Passa ai contenuti principali

HANNIBAL (serie TV)


A casa nostra si seguono poche serie, ed attraverso i canali consoni, ovvero si aspetta che arrivino in televisione.
Quando questo accade sui canali Sky tutto bene. Quando di una di quelle serie che ci incuriosiscono si appropria la cosiddetta tv "generalista" sono guai.
Recentemente è capitato con "Hannibal".
Snobbato da Sky è finito nel palinsesto di Italia 1.
Abbastanza sorprendentemente  programmato in prima serata,  prevedibilmente travolto da un mare di pretestuose polemiche, dopo il pilot è stato oggetto di una programmazione schizofrenica che se da un lato ha voluto dimostrare una sorta di ferma convinzione nel non privare un pubblico desideroso di qualcosa che andasse oltre la "solita tv" continuando a mandarlo in onda in prima serata, dall'altra  sembrava quasi smaniosa di farlo terminare in fretta, smorzando ogni possibile protesta e costringendo i (pochi) appassionati a veri e propri tour de force.  E allora abbiamo avuto tre episodi, quando non quattro, programmati uno dietro l'altro, spostamenti di programmazione dal giovedì al mercoledì, e poi di nuovo il giovedì...insomma, sia benedetto il mySky, sorta di nipote del videoregistratore, così mi sono potuta registrare tutte le puntate e guardarle ad orari più "umani".
E come al solito parlo di una serie televisiva con un ritardo impressionante.
Debbo ammetterlo, "Hannibal" non è un prodotto facile.
Sono una persona molto aperta, ma non è certo un programma televisivo adatto alle famiglie, ergo la programmazione in prima serata ha sorpreso anche me.
Basato su "I delitti della terza luna" di Thomas Harris, "Hannibal" è un prodotto televisivo molto ricercato. Elegante, formalmente impeccabile, forte nei contenuti probabilmente per questo abbastanza penalizzato negli ascolti, sia in patria che da noi (ma una seconda stagione è già in lavorazione) da un pubblico abituato a prodotti di altro tipo.
Nel complesso ho trovato "Hannibal" molto cerebrale, qualcuno potrebbe dire "cervellotico".
Talmente freddo da risultare quasi algido, di una lentezza esasperante che a tratti sfocia nella noia, eppure, per me, decisamente intrigante.
Gran parte del merito va al cast.  Bravo Hugh Dancy, ottimo Will Graham. L'incredibile capacità di entrare nella mente dei killer attraverso una forma estrema di empatia, lo rende un talentuosissimo profiler, maà a minarne la sanità mentale, spingendolo .sempre di più verso il baratro. Suo contraltare  uno strepitoso Mad Mikkelsen. La sfida era ardua. Il paragone con il superbo Anthony Hopkins era inevitabile, eppure da grande attore qual è Mikkelsen riesce a convincere. Il suo Hannibal è altrettanto gelido ed inquietante di quello dell'illustre collega, a tratti pare uscito da una rivista di moda d'accordo, ma la sua maschera rimane indubbiamente impressa. Un po' sotto tono Laurence Fishburne, un Jack Crawford messo naturalmente in ombra da due personaggi così carismatici.
Insomma, a me è piaciuto.
Un gioco difficile e complesso tra due menti brillanti seppur avvolte da molti lati oscuri.
Buon finale.
Aspetto la seconda stagione, sperando in una programmazione più rispettosa nei confronti dello spettatore.
 

Commenti

  1. Serie Tv che andrebbe fatta vedere a chi scrive le serie tv per fargli capire come scrivere una serie tv. Ottimo livello. Le polemiche dei telespettatorididdio lasciano il tempo che trovano. Buon appetito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che sei stato chiarissimo...buon appetito!;-)

      Elimina
  2. L'ho trovato tecnicamente un ottimo prodotto: peccato che nella parte finale della stagione si metta un pò troppa carne al fuoco.
    Comunque, è piaciuto anche a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alcune puntate effettivamente han segnato un po' il passo..ma alla fine si e' trattato di piccolezze..

      Elimina
  3. a me ho provocato solo noia.
    e a me mads mikkelsen non mi ha convinto per niente, troppo fighetto e per nulla spaventoso. il paragone con anthony hopkins, quello del silenzio degli innocenti non di quella schifezza di hannibal, non lo regge manco lontanamente.
    insomma, una gran delusione per un cannibale come me :)

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Quindi ad un cannibale come te non e' piaciuta?Davvero un peccato!!

      Elimina
  5. A me è piaciuta, ma va contemplata la mia gheiaggine per Mikkelsen :-Q____
    Attendo la seconda season con curiosità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mikkelsen e' superbo. E dopo il finale attendo pure io la seconda stagione!

      Elimina
  6. Ero un attesa che qualcuno lo recensisse, essendo io molto legato ad Hannibal Lecter. Devo dire che Mads Mikkelsen è davvero bravo anche perché non ha provato a scimmiottare Hopkins ma ha trovato un suo Hannibal molto credibile. Però gli episodi sul finale di stagione sono diventati davvero troppo cervellotici e, anche aiutati dall'ora di programmazione (più di una volta si è andati oltre mezzanotte) mi hanno fatto spesso addormentare. Il vecchio Antony non c'era mai riuscito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mikkelsen ha fatto suo Hannibal e, come tu dici, questo depone nettamente a suo favore anche se Hopkins e' ormai una leggenda. Io gli episodi li ho visti registrati ovviando il problema della maratona fino a tarda notte ma comprendo che, visto il tipo di serial, in alcuni momenti la visione sia stata difficile.

      Elimina
  7. Io non ho skype, quindi ho provato a seguirla sulla Merdaset, quindi alla fine non l'ho vista... :-P

    RispondiElimina
  8. gran bella serie, non vedo l'ora di vedere la seconda, in realtà però non ha subito tutte quelle variazioni per le polemiche, ma le ha subite perchè purtroppo non ha avuto il successo sperato, gli ascolti son stati deludenti e di conseguenza italia 1 ha scazzato nella programmazione.
    Una piccola polemica avvenne quando la puntata fu sospesa e al suo posto fu dato Spider man, questo avvenne percchè c'era stato il dramma di lampedusa e quindi i "geni" di italia 1 pensavano che fosse poco rispettoso trasmettere hannibal XD, sinceramente non ho ancora capito il nesso tra i dramma dei morti di lampedusa e il dr lecter, comqune....

    RispondiElimina
  9. PS D'accordissimo su Mikkelsen, davvero immenso, inferiore a Sir Hopkins, ma si sapeva, ma nettamente superiore a Brian Cox e Gaspar Ulleil

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo esattamente i retroscena, ma le polemiche assurde lasciano il tempo che trovano. La serie e' davvero buona ed attendo la seconda stagione molto curiosa.

      Elimina
  10. Io ho provato a vedere il pilot ma non mi ha presa... volevo dargli una seconda chance ma la programmazione era assurda e al momento seguo millemila serie per essere generosa... ma a me non era piaciuta mai troppo la storia di Hannibal, libri o film, quindi credo che la scarsa empatia sia molto più profonda in me e non ne do la colpa alla serie... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente si tratta di una serie un po' particolare, se gia' tu poi non hai mai amato molto Hannibal e' normale non sia scattata l'empatia

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…