Passa ai contenuti principali

J.I.JOE LA VENDETTA


Regia: Jon Chu
Interpreti: Dwayne Johnson, D.J.Cotrona, Adrianne Palicki, Bruce Willis, Jonathan Pryce, Channing Tatum

Trama: La squadra dei G.I. Joe è attirata in un'imboscata e decimata. Sopravvivono soltanto in tre. Il mandante della strage è il Presidente degli Stati Uniti, o meglio, Zartan che ha preso il suo posto per aprire la strada verso la Casa Bianca ai Cobra, che hanno un piano per disarmare gli arsenali nucleari delle principali potenze mondiali e poi minacciarle con nuove armi di distruzione. Per mandare a monte il diabolico piano i tre sopravvissuti dovranno stringere alleanze con vecchi nemici ed andare alla ricerca del "Joe" originale.


Ci sono film talmente cretini a cui si finisce con il voler bene per forza.
Film che guardi consapevolmente con i neuroni spenti, bella rilassata, magari con pop corn e cocacola.
E' il caso di questo "G.I. Joe la vendetta", secondo capitolo della non troppo, per la verità, fortunata saga tratta dai pupazzotti Hasbro.
Già il suo predecessore mi era piaciuto, debbo essere stata una delle poche. Al contrario dei Transformers pareva quasi ci fosse un tentativo di "nobilizzare" il tutto, attraverso un cast che annoverava, oltre Channing Tatum e Dennis Quaid attori Joseph Gordon Levitt, nonchè Sienna Miller, abituati a ben altro genere di pellicole. Tra uno sparo e un botto, si cercava di parlare di amore e onore, il che divertiva tantissimo, e si vedeva. Risultato un piacevolissimo film di intrattenimento con un cast davvero notevole, seppur in vacanza premio.
Bon...in "G.I  Joe  la vendetta", questo tentativo di "elevare" un blockbuster viene messo del tutto da parte.
La regia passa da Stephen Sommers a Jon Chu, che con questo film passa da Step Up 2 e 3 ad una produzione un pochino più importante. E non se la cava nemmeno male.
Perché  in "G.I. Joe  la vendetta" non si perde tanto tempo a chiaccherare, ci si mena o si spara. 
Il personaggio di Channing Tatum, sia mai risulti troppo intellettuale, viene fatto secco subito.
Il protagonista principale qui è "The Rock", che, diciamo la verità, somiglia davvero ad un G.I. Joe. Il nostro è perfetto della parte di Roadblock, un nome un programma. Espressività ridotta al minimo, giusto giusto un accennino di vita privata, due bimbette, e via, a menar le mani senza troppi patemi.
Lo affiancano tale D.J. Cotrona, che fa quello che deve e Adrianne Palicki, un deciso pezzo di fanciulla che mena e spera meglio e più di un maschietto.
Ma soprattutto c'è lui, l'uomo a cui noi vogliamo davvero tanto bene, una vera e propria garanzia per i film d'azione, BrusUillis! Lui, colui che ha creato i Joe, messo ingiustamente in pensione e pronto o a tornare in pista, nonchè dotato di una casa particolarmente attrezzata per passatempi un pò particolari..e lo spettatore, quando c'è lui, sempre ringrazia.
Insomma, trama ridotta al minimo (chissenefrega dai...) sequenze al limite dell'incredibile ed azione a gogò...un pò pochino??Vabbè, ogni tanto ci vuole....

Commenti

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…