LA MIGLIORE OFFERTA


Regia: Giuseppe Tornatore
Interpreti: Geoffrey Rush, Sylvia Hoeks, Jim Sturgess, Donald Sutherland

Trama: Virgil  è un esperto d'arte e battitore d'aste. Uomo colto e solitario, non più giovane. Ritroso nei confronti degli altri, vive una esistenza grigia e solitaria che prende una piega inaspettata  quando la giovane Claire  lo contatta per occuparsi della dismissione del patrimonio artistico di una antica villa

"Lei è sposato?
Si da 30 anni. 
E com'è vivere con una donna?
E come partecipare ad un'asta. Non sai mai se la tua sarà l'offerta migliore".

Un cinema italiano che, finalmente, riesca ad uscire dai confini nazionali è possibile? Pare di si.
Ci hanno provato due autori importanti ed apprezzati anche all'estero.Paolo Sorrentino, ed a mio parere, al di là dei riconoscimenti unanimi piovuti sul film fino all'apoteosi Oscar, gli è andata benissimo (si, l'ho visto anche io e spero di riuscirne a parlare presto) e Giuseppe Tornatore.

Con Giuseppe Tornatore ho un rapporto un pochino particolare. A suo tempo vidi "Nuovo Cinema Paradiso" che apprezzai senza però entusiasmarmi troppo, mi mancano parecchie delle sue opere e "Baaria" l'ho abbandonato esasperata dopo pochi minuti. Forse il suo unico film che mi è piaciuto davvero è stato "Una pura formalità".
Cosa cerco io in un film?Volendo riassumere la risposta posso dire che a me un film deve suscitare una emozione. Positiva, negativa non importa. E' essenziale che la pellicola che ho appena terminato di vedere mi "smuova" qualcosa.
L'apparente inutile preambolo per dire semplicemente che, purtroppo, "La migliore offerta" rientra in una bruttissima categoria, quella dei "film gelidi".
Ho visto abbastanza opere cinematografiche per riconoscerne i meriti.
Stiamo parlando di un film girato molto bene, con una fotografia bellissima, molto elegante e  raffinato. Ottimi anche gli attori, su tutti un bravo, e tristissimo, Geoffrey Rush, ma ho davvero apprezzato anche Jim Sturgess e la brava Sylvia Hoeks, dai tratti così aristocratici da sembrare una delle dame ritratte nei quadri collezionati da Virgil.
E allora cosa è successo?Cosa non funziona, secondo me, in questo gioco tra realtà e finzione così apprezzato un pò ovunque?Appunto l'assenza totale ed assoluta di emozioni. L'aristocrazia che diventa alterigia, l'eleganza che si trasforma in arroganza. "La migliore offerta" si comporta a volte come quelle donne bellissima perfettamente consapevoli di esserlo, ed a tratti sopraggiunge un certo fastidio.
Un film che si guarda come uno splendido catalogo d'arte, ma che suscita molta meno emozione.






Commenti

  1. Considerato quanto di norma detesto Tornatore, questo è stato uno dei suoi film che è riuscito a colpirmi maggiormente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gelido, lo avrei quasi preferito meno formalmente impeccabile.

      Elimina
  2. anche io con Tornatore ho un rapporto piuttosto contrastato ma questo suo ultimo film mi è piaciuto, gelido , certo, forse anche altero ma per me sono dei punti di forza di questa pellicola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello quando i difetti di una pellicola per alcuni per altri sono pregi, dimostra quanto sia grande il cinema!Detto questo a me, al contrario, e' un film che non ha convinto per nulla.

      Elimina
  3. poche emozioni, e io non l'ho trovato nemmeno girato o interpretato particolarmente bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai, tecnicamente è ottimo..emotivamente un pó meno...

      Elimina
  4. Io sono tra quelli a cui è piaciuto, film interessante e ben girato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso sia stato assai apprezzato quasi ovunque.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. In genere lo apprezzo, è uno dei pochi registi italiani che vanno oltre lo stile "fiction", mi manca da vedere però! Io a Baaria gli do un nì, però era tanta robba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo comunque lo devi vedere...ecco Baaria per me era troppa roba...

      Elimina
  7. Non amo partocolarmente Tornatore, ma il film mi era piaciuto, grazie anche ad una splendida interpretazione di Geoffrey Rush. E poi c'era Donald Shuterland...

    O.T. -> deduco che Only lovers left alive ti sia piaciuto... :)

    RispondiElimina
  8. Nonostante con il Beppe c'ho avuto dei litigi personali, il film mi è davvero piaciuto, alla fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a questo punto temo non sia piaciuto solo a me...e al Cannibale!

      Elimina
  9. Devo dire che anche a me non è dispiaciuto, però a me Tornatore piace molto. Credo che questa sensazione di gelo sia in qualche modo voluta.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

PAURA EH??POLTERGEIST-DEATHGASM-SCHERZI DELLA NATURA-THE SHALLOWS

SANTA CLARITA DIET

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL