GLI EQUILIBRISTI


Regia: Ivano De Matteo
Interpreti: Valerio Mastrandrea, Barbora Bobulova

Il divorzio è per ricchi, quelli come noi non se lo possono permettere


In questo blog non c'è molto cinema italiano, e un po' mi dispiace. E' che personalmente detesto quel tipo di commedia ruffiana e furbetta che tanto piace ultimamente; "l'altro" cinema  spesso dalle mie parti resta in sala poco e male, quindi viene recuperato al momento del passaggio televisivo.
Cosa che puntualmente è avvenuta con questo "Gli Equilibristi", di cui avevo sentito parlare davvero molto bene in giro.
Un rapporto veloce, senza significato, all'interno di un ufficio vuoto. Un tradimento che porterà delle conseguenze. La moglie di lui, lo scopriamo subito, ha scoperto tutto. Hanno provato probabilmente a parlarne, lui forse ha giurato e spergiurato che non ha significato nulla, che ama solo lei...ma lei non ce la fa, la ferita è stata troppo profonda. La coppia si separa, la favola, per quanto normale, semplice e tranquilla, finisce.
E per Giulio inizia l'inferno. Forse troppo orgoglioso per chiedere aiuto, deciso comunque a provvedere in tutto e per tutto alla sua famiglia scoprirà che i soldi non bastano mai ed il confine tra (quieto) benessere e povertà per lui si farà sempre più sottile.
Uno sbaglio, un semplice sbaglio che ti stravolge la vita. Anche se arriva un momento in cui, forse, se si fanno certe scelte, certi inciampi non dovrebbero più accadere. Giulio, a quanto capiamo, ama Elena e i figli, e allora perchè a tradito? E' la prima domanda che  tutti ci facciamo. De Matteo, non ce lo dice ma non ci permette mai di odiarlo, ci mostra semplicemente quanto gli sia costata questa cazzata.  Elena doveva perdonarlo?Forse, ma il prezzo era troppo alto per lei. 
De Matteo non ci permette allo spettatore, giustamente, di schierarsi con nessuno dei due. Racconta soltanto la ricerca, appunto, di un equilibrio che forse, a noi persone "normali" a volte è precluso. Perchè divorziare, quindi forse ricominciare, spesso è un lusso che non ci si può permettere.
Interpretato da un bravissimo ,Valerio Mastrandrea, gli "Equilibristi" è un film scarno e dolente. Nonostante un finale eccessivamente melodrammatico, l'ambientazione natalizia fa sempre questo effetto, rimane comunque un'opera importante. La storia di un un uomo qualunque, ben girata ed ancor meglio interpretata che coinvolge, lasciandoti addosso un velo di disarmante tristezza.

Commenti

  1. Il dolore di Giulio è quello di molti uomini che sbagliano, e non riescono a superare e ad accettare le conseguenze. La lenta presa di coscienza, e la maniera in cui un errore possa stravolgere una vita, sono in questo film, destabilizzanti. Terribile. Come sempre Valerione nostro incarna a meraviglia il dolore e tutte le sue sfumature. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un Mastrandrea davvero bravissimo. Il film mi ha spiazzata e lasciato addosso una profonda tristezza proprio perche' assolutamente reale.

      Elimina
  2. grandissimo film, struggente è terribilmente attuale.
    Mastandrea è da oscar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, struggente e terribilmente attuale, purtroppo.

      Elimina
  3. recuperato in ritardo pure io rispetto alla sua uscita cinematografica, mi aveva colpito davvero molto.
    Sulla bravura di Mastandrea poi, credo non ci sia nulla da aggiungere.

    RispondiElimina
  4. vedo che i pareri sono pressoche' unanimi.

    RispondiElimina
  5. Un Mastrandrea da 92 minuti d'applausi.
    Così come il film, veramente bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mastrandrea a quanto pare mette tutti d'accordo.

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

SANTA CLARITA DIET

RING 3

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL