Passa ai contenuti principali

LONE SURVIVOR


Regia: Peter Berg
Interpreti: Mark Wahlberg, Ben Foster, Taylor Kitsch, Emile Hirsch

Trama: Marcus, Mickey, Danny e Axe sono quattro Navy Seal di stanza in Afghanistan. Fanno parte di una squadra incaricata di catturare un pericoloso capo talebano. Mandati in ricognizione sulle montagne, i quattro si troveranno isolati sotto il fuoco nemico. Impossibilitati a comunicare via radio con il quartier generale, dovranno resistere fino all'arrivo dei soccorsi.

QUALCHE MICRO SPOILER (ma il film lo hanno già visto in tanti)

Debbo confessare di essermi approcciata a "The Lone Survivor" abbastanza prevenuta, a voler usare un eufemismo. A dirla fuori dai denti ero pronta a massacrarlo.
Dovete sapere infatti che i  "war movies" sono una gran brutta bestia per me. Se, da un lato, come genere mi attira abbastanza, dall'altro debbo ammettere che, di film di questo genere davvero ne ho visti pochi.
L'ultimo forse "The Hurt Locker". Pare strano, ma proprio una donna ha saputo affrontare meglio e più onestamente la guerra, ambito si presume prevalentemente maschile. al cinema, senza la pomposa retorica che spesso ha caratterizzato opere di questo tipo. Ecco spiegato il mio pregiudizio nei confronti di "The Lone Survivor". Mi pareva l'esempio perfetto di tronfia ed ipermacho americanata scritta male e girata peggio. A questo ci aggiungiamo Peter Berg alla regia, a me non è piaciuto neppure "Cose molto cattive" quindi fate un pò voi, Emile Hirsch, verso cui nutro un fastidio profondo dai tempi di  quella schifezza radical-chich di "Into the wild" tra gli interpreti, ed un certo Mark Walhberg, che da queste parti viene sempre guardato con sospetto nel ruolo principale.
Ed i primi minuti, quelli in cui viene mostrato l'addestramento per diventare un Seal, parevano confermare le mie peggior paure.
Tratto dal libro di Marcus Luttrell unico sopravvissuto dell'operazione Red Wing, campione d'incasso negli Stati Uniti, ed è facile capirne il motivo, "The Lone Survivor" è diviso in due parti.
Una in cui ci vengono mostrati i componenti della missione. Ce li mostra alla base, ci racconta chi sono, uomini con una vita fatta di piccoli problemi quotidiani,  matrimoni da organizzare e case da sistemare..noia?No. Soltanto la consapevolezza, mostrata da Berg con molta intelligenza, che quelli di stanza a Bagram non sono pazzi esaltati, ma uomini fondamentalmente normali. Quando la missione inizia l'ansia sale a poco a poco, fino all'inizio dello scontro, che si scatena, sembra assurdo, proprio a causa di un atto di umanità. L'aver liberato i pastori costringerà i quattro ad un estenuante resistenza.Ma proprio dove Berg avrebbe potuto esagerare,nonostante non ci venga risparmiato molto, il regista gioca al meglio le sue carte. C'è tutta la brutalità e l'assurdità della guerra nell'ultima parte di "The Lone Survivor". Ma soprattutto c'è l'estenuante lotta per sopravvivere di quattro uomini seppur ben addestrati e perfettamente consapevoli dei rischi che comporta il loro lavoro, sono finiti in una situazione la cui via d'uscita pare impossibile. Come un atto di umanità ha scatenato lo scontro, sarà un atto di umanità a permettere a Marcus, unico sopravvissuto, di tornare a casa. Quello di un povero contadino disposto a rischiare la vita per Marcus, anche in nome di una legge antichissima, perchè afghano non sempre vuol dire nemico.
E quando Marcus ringrazia il suo salvatore è scesa persino una lascrima.
Berg poteva lasciarsi andare, ed invece tiene a freno l'effetto "americanata", fregandomi piacevolmente. Perchè  "The Lone Survivor "alla fine si rivela un solidissimo war movie che non lascia un momento di tregua, ben scritto, ben diretto ed ancor meglio interpretato, Wahlberg è bravo assai.
E con una colonna sonora davvero notevole.
Davvero una bella sorpresa.







Commenti

  1. anche io sopporto poco i war movies e anche io sono rimasto piacevolmente sorpreso da questo film..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero..ero pronta a randellarlo sonoramente!

      Elimina
  2. bah, per finisce per essere la classica americanata

    RispondiElimina
  3. Gran bella sorpresa davvero.
    Per me, finora, l'action dell'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sia l'action dell'anno, ma vale sicuramente la visione.

      Elimina
  4. Sì, bella sorpresa con innegabili difetti ma altrettanto innegabili pregi

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…