Passa ai contenuti principali

LAST VEGAS/IL MATRIMONIO CHE VORREI


Dopo la doppia analisi "tamarra" di "Fast and Furious 6" e "Die Hard- un buon giorno per morire" oggi vorrei soffermarmi brevemente su due film nei cui confronti avevo aspettative pari allo zero ed invece si sono rivelati due piacevoli e simpatici modi per passare un'oretta e mezza. Ma soprattutto sono due pellicole che dimostrano come anche quando si tratta semplicemente di intrattenere, spesso gli americani lo fanno con maggior classe di noi.



"Last Vegas"
Regia: Jon Turteltaub
Interpreti: Michael Douglas, Robert De Niro, Morgan Freeman, Kevin Kline, Mary Steemburger.

Compleanno della nonna.Per evitare noiosissimo pranzo di famiglia, quest'anno regalo alternativo. Pomeriggio al cinema, io e lei da sole. Non dico non capitasse dai tempi dei film di Bud Spencer e Terence Hill ma poco ci manca. Dovete sapere che la mia mammozza non è propriamente un tipo da film impegnato, la cinefilia l'ho ereditata dal papà, così per evitare cosucce come "tutta colpa di Freud" o addirittura "sapore di te" ho optato per questo "Last Vegas" che, sulla carta, aveva tutto per piacere a mia mamma. Considerato, eufemisticamente parlando, lo scarso impatto avuto su di me dalle precedenti opere di Turteltaub viste abbinate ad una trama che pareva una copia di "una notte da leoni" in versione geriatrica, da "Last Vegas" io mi aspettavo davvero poco. 
Ed invece, sorpresa sorpresa, è piaciuto anche a me.
Certo, il film probabilmente è una sorta di "Una notte da leoni" in versione geriatrica, ma le avventure di questi 4 vecchietti che durante l'addio al celibato di uno di loro, pronto a sposare la compagna molto più giovane a cui ha fatto la proposta durante il funerale di un amico, alla fine risulta una commedia garbata e piacevole.
Interpretata con classe da quattro ex "leoni" , De Niro e Douglas sono in buonissima forma, e da una Mary Stemmburger deliziosa, intrattiene e diverte. 
Un film che certamente non farà epoca, ma un buon modo per trascorrere un'oretta e mezza in assoluto relax.



"Il matrimonio che vorrei"

Regia: David Franke
Interpreti: Meryl Streep, Tommy Lee Jones, Steve Carrell

"Avete "Consigli sessuali per donne eterosessuali da uomini gay"?

Altra "what a surprise"è stato questo "Il matrimonio che vorrei".
Qui addirittura abbiamo una trama trita e ritrita. Una coppia sposata da molti anni, i figli fuori casa, una routine consolidata che soddisfa più lui che lei. Lei è infelice e , dopo aver scoperto delle settimane intensive tenute da un esperto terapista ci trascina il riluttante marito per ritrovare l'intesa perduta. Che due scatole? In altre mani e con altri attori sarebbe stato un probabile disastro. Invece qui abbiamo una buonissima sceneggiatura e due,anzi tre, interpreti assolutamente  perfetti.
Il risultato è un film molto attento e curato. Ne "Il matrimonio che vorrei" si ride ma si riflette sul problema della monotonia di una coppia, soprattutto quando i figli escono di casa e si rischia di non avere più nulla da dire.
Estremamente onesto e mai banale, "il matrimonio che vorrei" è l'ennesima prova di come a volte basti davvero qualche piccolo accorgimento, e molta eleganza, per creare commedie assolutamente deliziose.
Ah, giusto...occorrono anche una Meryl Streep che, con l'avanzare dell'età, continuo a preferire nelle commedie, ed un Tommy Lee Jones perfetti ed incisivi. Li accompagna un sorprendente e garbatissimo Steve Carrell nei panni del famoso terapista.
 Davvero consigliato.

Commenti

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…