Passa ai contenuti principali

GOLDEN GLOBE AWARDS 2014 - I VINCITORI



Questa notte si sono tenuti a Los Angeles i 71 Golden Globe Awards.
Saltando preamboli inutili cominciamo con il premio che ci riguarda più da vicino.
- Miglior film straniero: La Grande Bellezza
A sperarci erano in tanti, a crederci davvero forse un pò meno. Sorrentino ce l'ha fatta, si porta a casa il Golden Globe per il miglior film straniero. Lo stimo parecchio e mi auguro di vederlo alla notte degli Oscar. A questo punto urge recupero immediato di quello che è stato definito da tutti un grande film.

Due parole, per quanto posso, anche su gli altri premiati. Non ho riportato volutamente la categoria televisiva perché, mi spargo il corpo di cenere, ma dei vincitori non ho visto nulla. Conto di recuperare almeno "House of cards" di prossima programmazione. 

- Miglior Film drammatico: 12 Years a slave
Vincitore annunciato, "Gravity" e "Rush" non avevano possibilità ammettiamolo, ha un grandissimo cast e sulla carta pare la perfetta macchina da Oscar. Tra quelli da vedere non appena uscirà.

- Miglior Film commedia: American Hustle
Sta ottenendo recensioni lusinghiere ovunque ed è il vero trionfatore della serata. Ma a me questo "American Hustle" continua a non ispirare  per nulla, sorry.

- Miglior Regista: Alfonso Cuaron (Gravity)
Premio meritato, meritatissimo. Il film può piacere o meno, per me è uno dei tre migliori film dello scorso anno, coinvolgere o no, ma Cuaron ha fatto un lavoro assolutamente eccezionale.

- Miglior Attore in un film drammatico: Matthew McConaughey "Dallas Buyers Club"
Contenta sulla fiducia, ma conto di vedere il film presto. Il buon Matthew aveva già dimostrato in un paio di altre occasioni di essersi lasciato alle spalle una carriera fatta di commedie inutili quanto non francamente irritanti, e di essere un attore con i controfiocchi. Bravo.

Miglior Attrice in un film drammatico: Cate Blanchett "Blue Jasmine"
Brava, bravissima. Fenomenale come sempre in un film che per me è stato un grande "mah??" e se non ci fosse stata lei, probabilmente, sarebbe stato un grande "no grazie" (recensione mi auguro a breve).

Miglior Attrice non protagonista: Jennifer Lawrence "American Hustle"
Ha qualità indiscusse, nonostante "Hunger Games", e sembra pure simpatica. Ma in questo caso, non avendo visto il film, non posso giudicare.

- Miglior Attore in una commedia: Leonardo Di Caprio "The wolf of Wall Street"
Attesa spasmodica per il film, siamo pronti a fiondarci in sala appena esce. Per quanto riguarda Di Caprio posso solo dire una cosa: Era-ora-che-pigliasse-un-premio...adesso l'Oscar please!!?

- Miglior Colonna sonora: Alex Ebert "All is Lost"
Giusto, giustissimo. In fondo è la sola cosa che ti impedisce di addormentarti durante il film...

- Miglior Canzone originale: "Ordinary Love" - U2 ("Mandela")
La canzone mi piace, quindi sono contenta. "Atlas" è atrocemente noiosa, "Let it go" è carina, ma forse troppo "disneyana"...premio per me meritato.

Miglior Attrice in una commedia: Amy Adams "American Hustel".
Vale quanto detto sopra per Jennifer Lawrence, con la differenza che la Adams rimane una delle preferite di mia figlia dopo "Julia e Julia"...quindi mi piace ancora di più.

Miglior Attore in un film drammatico: Jared Leto "Dallas Buyers Club"
Speravo, abbastanza ingenuamente per la verità, in un premio a Daniel Bruhl per "Rush". Ma, incredibile, sono contenta, sulla fiducia. Il film sembra bellissimo, lui pare bravissimo e se i film bellissimi con attori bravissimi vincono premi va bene.

- Miglior Sceneggiatura: Spike Jonze "Her"
Anche questo uno degli imprescindibili della lista...non ce la farò mai a vederli tutti...

- Miglior film animato: "Frozen"
Vittoria facile, scontata e meritatissima per un capolavoro dell'animazione moderna.










Commenti

  1. A questi punti, devo recuperare La grande bellezza, fortunatamente MeRdaSet mi darà una mano sulla TV in chiaro se non ho capito male.
    Per il resto, sono rimasta molto soddisfatta, anche sulla fiducia, l'unica pecca è che la mia amata Jessica Lange è stata snobbata per il secondo anno di fila, vergogna!

    RispondiElimina
  2. Ho sentito anche io stà cosa di Merdaset, chissà se è vera, e soprattutto chissà quanta pubblicitá ci piazzeranno in mezzo.

    RispondiElimina
  3. io ho visto il trailer di american hustle prima di wall street, mi e' sembrato un film mega coglionazzo ma fatto bene..comunque anche se leo e' il mio attore preferito in assoluto, anche su Bale vado sulla fiducia che di solito film brutti non ne fa mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente finiró con il recuperarlo anche io, ma senza fretta.

      Elimina
  4. Sottoscrivo in pieno il commento su Leonardo DiCaprio!

    RispondiElimina
  5. Lo spero, ma dopo aver visto Dallas Buyers Club l'Oscar credo sia già, meritatamente, di McConaughey

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…