Passa ai contenuti principali

DALLAS BUYERS CLUB


Regia: Jean Marc Vallée
Interpreti: Matthew McConaughey, Jared Leto, Jennifer Garner

Trama:  Ron Woodrof , elettricista texano, vive tra alcool, droga ed altri vizi. Brucia la vita, come se non ci fosse un domani fino a che, dopo un controllo medico a seguito di un incidente sul lavoro, scopre che qualcuno il domani glielo ha tolto davvero. Ha il virus dell'HIV. Sono gli anni '80, la ricerca della cura contro la malattia è all'inizio, e per Woodrof, a cui i medici danno un mese di vita si apre un calvario di medicinali tossici ed inefficaci fino alla scoperta, in Messico, di farmaci alternativi che garantiscono una maggiore sopravvivenza, ma non sono approvati negli Stati Uniti. Con l'aiuto di Rayon, transessuale anche lui ammalato, deciderà quindi di importare illegalmente i farmaci per venderli ad altri malati, aprendo una dura battaglia legale con il proprio paese. 

A volte mi sembra di lottare per una vita che non avrò il tempo di vivere

Ai prossimi Oscar  tutti gli occhi saranno senza dubbio puntati su di loro, i  candidati nella categoria miglior attore protagonista.
Ce la farà finalmente Leonardo di Caprio o vincerà Matthew McConaughey?
Nonostante tifi appassionatamente per Leo, il suo "Lupo di Wall Street" è qualcosa di inarrivabile e l'Oscar sarebbe il premio per una carriera fantastica, se dovessi scommetterci dei soldi dire che ad uscirne vincitore, comunque meritatamente beninteso, sarà proprio il buon Matthew, che sta dimostrandosi attore maturo e completo, ormai soltanto un ricordo del "manzo da esposizione" che imperversava in tutta una serie di commedie romantiche adatte ai pomeriggi di Canale 5.

Qui si mette completamente al servizio, anima e soprattutto corpo, la trasformazione fisica è davvero impressionante (e piacerà moltissimo ai signori dell'Academy) di una storia che meritava di essere conosciuta.
La storia di Woodrof sarebbe stato ingiusto fosse rimasta nascosta, il racconto di un uomo non certo piacevole, Woodrof è rozzo, omofobo, sgradevole; la sua trasformazione attraverso la malattia, ma soprattutto la sua lotta per il diritto di scegliersi come curarsi, meritavano di essere raccontate.
Il risultato non mi è parso il capolavoro di cui avevo letto in giro, ma si tratta comunque di un ottimo film, senza alcun dubbio. "Dallas Buyers Club" lascia sicuramente meno tracce di altre pellicole che hanno raccontato tematiche simili, ma ha una sceneggiatura solida e ben scritta. Vallée ne ha fatto un racconto essenziale, scarno, a emozionante senza mai cadere nella facile trappola del patetico, retto quasi totalmente sulle spalle di due grandi attori.
Di McConaughey ho già detto, ci mette l'anima per una interpretazione oggettivamente impeccabile.
Ma il vero, incredibile trionfatore del film è Leto. Il suo Rayon oltre essere bellissimo riesce davvero a colpire. A tratti il suo personaggio somiglia ad una splendida ballerina in attesa della morte. Il suo rapporto con Woodrof, il suo riuscire a scardinare in Ron ogni pregiudizio, la splendida scena in cui Rayon si presenta in abiti maschili dal padre per chiedere in prestito del denaro, l'intera interpretazione di Leto è così delicata ed elegante, a tratti profondamente struggente, da suscitare davvero grande ammirazione.
E se non vincesse lui l'Oscar sarebbe si davvero scandaloso.





Commenti

  1. Due grandi interpretazioni che rendono grande un film che tende più al discreto.
    E due Oscar ormai quasi certi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordissimo. Temo infatti che anche quest'anno Leo non ce la fara'

      Elimina
  2. In effetti ciò che fa la differenza in questo film sono le interpretazioni, ottime entrambe, ma come dici tu, quella di Leto è straordinaria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, vergognosamente, non lo conoscevo. E' stato davvero una sorpresa, fantastico!

      Elimina
  3. Bella lotta quest'anno agli Oscar, questo è davvero un bel film con ottime interpretazioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giá, una bella lotta davvero, anche se Mac sulla carta pare il vincitore ormai certo.

      Elimina
  4. Sarà una dura lotta domenica notte! Tifo ovviamente per Leo, ma il buon Matt sa il fatto suo, e con Leto qui è immenso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io tifo per Leo, ma temo che Mac si porterà a casa la statuetta.

      Elimina
  5. yeah jared leto si sbrana il film!
    e anch'io penso che mccoso sbranerà il lupo dicaprio agli oscar, purtroppo.
    anche perché mccoso nella serie true detective è ancora più bravo che qui, mentre leo in the wolf è al top del top della sua carriera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leto si, si mangia il film!Mac bisogna che lo recuperi in True Detective. Leo temo sia troppo scorretto per piacere all'Academy!

      Elimina
  6. Purtroppo non sono ancora riuscito a vedere questo film, che mi ispira molto... Oscar o non Oscar, andrò a vederlo.

    RispondiElimina
  7. Merita di essere visto, senza dubbio!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…