Passa ai contenuti principali

GLI INTOCCABILI


Regia: Brian De Palma
Interpreti: Kevin Costner, Robert De Niro, Andy Garcia, Sean Connery.

Trama: la storia del gruppo di poliziotti capitanato da Eliot Ness che negli anni 20 incastrò Al Capone.
 "Sono cresciuto in mezzo a gente dura. E noi dicevamo che si ottiene di più con una parola gentile e una pistola che solo con una parola gentile".

Circa un milione di film più o meno recenti da recuperare ed io, qualche sera fa, me ne sono rivista uno che potrei praticamente citare a memoria. Come mai? Prima di tutto perché il marito non lo aveva ancora visto, e bisognava decisamente colmare la lacuna, poi perché considerata la qualità non eccelsa di quanto visto fino ad ora, rivedere quello che è senza ombra di dubbio ormai un classico non può far altro che bene.
"Gli intoccabili" lo vidi qualche mese dopo la sua uscita insieme a mio padre in un cinema parrocchiale (qualche anno fa le tredicenni andavano ancora al cinema con il papà alle volte..), che si trovava "ai bordi di periferia", in una sala semivuota, praticamente "quattro amici al bar". Metafore musicali idiote a parte, finito il film eravamo sicuri di una cosa, quello che avevamo appena visto era destinato a fare la storia del cinema. Si, anche la tredicenne, strano a dirsi, la pensava allo stesso modo del papà, quel film era, come si direbbe oggi, una vera e propria figata. Da allora l'ho rivisto, per l'appunto, ogni volta che mi è stato possibile, senza mai cambiare di una virgola la mia opinione di tredicenne, anzi, rafforzandola ulteriormente.
Con "Gli intoccabili" De Palma firma uno dei film migliori  della sua carriera, senza dubbio il mio preferito, non a caso è stato inserito tra "i film della mia vita".
Il noir secondo De Palma è un capolavoro stilistico.
Regia perfetta fotografia superba, ricostruzione della Chicago del proibizionismo dettagliatissima sotto ogni aspetto, la colonna sonora di Ennio Morricone, al solito, suggestiva.
Ma non solo, a rendere "Gli intoccabili" un vero e proprio pezzo da 90 è un gruppo di attori assolutamente indimenticabile.
Serviti da una sceneggiatura che non sbaglia un colpo, un attimo, un dialogo, scritta da un certo David Mamet abbiamo una vera e propria gara di bravura interpreti eccezionali. Kevin  Costner, nei panni di Eliot Ness, integerrimo tutore dell'ordine che andrà contro ciò a cui crede di più quando si renderà conto che se si vuole battere Capone bisogna combattere con i suoi stessi metodi non è mai stato così bravo. Lo affiancano un giovane Andy Garcia ed un superbo Sean Connery, una delle cause della mia passione per il cinema. Attore che amo da sempre, qui interpreta Jimmy Malone, disilluso poliziotto che, nonostante anni di servizio, non ha mai fatto carriera. Incorruttibile, e per questo ancora costretto a  mansioni di pattuglia, insegnerà a Ness ed agli altri come muoversi in mezzo al fango. Interpretazione impeccabile, giustamente premiata con l'Oscar.
Un altro che si sarebbe meritato la statuetta è Robert De Niro. Il suo Al Capone è ormai entrato nella leggenda, meglio neanche pensare alla robaccia che ora un attore di tale portata interpreta.
Insomma, una vera meraviglia che negli anni non conosce segni di invecchiamento, da vedere e rivedere.
E che al marito è piaciuta assai.

Non vai a casa?
Lo stavo facendo.
Bene, allora hai rispettato la prima regola per essere un buon poliziotto: assicurati, quando hai finito il turno, di tornare a casa vivo. [...] La seconda regola del buon poliziotto? Se vuoi mantenere un segreto, non dirlo al tuo capo.

Commenti

  1. Io credo di averlo visto solo una volta da bambina e ovviamente ne avevo capito metà. Mi sa che toccherà recuperarlo prima o poi! :)

    RispondiElimina
  2. Grande film davvero. Ottima la scelta di colmare la lacuna del marito. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. così ho trovato la scusa per rivederlo...si, gran film davvero!

      Elimina
  3. Siamo sulla stessa liena,oggi::D
    http://cinematografiapatologica.blogspot.it/2013/11/dick-tracy-1990-di-warren-beatty.html?showComment=1385386728635#c4820291760176148765

    Che filmaccione!

    RispondiElimina
  4. filmone... da piccolo mi traumatizzò la scena "famosa" con Connery :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente anche per me la prima volta e' stata assai straziante !:(

      Elimina
  5. Visto cento volte ! CA- PO - LA - VO - RO !!!

    RispondiElimina
  6. Grande, epico, con un De Niro eccezionale e anche un Kevin Costner convincente in uno dei suoi colpi più azzeccati.

    RispondiElimina
  7. tuo marito non aveva mai visto questo film? no, no,no...così non si fa!! Ora fagli vedere pure Point Break!!!

    RispondiElimina
  8. Cult assoluto, capolavoro, De Palma ha anche provato a ripetersi e in mille hanno tentato di copiarlo/citarlo senza riuscire nemmeno ad avvicinarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordissimo. Cio' che e' arrivato dopo nemmeno gli si avvicinava.

      Elimina
  9. Fantastico! Uno di quei film dove si può dire che è tutto davvero perfetto. La battuta "sei solo chiacchiere e distintivo" è entrata nel lessico famigliare. E riguardo al cinema col papà... è stato lui a trasmettermi l'amore per i film!

    RispondiElimina
  10. Mi ricordo ancora quando, in estate, vidi le prime immagini, in versione originale, che ne preannunciavano l'uscita autunnale (o invernale)... un film che profumava di mito, con la scena a rallentatore della parodia del Potemkin ...De Palma, quando è in forma è in forma, non lo batte nessuno.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…