Passa ai contenuti principali

MOVIE FLASH - Un pò bolliti e molto televisivi (6 puntata)

Rieccoci qua con il breve riassunto mensile di quei film che si collocano nel limbo, ovvero non sono nè così belli, o brutti, da meritarsi una recensione completa, nè così abominevoli da cadere nel dimenticatoio.
Oggi ne ho scelti due su cui maturavo grandi aspettative, ma che si son rivelati più che deludenti direi insipidi, o quanto meno...bolliti.

La regola del silenzio- The company you keep


Regia: Robert Redford
Interpreti: Robert Redford, Shia LaBeouf, Julie Christie, Sam Elliott

"Abbiamo sbagliato, ma avevamo ragione"

Era un titolo su cui contavo abbastanza.
Un paio di vecchie glorie come Robert Redford, Julie Christie e Susan Sarandon, emblemi della Hollywood più solida e liberal insieme a qualche giovincello interessante, su tutti la brava, ed altrettanto radical-liberal Brit Marling. Tematica interessante, i gruppi pacifisti radicali operanti durante la guerra del Vietnam, risultato...solido si, ma francamente noiosissimo. Nè radical, purtroppo, nè chic, per fortuna. Semplicemente fiacco, e Redford, malamente invecchiato, che corre con il fiatone, mette abbastanza tristezza. Che "Mister Sundance" abbia perso il tocco?
Voto:6/10

Broken City





Regia: Allen Hughes
Interpreti: Mark Wahlberg, Russell Crowe, Catherine Zeta Jones

"Non aspettarmi alzata tesoro"
"Perchè, l'ho mai fatto??"

Delusa?
Per assurdo, meno che da "La regola del silenzio". Probabilmente perché nei confronti di "Broken City" non avevo grossissime aspettative.
Tutto già abbastanza visto, declinato in salsa newyorkese. 

Intreccio prevedibile, con Mark Wahlberg che fa il Mark Wahlberg, ed un Russell Crowe  in salsa Gordon Gekko prestato alla politica abbastanza svogliato e lontanissimo dalle sue abituali vette recitative. Inconsistente ed  inquietante per fissità espressiva Catherine Zeta Jones, ormai spento ricordo della bravissima Velma Kelly di "Chicago".
Eppure alla fine il thrillerino televisivo così schifo non fa, e durante una fredda serata invernale può rivelarsi anche una rilassante visione casalinga, di quelle senza troppi pensieri, che passano e vanno senza lasciare grandi tracce.
Voto: 5/10





Commenti

  1. Broken City l'avevo trovato davvero deludente.
    La regola del silenzio... insomma, un po' meglio, ma non troppo.

    RispondiElimina
  2. Non ne ho visto nemmeno uno ma direi che non sono il mio genere!

    RispondiElimina
  3. per me li puoi serenamente continuare ad evitare

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…