Passa ai contenuti principali

OMAGGIO A PHILIP SEYMOUR HOFFMAN - "MISSION IMPOSSIBLE 3"


Forse sono la meno adatta a celebrarlo.
Molti dei suoi film più belli non li ho visti, in certi momenti la vita ti porta lontano anche dalle grandi passioni, spesso l'ho solo "sfiorato", ma su una cosa non ho mai avuto dubbi. Il suo era un talento enorme, sconfinato, come ne nascono pochi.
Rendeva ottimo qualunque film a cui partecipasse, persino opere di puro intrattenimento come "Mission Impossible III".

"Se vuoi capire il carattere di una persona, guarda come tratta quelli di cui non ha bisogno"


Pur avendoli visti tutti, non sono una grossa appassionata della saga di "Mission Impossible", che a mio parere, ho sempre trovato un grosso "vorrei essere un guilty plesure ma...".
Dopo un discreto primo capitolo, ma lì c'era alla regia un certo Brian De Palma, si è irrimediabilmente persa, prigioniera di un protagonista il cui ego è inversamente proporzionale alla sua altezza, in tre capitoli meno che mediocri. 
Anzi, scusate, due capitoli meno che mediocri ed uno, proprio questo numero 3, che alla fine si è rivelato un discreto film di intrattenimento. 
E quale è stata la mossa vincente di quel volpone di J.J.Abrams, che avrà inventato "Lost" ma cinematograficamente per me resta ancora una grossa incognita, di questo "Mission Impossible 3"? Lui, Philp Seymour Hoffman.
Qui nei panni di Owen Davian, trafficante di droga ossessionato da una misteriosa "zampa di coniglio" contente una fantomatica arma chimica capace di sovvertire l'ordine mondiale.
Il suo Davian è uno di quei cattivi da manuale, così psicopatico e perfetto che, nonostante sappiamo già quale sarà il suo destino, si finisce con il fare il tifo per lui, sperando che faccia fuori Ethan Hunt alla velocità del suono.
Stiamo parlando di cinema prettamente commerciale, puro intrattenimento. Un insieme di botti, esplosioni e situazioni assurde, la liberazione di Davian su tutti, che hai più ha fatto sicuramente storcere il naso...un talento come lui  in un film del genere...che spreco....Probabilmente i più avevano ragione, ma guardando il film si ha la sensazione che Hoffman si sia così divertito ad essere così spregevole, regalandoci l'ennesima gigantesca interpretazione, da riuscire non soltanto a sovrastare Tom Cruise e soci, cosa abbastanza prevedibile, ma a salvare un film altrimenti destinato a sprofondare.
Insomma, una bella recensione di merd   un giro inutile di parole per dire una cosa sola. Ci mancherai Philip, mancherai perchè sapevi rendere nobile e bello qualunque film.
Spero che tu, ovunque sia, possa aver trovato la pace. E grazie davvero di tutto, anche se rimane un pò di rimpianto per il tanto che avresti potuto dare.

Partecipano e ti omaggiano:

Il Bollalmanacco
White Russian cinema e non solo
Viaggiando meno 
Non c'è paragone
In Central Perk
Recensioni Ribelli
Pensieri Cannibali
Montecristo
Director's Cult
Combinazione Casuale
Scrivenny 2.0
Cooking Movies
Life Function's Terminated
Ho voglia di cinema.
50 e 50 thriller

Commenti

  1. mi sono perso come al solito sulla strada della celebrazione per un grandissimo attore...e confesso che questo film ancora non sono riuscito a vederlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puro intrattenimento ma lui ci fa una gran figura.

      Elimina
  2. Mi mancano tutti i Mission Impossible e, sono sincera, nella mia immensa ignoranza non sapevo nemmeno che Hoffman vi avesse partecipato... ma sono sicura che almeno la sua parte sarà stata un piacere da guardare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giochini abbastanza inutili. Ma si, qui lui la sua parte l'ha fatta alla stragrande, ed a tratti pare pure essersi divertito molto.

      Elimina
  3. un attore che ha avuto un ruolo importante nella cinematografia.
    sebbene abbia vinto l'oscar con la sua interpretazione di truman capote, fenomenale, non è mai entrato totalmente nell'olimpo, forse celava dentro se una forte dose di disagio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so'..fatico a capire, un talento così puro e cristallino...davvero una grande perdita.

      Elimina
  4. Vidi solo il primo "Mission Impossible" che non mi piacque nemmeno tanto e come Babol non sapevo che Philip avesse partecipato al 3.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha partecipato e, al solito, dato lustro.

      Elimina
  5. Ammetto che questo M.I. l'avevo bellamente snobbato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giochino più piacevole dell'ultimo "protocollo fantasma", forse proprio per la presenza di Hoffman.

      Elimina
  6. Visto e dimenticato, non sono un fan della saga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dir la verita' nemmeno io, a causa di Cruise. Ma questo si guarda volentieri dai...

      Elimina
  7. Senza dubbio ci mancherà.

    Anche se questo film è per me il meno riuscito di Abrams e della saga di M. I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il meno riuscito mio parere è il secondo..e lui si, ci mancherà davvero tanto

      Elimina
  8. Causa odio profondo per Tom, non ho visto manco una missione impossibile, ma non ho dubbi che Hoffman sia riuscito comunque a fare la sua figura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui Hoffman Cruise se lo mangia in un boccone..

      Elimina
  9. non lo ricordo molto, nè il film nè hoffman in questo film... ricordo solo che non mi dispiacque troppo rispetto agli altri capitoli della saga... forse :)

    RispondiElimina
  10. Non è certo un film indimenticabile..commerciale, ma grazie ad Hoffman decisamente guardabile!

    RispondiElimina
  11. Poteva permettersi di fare qualsiasi cosa! Che perdita! ç_ç

    RispondiElimina
  12. Adoro "il dubbio", un film magari non famosissimo che mi ha fatto conoscere quel grande attore che era.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…