Si, proprio uno scult..a teatro non deve essere male e la Mc..è brava! Happy Easter, in ritardo, pure a te

    RispondiElimina
  11. Anche io all'epoca lo trovai molto furbo, ora è un film da uscire solo per ricordare gli eightees, a chi è un pischello, con le dovute riserve ovviamente :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…