Passa ai contenuti principali

ALL IS LOST (tutto è perduto)



Regia: J.C. Chandor
Interpreti: Robert Redford

Trama: Durante un viaggio solitario attraverso l'Oceano Indiano, un uomo scopre al risveglio che lo scafo dello yacht di 12 metri è stato perforato in una collisione con un container mobile alla deriva. Privato della sua radio e della sua apparecchiatura di navigazione, l'uomo dovrà fare appello a tutta la sua energia e la sue esperienza per mantenere viva la speranza di avvistare una nave di passaggio. e sperare di sopravvivere..

J.C. Chandor è uno che ama le sfide, senza alcun dubbio.
Il suo primo film è stato il pregevole "Margin Call", cast stellare ma argomento terribilmente ostico.
Per la sua seconda opera decide, a mio parere, di osare ancora di più.


Un uomo solo, in mezzo al mare, e la sua lotta contro gli elementi per riuscire a sopravvivere. Giustamente, in una situazione del genere difficilmente ci si perderebbe in chiacchere, Chandor decide di far tacere quasi da subito il suo personaggio di cui non sappiamo nulla, nemmeno il nome....per 106 minuti...106 lunghissimi eterni minuti di un uomo solo, in mezzo al mare, in assoluto silenzio..
I critici seri probabilmente grideranno al miracolo, parleranno di interpretazione memorabile, tireranno fuori epica ed introspezione...io, che non sono certo una critica seria, anzi spesso cialtroneggio alla stragrande...io che ho fatto??
Ci ho provato, giuro, ce l'ho messa davvero tutta, ma niente, non ce l'ho fatta, non è scattata l'empatia. Anzi, è un vero miracolo che io sia riuscita a restare sveglia per tutta la durata del film.
"All is lost" ha messo davvero a dura prova la mia pazienza come raramente mi è capitato di recente. Per dirla fuori dai denti mi son venute due scatole grandi come una casa, per dirla in modo più raffinato trattasi di film tanto coraggioso quanto noiosissimo.
Il silenzio di "All is lost" non coinvolge, stanca.
Il  suo unico interprete. Robert Redford è un mito, uno che ha fatto parte della storia del cinema, che si è sempre distinto, bisogna dargli il merito, per scelte controcorrente, colui che ha inventato il "Sundence film festival". Ma  ha compiuto 77 anni.
77-a-n-n-i e si vedono tutti. Una ragnatela di rughe ed un caschetto biondiccio che han poco di poetico. Insomma, per quanto in buona forma fisica, per quanto avvezzo al mare ed alle sue insidie un protagonista di 77 anni perdonatemi ma mi pare davvero poco credibile.
Insomma lode all'azzardo ma, a mio parere, pessima la riuscita per un film che sono davvero curiosa di vedere come andrà dalle nostre parti.



Commenti

  1. Ho il timore di vederlo.
    Poi Robert Redford che a 247 anni sfoggia ancora il capello biondo... eddai, su...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai tu...secondo me puoi tranquillamente passare. E si, Redford con il capello biondo è ridicolo assai.

      Elimina
  2. lammerda spacciata per film d'autore.
    secondo me non è il regista a osare, è il povero spettatore che decide di vederlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a Chandor ho dato l'onore delle armi....coraggio ne ha avuto tanto ma il film è davvero terribile.

      Elimina
  3. Tosto, effettivamente. Ma più che altro freddo. Troppo. Questo per me è il suo limite più grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Freddo, noioso e con un protagonista a dir poco sbagliato.

      Elimina
  4. anche io ho una certa paura a vederlo...però m'attira...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso che sarei moolto curiosa di leggere un tuo parere!:-)

      Elimina
  5. Ecco, appunto, mi sa che questa volta passo :D

    RispondiElimina
  6. Per me puoi passare in scioltezza!

    RispondiElimina
  7. Pensavo di guardarmelo in lingua originale. Così, tanto per far pratica con l'inglese ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione che alcuni vocaboli potrebbero essere ostici!;-)

      Elimina
  8. In effetti, è poco credibile.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
  9. Decisamente. E Redford è invecchiato malissimo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…