Passa ai contenuti principali

IL PEGGIO DEL 2013

Fine anno, tempo di bilanci cinematografici anche qui, su "Cinquecentofilminsieme" che, per la prima volta, si cimenterà con quanto di brutto e quanto di bello passato da queste parti. Non ho visto così tanto da fare addirittura una classifica "a puntate", mi limiterò ad un paio di post, più la top 3 per quanto riguarda i film in cui riassumerò tutto il mio meglio ed il mio peggio per questo 2013 che sta per terminare.
Cominciamo ovviamente dal peggio:

- Peggior Attrice: Lindsay Lohan per "The Canyons".
Manifesto vivente del nulla più assoluto. Gonfia, sfatta, intensa come un pezzo di compensato, riesce ad essere persino più irritante di Kristen Stewart . Premio cagna dell'anno.

- Peggior Attore: e qui abbiamo un ex-equo.
Si spartiscono l'ambito trofeo Josh Hutcherson, il Peeta della saga di "Hunger Games" e James Deen per "The Canyons". Il primo perché è un bietolone della peggior specie, al suo confronto Channing Tatum pare Laurence Olivier. Il secondo, degno coprotagonista di quella immonda porcheria di "The Canyons" perché trattasi di attore porno che, come già scritto nella recensione, recita veramente alla cazz  con i piedi.

Peggior Tamarrata dell'anno: "Olympus has fallen".
Io adoro questo genere di film, ormai si sa. Sono il mio guilty plesure per eccellenza. Mi piace da pazzi  spegnere i neuroni per due orette e guardare questa robaccia qui. Ma quando è troppo e troppo dai..la stronzata qui è di proporzioni veramente bibliche. Ho riso moltissimo, ma sospetto che non fosse quello lo scopo del film.



- Peggior film di animazione: "Dino e la macchina del tempo".
Una cosetta talmente flebile ed inutile che persino la bacarospetta, appena uscita dal cinema, se lo era già dimenticato.

- Peggior film horror : "La madre".
 Nonostante una coinvolta Jessica Chastain, un horror davvero deludente con un fantasma assolutamente ridicolo. Alla fine il tutto risulta più noioso che spaventoso.

- Peggior  regia: Paul Schrader
Colui che ha diretto "American Gigolò"ma soprattutto sceneggiato una cosetta come "Taxi Driver" si è cimentato, nel tentativo forse di creare scandalo, in una porcheria come "The Canyons", che probabilmente sarà la pietra tombale su una gloriosa carriera.

- Peggior sceneggiatura: Breat Easton Ellis per...ovviamente "The Canyons".
Sarà pure stato un grande scrittore, ma è dagli anni 80 che, in salse diverse, ci propina la solita fuffa. E la sceneggiatura di "The Canyons" è qualcosa davvero di atroce. Personaggi al limite del ridicolo, situazioni assurde, dialoghi imbarazzanti.

- Peggior film:  "The Canyons".
Bruttura e noia, noia e bruttura. Presuntuoso, pretenzioso pistolotto pseudo scandalistico. Diretto con la mano sinistra, scritto da cani e recitato peggio.
Vera e propria cacca pseudo autoriale.

E questo è il peggio, secondo me.
Domani vedremo quanto di bello, invece, è passato su questi schermi nell'anno che si sta per concludere.




























Commenti

  1. A questo punto quasi mi dispiace di non aver ancora visto The Canyons: mi sa tanto che sarebbe entrato anche nella mia decina del peggio! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É veramente orrendo..lascialo pure perdere!

      Elimina
    2. hai parlato così male di The Canyons che quasi quasi lo guardo ahaha
      e devo recuperare anche Olympus has fallen

      Elimina
    3. Ma vuoi proprio farti del male eh??

      Elimina
  2. Ancora non ho visto the Canyons, ma appoggio incondizionatamente Olympus has fallen.
    Mille volte meglio il filmone di Emmerich

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che non ho visto il film di Emmerich per paura si trattasse di una robaccia..dovró recuperarlo allora!

      Elimina
  3. The Canyons, lo scult dell'anno, che mi sono perso (e non ho perso nulla). Non so se come anno d'uscita ufficiale sia il 2013, ma io l'ho visto nel 2013 To the Wonder di Terence Malick, mia grandissima delusione (visti i film fatti prima).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di To the wonder ne ho letto così male che, pur incuriosita, alla fine ho lasciato perdere.

      Elimina
  4. Mi sembra di capire che The Canyons proprio non sia piaciuto, vero?
    Già dimenticato per me, e relegato alla sezione Veneziana dei premi, dove non aveva brillato per niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, ho letto che a Venezia ha scontentato tutti...eh ci credo...

      Elimina
  5. eh eh The Canyons uber alles...un po' come Smiley che credo sia imbattibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Smiley purtroppo (o per fortuna) non l'ho visto..

      Elimina
  6. Alla faccia del "A Natale siamo tutti più buoni!"... Ti hanno fatto avvelenare :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noo...è che qui c'è il brutto brutto brutto del 2013...nei prossimi giorni arrivera' il bello bello!

      Elimina
  7. pienamente d'accordo su Canyons la Lohan Schrader, insomma per tutti coloro che sono dietro a quella porcata colossale

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…