THE CANYONS





Regia: Paul Schrader
Interpreti: Lindsay Lohan, James Deen

Trama:  Christian e Tara. Lui  ricco produttore cinematografico mantenuto da papà.
 Lei modella dall'autostima sotto i tacchi.  Coppia ovviamente apertissima e annoiatissima. Quando Christian accetta di ingaggiare Ryan, aspirante attore e fidanzato della sua fedele assistente, per la nostra perversissima coppia cominceranno i guai.

Volevano farci discutere, scandalizzarci.
Dietro la macchina da presa uno che è, a questo punto dovremmo dire "stato", un discreto regista, mi viene in mente "American Gigolò"  ma soprattutto ha scritto per il cinema cosucce come "Taxi Driver"  e "Toro Scatenato". 
Qui sceneggia  invece quello che, a mio parere, non è mai stato poi un così grande scrittore, Breat Easton Ellis, ma che ha saputo analizzare con lucidità ed un pizzico di perfidia gli anni '80.
L'intenzione, probabilmente, quella di fornirci l'ennesimo ritratto della fauna losangelina, ricca, vuota, annoiata e perversa.
Il risultato? Uno dei film più inutili degli ultimi anni.
"The Canyons" è una pellicola che vuole essere furba, ma finisce con l'essere triste.
Non funziona nulla.
Non la storia, ormai trita e ritrita, in cui si cerca la trasgressione a tutti i costi. Dalla prima scena con smanettamento di mazza da parte del ragazzino intanto che la nostra coppia è all'opera, la truffa però si intuisce. Più che scandalizzarsi lo spettatore infatti, per tutto il film si annoia a morte, quando non è preda di istinti omicidi verso i due cani mostruosi che sono stati scelti per interpretare il film.
Lei....Lindsay Lohan. Baby star triturata da una vita di eccessi, 27 anni che sembrano 50,  eletta simbolo del nulla che viene rappresentato in questo film.
Già attrice non certo eccelsa, sfigurata, gonfia, qui è intensa ed espressiva come una cassapanca.
Lui  James Deen,  preso dal porno e destinato a ritornarci presto, in quanto trattasi di attore del cazz.. abituato a recitare con ben altre parti del corpo, e si vede.
Volevano farci discutere sul nulla.
Ne è uscita bruttura e noia, noia e bruttura di cui, francamente, ho già parlato pure troppo.
Se il film cosiddetto intellettuale è questo, allora lunga vita alla saga di "Fast and Furious".




Commenti

  1. bret eason ellis non è mai stato un così grande scrittore?

    no, vabbè dai. certe cose non le accetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorry..mai subito il fascino di Ellis e dei suoi libri.

      Elimina
  2. Non so dare un giudizio complessivo allo sceneggiatore, ma questa roba di film non la vedrei manco se mi pagassero. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci ho speso soldi per fortuna, e' stata una visione diciamo casalinga, altrimenti sarei stata ancora piu' arrabbiata!

      Elimina
  3. Vedo che lo considerano tutti un capolavoro sto film... ahahah... Maronnamia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. n'a' fetenzia...e son stata raffinata!

      Elimina
  4. Ti faccio davvero i miei complimenti . Un Blog coi fiocchi !!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

PAURA EH??POLTERGEIST-DEATHGASM-SCHERZI DELLA NATURA-THE SHALLOWS

SANTA CLARITA DIET

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL