THE WOLF OF WALL STREET



Regia: Martin Scorsese
Interpreti: Leonardo Di Caprio, Jonah Hill, Margot Robbie, Rob Reiner, Jean Dujardin, Matthew McConaughey.

Mi chiamo Jordan Belfort, l'anno in cui  ho compiuto 26 anni ho guadagnato 49 milioni di dollari il che mi ha fatto parecchio incazzare perchè con altri tre sarei arrivato ad un milione a settimana.


"Fare uscire i soldi dalle tasche dei clienti e farle entrare nelle tue". Il segreto per avere successo a Wall Street viene impartito al giovane "collegatore" Jordan Belfort il suo primo giorno di lavoro da Mark Hanna, "mister un milione", uno strepitoso Matthew McConaughey protagonista di 10 minuti che sono già cult, in cui  il buon Martin mette di fronte i due migliori attori  di quest'anno. Belfort suderà le proverbiali sette camice ed inizierà a lavorare come broker...il 19 ottobre 1987, il famoso "lunedì nero" che segnò il crollo di Wall Street. Ma Hanna ci aveva visto giusto, Belfort è sveglio, ambizioso e sarebbe capace di vendere qualunque cosa. Il nostro si sposta in provincia dove, insieme al socio Donnie Assoff fonderà la Stratton Oakmont, agenzia di brokeraggio che vende azioni spazzatura sulla pelle di poveracci attirati dal guadagno facile...ed i soldi per l'appunto cominceranno ad uscire dalle tasche dei clienti per entrare in quelle di Belfort e soci.
Tanti, tantissimi soldi, e case faraoniche, yacht da 52 metri, una mogli uscita diritta diritta da una rivista di intimo e molto, molto altro...
A me Scorsese non smette proprio di sorprendere. A 74 anni suonati questo mito, questo Dio della macchina da presa  dimostra l'energia di un ragazzino e soprattutto di avere ancora tanto da dare al cinema.

Senza voler impartire lezioni di morale e senza far sconti a nessuno, Scorsese ci mostra il mondo di un vero "lupo" e della sua compagnia di scimmie impazzite, fatto di party in ufficio a base di lancio di nani, prostitute, spogliarelliste, ed appunto tanta, tantissima droga, assunta in ogni modo ed in ogni forma possibile, non importa se scaduta dal 1981, persino durante un naufragio con  sottofondo "Gloria"di Umberto Tozzi (e per un momento ho pensato che ci fosse un imbecille in sala a cui squillava il telefonino....), al grido di "non voglio morire sobrio!!!".
"The wolf of wall street" è un doppio carpiato sulle montagne russe del grande schermo, lungo tre ore.
Grottesco, eccessivo, amorale, sboccatissimo, a tratti esilarante. Il ritratto irriverente ed, obviously, politicamente scorrettissimo,  di un imbonitore, di un venditore di fumo che, estrema presa per i fondelli,  non ha mai veramente pagato per quello che ha fatto. Una assurda, cazzutissima follia che soltanto uno come Scorsese, spalleggiato da Di Caprio, poteva fare. Applausi a scena aperta comunque anche alla sceneggiatura ed a tutti gli altri attori; davvero bravo Jonah Hill nei panni di un personaggio a dir poco disgustoso, protagonista di una delle scene più oscene di tutto il film, anche se la mia personale preferenza va a Rob Reiner - Mad Max, padre di Belfort davvero eccezionale.
Ed apriamo il capitolo Leo Di Caprio.
Un attore maiuscolo, eccezionale, che non deve più dimostrare nulla a nessuno, se qualcuno avesse avuto dei dubbi fino ad ora, guardando "Il lupo di Wall Street" si dissiperanno come la cocaina dentro il naso di Belfort. Nei panni di un "Grande Gatsby" strafatto Di Caprio è luciferino e grottesco, una sorta di Mr.Candy all'ennesima potenza. Praticamente perfetto....McConaughey in "Dallas Buyers Club" è impeccabile, ma secondo me l'Oscar, quest'anno, dovrebbe essere finalmente suo.









Commenti

  1. Devo stare calma.
    Stasera FORSE lo vado a vedere prima che dalle mie parti si scatenino le tempeste siberiane.
    Non ce la faccio più ad aspettare ç__ç

    RispondiElimina
  2. il fottuto capolavoro di cui tutti noi avevamo bisogno!

    e no, l'oscar mi sa che purtroppo dicaprio non se lo beccherà manco quest'anno, nonostante sia arrivato all'interpretazione più pazzesca della sua carriera. troppo ambiguo moralmente il personaggio rappresentato, sarà dura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Per l'oscar a Leo temo tu abbia ragione, specialmente a fronte di un concorrente come MacConaughey...

      Elimina
  3. Ho una scimmia che mi sta salendo per questo film, peggio di Renton chiuso a chiave nella sua stanza dai genitori per farlo disintossicare... Devo aspettare fino a sabato... 4 fottuti giorni del cazzo (per rimanere in tema)...

