Passa ai contenuti principali

THE READER

Oggi si parla di libri.
E' un periodo che non leggo tantissimo, almeno rispetto a quanto lo facevo prima. 
I ritmi sono sempre più frenetici e spesso la sera sono così stanca da crollare addormentata non appena mi metto sul divano.
Ma ogni tanto capita di riuscire a terminare qualcosa e di trovarlo persino decente. Parlare di un libro, a meno che non mi abbia veramente rubato il cuore (o sia clamorosamente brutto) in maniera completa mi è più difficile rispetto al raccontare ciò che penso di un film. Quindi ho deciso di tediarvi con una rubrichetta mensile (o poco più) in cui riassumo ciò che, nel bene e nel male, sono riuscita a leggere. Partiamo con i romanzi che mi hanno fatto compagnia durante l'estate.
World War Z (Max Brooks) davvero bello. L'ho letto in lingua originale e pertanto necessita di una rilettura in italiano, alcune parti sono state davvero di difficile comprensione. Ma sono d'accordo con chi ne tesseva le lodi. Con un po' di coraggio da materiale di tale portata sarebbe venuto fuori un film grandioso. Voto 8 (lo devo rileggere e capire davvero fino in fondo..).

Cartoline di Morte (James Patterson): io i romanzi di Patterson, l'inventore del personaggio di Alex Cross, li adoro. Certo, sono semplici e a volte un pochino prevedibili, ma l'autore riesce a tenere inchiodato il lettore fino all'ultima pagina. E questo "Cartoline di morte" non è da meno. Perfetto per una lettura rilassante. Voto 6
L'alba si portò via la notte (Laura Orsolini) una bella sorpresa. Il racconto di una donna che sceglie di cercare il proprio destino lontano da casa, in Africa, negli anni che precedono la seconda guerra mondiale. Una lettura piacevole, forse un po' ingenua, ma comunque interessante. Voto 6


Drive in (Joe R.Lansdale) non avevo mai letto nulla di Lansdale. Forse ho iniziato dal romanzo sbagliato. Riconosco un buon scrittore quando lo leggo, ma confesso che, nel complesso, sono rimasta abbastanza sconcertata. Voto: n.g. 


Commenti

  1. World War Z l'ho comprato giusto l'altro giorno, approfittando dell'offertissima per Kindle a 0.99€. Non potevo certo lasciarmelo sfuggire. Sono molto curiosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello davvero. Ma con il film non c'entra un tubo!

      Elimina
  2. Il Drive in di Lansdale è un racconto talmente assurdo che capisco possa lasciare basiti. Sì, non è l'opera migliore dello scrittore per cominciare.

    RispondiElimina
  3. Di Lansdale dovresti riprovare con la saga di Hap & Leonard. io vado in astinenza da un volume all'altro:
    Una stagione selvaggia - Mucho Mojo - Il mambo degli orsi - Bad Chili - Rumble Tumble - Capitani oltraggiosi - Sotto un cielo cremisi - Devil Red
    E comunque, sarà per il genere, che non apprezzo nemmeno nei film, ma la notte del drive in e i successivi sono i romanzi di Lansdale che ho apprezzato meno.

    RispondiElimina
  4. @Frank e Poison. Si, il racconto è davvero troppo assurdo. Ho decisamente sbagliato inizio per avvicinarmi a Lansdale. Intanto mi segno i volumi di Hap e Leonard.

    RispondiElimina
  5. Joe R.Lansdale mi è piaciuto, un tempo, poi ha cominciato a essere seriale e noioso.
    il suo migliore, per me, è "In fondo alla palude"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segnato anche quello. Evidentemente ho proprio sbagliato libro per cominciare.

      Elimina
  6. Wow non sapevo che World War Z fosse un romanzo, buono a sapersi, sicuramente sarà molto meglio del film :)

    RispondiElimina
  7. Un libro veramente notevole, che non ha nulla in comune con il film eccetto il titolo!

    RispondiElimina
  8. WWZ ce l'ho lì da cominciare. La notte del Drive In è un capolavoro, uno dei pochi libri ad avermi letteralmente privata del sonno, nemmeno King era riuscito a fare tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. WWZ e' davvero notevole. Su la notte del drive in che dire...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…