Passa ai contenuti principali

HUNGER GAMES - LA RAGAZZA DI FUOCO



Regia: Francis Lawrence
Interpreti: Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, Liam Hensworth, Donald Sutherland, Philip Seymour Hoffman.
Trama: tornati a casa dopo aver vinto gli Hunger Games, Katniss e Peta intraprendono il Tour della Vittoria attraverso i distretti di Panem. Scopriranno presto il loro gesto ha dato vita a focolai di ribellione. Si avvicina intanto il settantacinquesimo anno dei giochi ed  il presidente Snow, fermamente deciso a distruggere Katniss, ormai diventata un simbolo, e fermare ogni accenno di rivolta, ha organizzato una edizione decisamente particolare..

"Nel settantacinquesimo anniversario, affinchè i ribelli ricordino che anche il più forte tra loro non può prevalere sulla potenza di Capitol City, i tributi maschio e femmina saranno scelti tra i vincitori ancora in vita…"

Non sono tra  gli estimatori del primo "Hunger Games". Nonostante parta da tematiche interessanti e con un cast di prim'ordine, l'ho trovato una grossa occasione perduta. Certo, non siamo ai livelli di un "Tuailait" qualsiasi, non fosse altro che per la protagonista principale, Jennifer Lawrence si trova su un altro pianeta rispetto  Kristen Stewart, ma resta comunque un filmetto leggero e superficiale. Il paragone con "Battle Royale" è totalmente insensato; con "Hunger Games" è non si è voluto rischiare, e si è preferito rimanere nel più sicuro ambito del film per adolescenti. Peccato, grossa occasione sprecata. 
Proprio perchè il primo mi aveva assai deluso, mai avrei pensato di dare una possibilità a "la ragazza di fuoco". Ma qualche tempo fa ho letto i tre libri della saga scritta da Suzanne Collins. E mi sono piaciuti.
Certo, non entreranno nella storia della letteratura mondiale, ma si sono rivelati un piacevole intrattenimento, oltretutto un filino più sfaccettati di quello che possono apparire ad una prima occhiata.
Dei tre il peggiore è il primo, il migliore il terzo. Il secondo è discreto. Sorta di "passaggio-ponte" tra l'inizio e la (prevedibile) conclusione di tutta la vicenda, con qualche spunto interessante. Insomma, poteva venirci fuori un film abbastanza interessante. Così, forte della lettura del libro, mi sono approcciata con curiosità a "La ragazza di fuoco". Che invece, purtroppo, soffre degli stessi imperdonabili difetti del suo predecessore.
Il cambio di regia non si è sentito per nulla.
La tematica di partenza, sicuramente molto più adulta rispetto ad altre saghe di genere, viene affrontata in maniera estremamente superficiale. Il film si perde in inutili lungaggini sul rapporto Katniss-Peeta-Gale, mentre la parte più politica, primi fuochi della ribellione compresa, è trattato in maniera decisamente frettolosa.
Jennifer Lawrence è brava, per carità, bravissima, riuscirebbe a rendere credibile qualunque cosa. Ma concentrarsi soltanto sul personaggio di Katniss non fa certo bene al film. Attorno a lei, infatti, c'è il nulla più assoluto.
Il carnevale è quello del primo film, con Elizabeth Banks e Stanley Tucci, al limite del ridicolo, mentre a Lenny Kravitz bisogna dare almeno l'onore delle armi per averci provato. Peeta è un bambolotto senza grinta. Hutcherson ha sempre la stessa espressione, sia che festeggi la vittoria agli Hunger Games, sia che stia quasi per morire dentro l'arena durante l'edizione della memoria. Gale è pure peggio, pare un cagnolone perennemente incazzoso. Quando bacia Katniss ha il trasporto degno del peggior attore di soap opera, legnoso come non mai. Come se non bastasse, sono state tagliate parti estremamente importanti ai fini della storia, l'incontro con i fuggiaschi del Distretto 8, il colloquio tra Plutarch e Katniss alla festa e altro, che invece sono presenti nel libro. Dopo una prima parte abbastanza noiosetta, si ritorna nell'arena.  La scelta di farci conoscere soltanto i tributi con cui Katniss si alleerà, tanto gli altri sono carne da macello quindi chissenefrega, è indice della superficialità dell'intera pellicola. Oltretutto manco si sprecano troppo. In quattro e quattr'otto diciamo addio a Mags e "Rotella" (o era "Lampadina"?).
Finnick  e Joanna Manson, protagonista di un siparietto che vorrebbe alleggerire l'atmosfera in realtà degno di una commedia di terza categoria, sono un grosso boh?Così come Philip Seymour Hoffman e Donald Sutherland impegnati in quella che viene comunemente definita "interpretazione alimentare". 
Insomma, il risultato è una brutta copia di un misto tra "The Running man" e "Rollerball", dove tutti sono cattivi ma poi diventano buoni  soltanto per seguire due tizi a cui, fondamentalmente, della rivoluzione non frega nulla. Anche in questo secondo capitolo è mancato un pò di coraggio in più, e "La ragazza di fuoco" non è altro che una storiella romantica per adolescenti, un filmetto insulso e senza approfondimenti di nessun tipo. Ed il "canto della rivolta" si preannuncia un flebile sussurro...

Commenti

  1. Alla fine l'ho evitato. Il primo l'avevo visto per curiosità ma perché farsi male anche col secondo? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho voluto guardare perche' il libro non mi e' dispiaciuto per niente. Ma ho forti dubbi che vedro' il terzo.

      Elimina
  2. Il primo mi aveva abbastanza deluso. Il secondo mi ha convinto di più. Certo non mi strappo i capelli per la saga, ma è almeno un tentativo di avvicinare i ragazzi e le ragazze alla lettura non propinandogli cagate simil Twilight. Ecco. Per questo apprezzo un po' il tutto. I libri mi mancano, vorrei leggerli. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal punto di vista dei libri son d'accordo. Ben venga qualunque cosa faccia avvicinare i ragazzi alla lettura. Poi son piaciuti anche a me, che non son piu' una ragazzetta.:-) proprio perche' ho trovato i libri piacevoli i film mi son parsi ancora piu' deludenti!

      Elimina
  3. Che dire, la penso proprio come te!

    RispondiElimina
  4. Concordo in pieno. Una schifezzina edulcorata e per niente interessante.

    RispondiElimina
  5. @Jean lo so'..avevo letto qualcosa..
    @Ford un po' mi dispiace, il punto di partenza era interessante e materiale per qualcosa di buono poteva esserci!

    RispondiElimina
  6. Rollebrall e The running man sono mooooolto meglio...

    RispondiElimina
  7. Il primo l'ho visto e adesso guarderò il secondo. Certamente non un capolavoro, ma più che altro lancia messaggi subliminali.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poteva venir fuori decisamente qualcosa di meglio..

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…