    RispondiElimina
  4. Anche io mi sono stranito un pò sulle note di Gloria, chissà come sarà contento Umberto Tozzi :D per il resto grandissimo film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io stavo per inveire contro "il solito deficente che non spegne il cell al cinema"...:-) Si, secondo me Tozzi è assai contento...grande film!

      Elimina
  5. Speriamo che DiCaprio finalmente lo vinca, sto benedetto Oscar...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci spero...ma temo abbia ragione il Cannibale!

      Elimina
  6. Film enorme, uno dei più grandi degli ultimi anni e della carriera di Scorsese.
    Stupefacente Di Caprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Filmone davvero. Opere così fanno bene al cinema!

      Elimina
  7. Sarà veramente una lotta dura la notte degli Oscar!
    Film, in ogni caso, già cult e già da rivedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, son molto curiosa di vedere chi uscirà vincitore. Film che ora vorrei vedere in lingua originale!

      Elimina
  8. Scorsese non me lo perdo di certo, ma Di Caprio non è la prima volta che dimostra di essere un attore coi fiocchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui è il top raggiunto fino ad ora, vai-vedi e facci sapere!

      Elimina
  9. L'ho adorato alla follia! E al Gloria di Tozzi sono scoppiato a ridere come un demente XD

    RispondiElimina
  10. Non posso che condividere il tuo post e speriamo che il nostro desiderio agli Oscar si realizzi!!!

    RispondiElimina
  11. Per quanto al momento McConaughey sia il mio mio personale di questo inizio 2014, spero davvero Leo vinca sto benedetto Oscar che sta diventando una cosa imbarazzante.
    Scorsese riesce ancora a sorprenderci e la cosa mi riempie di gioia! Gran film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mac è impeccabile ma Leo lo merita davvero, per questo ed anche per quanto fatto fino ad ora. Scorsese non smette di stupirmi...gli auguro una vita lunghissima e tanti tanti film ancora!

      Elimina
  12. Mi unisco ai cori favorevoli per questo film, l'ho adorato perché con un personaggio del genere non si può realizzare qualcosa di buonista, non ci deve essere per forza la morale "se fate così, diventate così". Sono stati tutti perfetti e non dare l'Oscar a Di Caprio sarebbe da pazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto edulcorare la storia sarebbe stato assurdo...e speriamo arriverà finalmente sto' benedetto Oscar!

      Elimina
  13. a Di Caprio le parti da simpatica carogna vengono BENISSIMO
    in PROVA A PRENDERMI era il recordman dei falsari, in THE AVIATOR (film in cui meritava l'Oscar) era il folle e sregolato Hughes, poi c'è GASTSBY (che non si sa come ha fatto i miliardi...)
    avrà l'Oscar quest'anno? non mi sbilancio, non avendo visto DALLAS BUYERS CLUB; ma comunque è un'interpretazione grandiosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ruolo di Mac, straordinario lo ripeto, è uno di quelli che piacciono molto all'Academy. Il personaggio di Leo un po' meno...vedremo...

      Elimina
  14. Leo e' il mio attore preferito da ormai 21 anni...e trovo questo film fantastico. Ciononostante avrebbero dovuto dargli l'oscar per the aviator o per blood diamond, qui secondo me e' bravississimissimo come comedian ma non e' un personaggio cosi' profondo e sfaccettato da interpretare come quasi tutti i suoi precedenti.
    per me le scene cult che tra 30 anni ce le ricorderemo ancora sono il canto del gorilla con Matthew Mc. e la discesa dalle scale fino all'apoteosi con Braccio di Ferro.
    Com'era il doppiaggio?

    RispondiElimina
  15. btw se anche voi vi siete domandati ma perche' diamine non vanno in svizzera in elicottero da portofino, anziche' andare a montecarlo, e come mai sono naufragati in cosi' poco mare, sappiate che i verita' erano a porto cervo, per quello dovevano arrivare a montecarlo e lo yacht (che era stato costruito per coco chanel e poi ristrutturato aggiungendo piani vari x belfort) e' affondato quindi nel Tirreno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho capito come mai hanno pensato di spacciare portofino per portocervo, a d'altronde se come canzone anni 90 hanno messo gloria...

      Elimina
  16. Il doppiaggio non mi sembrava malaccio (vorrei comunque rivedere il film in originale).Complimenti per le tue ricerche sull'intera vicenda, non sapevo nulla di questa cosa e di nulla nell'ubriacatura generale da filmone mi ero accorta..presto spero di riuscire a leggere il libro di Belfort. Gloria è stato un colpo di genio...

    RispondiElimina
  17. :-D
    siccome abitando a ginevra andavamo spesso nel tigullio per i weekend lunghi sia io che il senator ci siamo detti: ma che fessi, perche' non prendono l 'elicottero dalla barca x andare su a ginevra? cosi ho indagato e scoperto la "licenza di location"

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

PAURA EH??POLTERGEIST-DEATHGASM-SCHERZI DELLA NATURA-THE SHALLOWS

SANTA CLARITA DIET

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL