Passa ai contenuti principali

STEVEN SPIELBERG DAY - MUNICH

Per chiudere degnamente l'anno, in questo mese di dicembre per le consuete celebrazioni, il solito gruppo di blogger cinefili ha deciso di puntare in alto. Non che le precedenti celebrazioni fossero state di bassa qualita' (scherziamo?sono state degne dei critici cinematografici di piu' alto livello..mica pizza e fichi!), ma oggi, 18 dicembre, facciamo gli auguri a Steven Spielberg.
E per farlo come si deve, ho scelto quello che per me è uno dei suoi film migliori, "Munich"
Il 5 settembre del 1972 un commando che faceva capo a Settembre nero fece irruzione nella palazzina che ospitava gli atleti israeliani al villaggio olimpico di Monaco. Due di loro furono subito uccisi, gli altri presi in ostaggio morirono all'aeroporto dopo un tentato blitz della polizia tedesca. Il primo ministro israeliano Golda Meir dopo una riunione con i capi politici e militari, ordinò l'uccisione dei responsabili. Venne organizzato un gruppo eterogeneo comandato da  Avner Kauffman. Munich racconta cosa successe in quei giorni. 

"ogni civiltà, a un certo punto della sua storia, deve venire a patti con i suoi valori"


Un  cine -blogger, non ricordo più chi (anzi se qualcuno leggendo si riconoscesse in questa affermazione, può farmelo gentilmente sapere?), una volta scrisse "è più facile recensire un film che non ci è piaciuto". Aveva ragione. Un film brutto lo puoi allegramente spernacchiare, se un film ti è piaciuto, quando addirittura non lo hai amato visceralmente,  spesso, per un dilettante, è più difficile trovare le parole giuste per esprimere ciò che quello che hai appena visto.
Quindi avviso subito che la recensione di "Munich" sarà indegna del film.
Perchè  "Munich" io l'ho amato moltissimo.
Spy-story tecnicamente perfetta e, nonostante la sua lunghezza, senza cadute di tono, "Munich" va però decisamente oltre.
Spielberg, che è sempre stato accusato di essere eccessivamente buonista, questa volta spiazza tutti con un film che non può lasciare indifferenti.
Colui che meglio di tutti ha saputo rappresentare sullo schermo i nostri sogni di bambino, offre uno sguardo lucido e durissimo su quanto successe a Monaco nel 1972. Il mondo guardò attonito ed agghiacciato la tragedia abbattersi su degli innocenti, nemmeno i Giochi Olimpici ormai erano più terra di fratellanza e di pace.
Ma non credete a chi vi parlerà di un film politico.
Con "Munich" Spielberg, non si schiera. Non possono esserci vincitori in uno scontro tra due popoli che dura da troppo tempo, ma tutti sono sconfitti, i morti come i vivi. 
Avner stesso, cresciuto convinto, come ognuno di coloro che si troveranno a "combattere" su entrambi i fronti, di essere nel giusto, partirà deciso ad uccidere i responsabili del massacro di Monaco. La missione avrà fondamentalmente successo, saranno eliminati sette terroristi su undici, ma Avner si chiederà ben presto quale sia il senso di tutto questo, in fondo i capi palestinesi uccisi sono stati sostituiti immediatamente da qualcuno altrettanto feroce. Tornerà a casa, ma non sarà più lo stesso uomo perché capirà che in un conflitto del genere la ragione forse, non esiste, mentre il debito di sangue sarà destinato a continuare.
Insomma, se pur recensito malamente, "Munich" è un film bellissimo.
Interpretato tra gli altri da Daniel Craig, Mathieu Kassowiz, Geoffrey Rush ma soprattutto da un bravissimo  e coinvolto Eric Bana  è un film  cupo, dolente, pessimista eppure in certi momenti di una intensità capace di commuoverti. 

