Passa ai contenuti principali

VIVA L'ITALIA - COLPI DI FORTUNA DUE RECENSIONI IN UNA



Regia: Massimiliano Bruno
Interpreti: Michele Placido, Alessandro Gassman, Raul Bova
Trama: Michele Spagnolo, è un politico forte, di quelli che comandano  ha tre figli: Riccardo, medico integerrimo e socialmente impegnato che nulla vuole a che fare con il padre; Susanna, attrice  senza alcun talento; Valerio, un buonannulla in carriera. Michele tiene le fila delle loro vite, alla figlia la fiction del momento, a Valeria il Consiglio di Amministrazione della società, ed è passato indenne attraverso a mille scandali. Ma dopo una notte trascorsa con una soubrette televisiva,  viene colto da un malore, si salva, ma l'apoplessia ha colpito proprio la parte del cervello che controlla i freni inibitori ed ora il politico dice tutto ciò che gli passa per la testa, fa tutto senza la minima cognizione della gravità delle sue azioni.

Visto a casa, in una di quelle pigre serate in cui non c'è nulla che ti interessi particolarmente, alla ricerca di qualcosa da poter guardare, come al solito, tutti insieme. Non gli avrei dato un euro bucato, ma tant'è, il peggio che poteva capitare era di cadere svenuta sul divano, capirai che novità...Ed invece a cedere le armi per primi son stati i ragazzi ed io, ma che sorpresa, mi sono parzialmente ricreduta. Parte male, malissimo, ma alla fine si rivela una commedia italiana decisamente sui generis rispetto a quanto ci viene propinato di recente. Corrosiva e cattivella, mette alla berlina persone personcine e personaggi di una Italia sempre più ridicola.
Bravissimo, a tratti feroce, Michele Placido, discreti tutti gli altri. Incassi temo ridicoli.


Regia: Neri Parenti
Interpreti: Christian De Sica, Luca e Paolo, Francesco Mandelli, Lillo e Greg.
Prima che mi sotteriate dalle risate, dovete sapere che non c'è nulla di più conformista di un ragazzino. Tu puoi fargli vedere il meglio del meglio, i film più belli di questo mondo...ma se i suoi amici han già visto tutti il cinepanettone, e tu gli chiedi "Bon, ora che abbiam accontentato la bacarospa andando a vedere "Frozen" tu che vuoi vedere?" "Colpi di Fortuna mamma...." Ecco..appunto....e che vuoi fare?Dopo essersi informati sulle quantità di parolacce presenti dalle altre mamme del gruppo,  via, tutti e quattro a vedere "Colpi di fortuna"!.
Cosa dire...l'involuzione del cinepanettone, ovvero "Ridateci Vacanze di Natale!".
Tre episodi. Il primo un maxi spot delle attività del produttore di questo film interpretato da Luca e Paolo. Innoquo.
Durante il secondo ho riso, lo ammetto un pò con vergogna, pure io.
Sul terzo stendo un velo pietoso. Raffazzonato, stupido, trash nel senso peggiore del termine con il culmine della tristezza raggiunto quando appare qualcuno che ormai sarebbe ora davvero si ritirasse a vita privata.
Insomma, non si tratta di essere snob, le vaccate le fanno anche gli altri e robaccia come "Comic Movie" od il prossimo "Angry games" sono lì a dimostrarlo. Semplicemente "Colpi di fortuna"'è oggettivamente brutto. Vorrebbe rifarsi ad  una commedia all'italiana molto in voga per un certo periodo, ma è roba che nemmeno Eli Roth potrebbe rivalutare. Girato male, scritto da cani, recitato peggio. Unica nota positiva, un tasso di volgarità rispetto ad altri "cinepanettoni" decisamente basso. Per fortuna, perché fosse stato pure pieno di parolacce avrei chiesto il rimborso del biglietto.



Commenti

  1. Tu hai dipinto di nero il mio orizzonte cinematografico dicendomi che un giorno i miei figli potrebbero chiedermi di portarli a vedere il cinepanettone. Non ci posso credere... non i miei... ti prego, dimmi che non è vero... ;)

    RispondiElimina
  2. Ebbene si...potrebbe capitare..uno dei tanti inconvenienti della preadolescenza....:-)
    p.s. Però adora 007 anche!

    RispondiElimina
  3. Viva l'italia io l'ho adorato, in mezzo a tante commediacce ridicole come appunto colpi di fulmine, quella di Bruno (ex mitico martellone di Boris) riesce ad essere cattiva, pungente e ahimè molto attuale, il cast è validissimo, su tutti Placido, scrissi anche io la rece

    http://fabiobraccioni.blogspot.it/2013/12/viva-litalia.html

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ho visto solo il primo...non che mi abbia colpito molto, eccetto alcuni momenti di spassionata sincerità e malinconia. Però non male. Me l'aspettavo molto più qualunquista..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io. Invece si distacca dalle solite inutili commedie.

      Elimina
  6. A me Bruno piace molto. E Viva l'Italia mi ha piacevolmente sorpresa. L'altro non l'ho visto. A pelle non mi ispira ecco. =)

    RispondiElimina
  7. Verissimo, i ragazzini sono molto conformisti, ma è l'età, poi passa e tu potrai dargli la giusta educazione cinematografica che serve a questo mondo... ;-)

    RispondiElimina
  8. W L'Italia l'ho recuperato di recente su Sky, visto che sta passando un giorno sì e l'altro pure, e ti dirò che a me è sembrato troppo troppo retorico, buonista e in linea con una corrente politica che non condivido tanto. Forse sarà per questo che non riesco ad apprezzarlo appieno.

    RispondiElimina
  9. Si, il finale è buonista, ma non mi ha dato troppo fastidio. L'ho comunque trovato superiore alla media delle italiche commedie di oggi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…