Passa ai contenuti principali

FREE BIRDS -TACCHINI IN FUGA



Un film di: Ash Brannon
Con le voci originali di: Owen Wilson, Woody Harrelson, Amy Poehler

Jake: 'Una mappa!'
Reggie: 'Mica avranno scritto macchina del tempo su... Mh, sì, l'hanno scritto'


Dicembre, comincia un periodo in cui si va spesso al cinema tutti insieme.
Ovviamente la scelta del film è di competenza dei bacarospi che, dopo aver snobbato "Planes" ed in attesa di "Frozen" hanno optato per questo "Tacchini in fuga".
Reggie è un tacchino un pò sui generis, che non riesce ad integrarsi con il gruppo di copennuti un pò stupidotti e ad abituarsi ad una vita fatta di scorpacciate di mais, in attesa di ingrassare e trasformarsi in cibo per il giorno del Ringraziamento. Un colpo di fortuna lo trasformerà nel "Tacchino graziato" dal Presidente degli Stati Uniti e gli regalerà una vita fatta di agi..e pizza. Purtroppo destinata ad una breve durata.Una notte verrà infatti rapito da Jake, unico membro del Fronte di Liberazione dei Tacchini, che lo coinvolgerà in una folle missione, tornare indietro nel tempo e cambiare menu del Giorno Del Ringraziamento.

Allora. Il debutto nell'animazione della Reel Fx è senza dubbio tecnicamente lontano millemiglia dai grandi classici Pixar e Disney, la grafica è abbastanza elementare e visivamente non c'è nulla che lasci a bocca aperta.
Il titolo italiano, con poca furbizia, richiama lo splendido "Galline in fuga" con cui questo "Free Birds" non ha nulla a che fare.
La storiella è davvero esile, e, nonostante la variante "vegetariana" ricalca quanto già visto in molti film, ovvero il viaggio nel tempo per cambiare una situazione non proprio piacevolissima.
Eppure, nonostante le premesse, non mi sento di bocciarlo in toto.
Certo, siamo lontani dai grandi classici dell'animazione, eppure, alla fine "Free Birds" non mi ha del tutto delusa.
Riesce ad intrattenere piacevolmente per una oretta e mezza i bambini senza che gli adulti si addormentino, anzi, scatenando ogni tanto anche in loro qualche sonora risata.
I due protagonisti Reggie e Jake, simpatici.
Il primo, tacchino intelligente ma non saccente, si scoprirà predestinato e troverà la sua strada dove non avrebbe mai pensato. Il secondo così tonto da far tenerezza, rivelerà un passato un pò difficoltoso ed un futuro da guerriero.
Carini anche i personaggi di contorno, adeguatamente divisi tra buoni e cattivi, che scopriranno presto una nuova alternativa al menu per il giorno del Ringraziamento.
Insomma, niente di epocale, però Ash Brannon, già regista del primo "Toy Story" riesce a costruire un film adatto a tutta la famiglia, che ti fa passare un'oretta e mezzo piacevole.
E per questa volta ci accontentiamo.




Commenti

  1. Pensavo fosse molto peggio. A questo punto lo recupero, sperando sia meglio di Planes! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una cosina semplice semplice..ma a me ha divertito assai

      Elimina
  2. io avrei voluto vederlo ma al cinema lo danno ad orari troppo bambineschi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si..l'eta' media del pubblico e' bassina infatti...

      Elimina
  3. Non gli avrei dato due soldi di fiducia...e anche qui c'è fermento per il regno di ghiaccio. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il regno del ghiaccio ha un hype altissimo..questo e' caruccio per un pomeriggio scacciapensieri!

      Elimina
  4. Ad incrociare date ed orari giusti sarebbe da portarci i bimbi al cinema

    RispondiElimina
  5. davvero bello, mi ha stupito molto! divertente e allegro, un classico cartone proprio per tutti!!!
    matti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si..adattissimo per divertirsi insieme

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…