Brindano con me a colui che, nonostante (forse) qualche inciampo, rimane uno dei più grandi registi della storia del cinema,
Recensioni Ribelli
Aloha los Pescadores
Life functions Terminated
Non c'è paragone
Cooking Movies 
Bollalmanacco
Pensieri Cannibali
Director's Cut
Obsidian Mirror
Combinazione Casuale
In Central Perk
Le Maratone di un Bradipo Cinefilo
Montecristo
Ho voglia di cinema
Il cinema spiccio
Movies Maniac
White Russian
Il giorno degli zombi






Commenti

  1. a me questo film piace moltissimo, se non lo avessi preso tu lo avrei preso io...Buon Steven Spielberg Day...piccola comunicazione di servizio: ho inviato un link sbagliato, quello corretto è questo : http://bradipofilms.blogspot.it/2013/12/steven-spielberg-day-schindlers-list.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la tua scelta non è certo male. Per me i nostri rientrano tra i capolavori di Steven. Buon SSD a te! (aggiorno subito il link)

      Elimina
  2. Non l'ho mai visto ma, data la passione con cui lo hai recensito, cercherò di recuperarlo presto!
    Buon Spielberg Day!

    RispondiElimina
  3. Cercherò di recuperarlo facendomi prima un vaccino antiSpielberg.

    RispondiElimina
  4. Visto qualche anno fa ed è piaciuto moltissimo anche a me. Secondo me il problema di Spielberg degli ultimi anni è che ti sa tirare fuori un capolavoro, alternandolo ad almeno due o tre bestialate.

    Questo è un capolavoro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho perso un pò di vista le sue ultime cose però qui stiamo parlando di un filmone, insieme ad altri recensiti da voi, davvero con i controfiocchi!

      Elimina
  5. Mi devo flagellare qua. Non l'ho mai visto. Devo recuperarlo.. Buon Steven day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una che ha recensito "ET" mica si può flagellare..che scherziamo???Comunque recupera, che ne vale la pena.

      Elimina
  6. Molto bello e molto duro. Concordo, niente buonismi o retorica per Spielberg in questo film, forse un po' spettacolarizzato (sull'onda dell'inizio di Salvate il Soldato Ryan), ma ci sta tutta. Spiace un po' che quel bravo Eric Bana si sia poi visto poco in giro perché prometteva proprio bene (o magari sono io che sono stato poco in giro)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sfortunatamente Bana si è visto poco o in parti meno intense di questa. (ma pure io non sono molto in giro).

      Elimina
  7. Ecco, questo è uno degli Spielberg che non sopporto. Buon SSD

    RispondiElimina
  8. Non l'ho ancora visto!
    Non so se l'ho mai detto, ma mi riconosco pienamente nella frase "E' più facile recensire un film che non ci è piaciuto". A un film che amiamo perdoniamo qualsiasi difetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io ho visto "Prova a prendermi". Hai ragione, ai film che amiamo perdoniamo praticamente tutto.

      Elimina
  9. Io provai a vederlo quando uscì in videoteca e.... mi addormentai!
    Proverò a dargli un'altra chance magari!

    Buon SSD comunque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si...merita decisamente!Buon SSD anche a te

      Elimina
  10. Ammetto di non averlo visto. Uccidetemi pure. Il fatto è che ho letto da troppe parti del suo effetto soporifero e io sono uno dall'abbiocco facile....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film sicuramente dotato di una sua atmosfera particolare..ma no, non è soporifero...son rimasta sveglia, garantisco!

      Elimina
  11. non l'ho mai visto e questo steven spielberg day sarebbe stata la volta buona.
    se solo tu non me l'avessi soffiato eheh :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cogli comunque l'occasione che la vale tutta!

      Elimina
  12. mi manca.. a breve lo recupero volentieri!!

    RispondiElimina
  13. Un film troppo sottovalutato che ho sempre trovato splendido, forse addirittura il più autoriale di Spielberg. Bellissimo.

    RispondiElimina
  14. Uno dei pochi suoi che mi mancano, mannaggia a me...

    RispondiElimina
  15. Mi manca, lo devo recuperare, se poi è senza la sua solita retorica patriottica, ben venga! Buon SSD!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Recupera, recupera! Buon SSD anche se in ritardo!

      Elimina
  16. questo è un signor film! se solo non me l'avessi soffiato... :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare fosse conteso!comunque si, un signor filmone!

      Elimina
  17. anche a me è piaciuto molto, davvero ben orchestrato, teso, coinvolgente!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…