Passa ai contenuti principali

FLIGHT


Regia: Robert Zemeckis
Interpreti: Denzel Washington, Kelly Reilly, Don Cheadle.

Trama: Whip Whitaker è un pilota di linea, ed è alcolizzato. Dopo una notte di bagordi consumata con una giovane hostess,  si prepara ad affrontare l'ennesimo volo un'ordinaria corsa tra Orlando e Atlanta. si almeno fino a quando un improvviso cedimento della struttura impedisce all'aereo di volare e costringe Whitaker a una ardita manovra di emergenza che prova a mantenere in quota l'aereo tentando un atterraggio il più lontano possibile dalle case. L'operazione disperata riesce e Whitaker atterra in campo aperto, salvando novantasei persone e perdendone sei. Eroe per l'opinione pubblica, dovrà vedersela adesso con la NTSB (National Transportation Safety Board). Se da una parte le indagini rivelano la causa meccanica che ha provocato la tragedia, dall'altra tradiscono il segreto indicibile di Whip: l'alcolismo.




"Flight" è stato uno dei tanti film persi della scorsa stagione.
L'altra sera lo programmavano in prima visione su Sky.
Non ne avevo letto benissimo,  il protagonista è Denzellone, che il suo lavoro lo fa sempre discretamente, si parla di aerei e piloti,  Zemeckis in passato ha fatto cose egregie ...il recupero, con la benedizione del marito, si poteva tentare.
Posso dirlo? Che - due-scatole.
 
La parte iniziale non è nemmeno fatta malissimo se si ha l'accuratezza di sintonizzare il cervello in modalità "sospensione dell'incredulità" visto la natura un tantinello improbabile del volo rovesciato.
Il problema arriva dopo.
Non appena il buon capitano si sveglia all'ospedale il film si trasforma in un pippone pseudo moralista in cui tutti parlano, parlano, parlano...
Fosse durato un'oretta sarebbe stato a mala pena tollerabile, due ore e mezza lo rendono francamente insopportabile.
Whitaker ha salvato 96 persone, ma è un alcolizzato.
Quindi Whitaker sappiamo già che dovrà redimersi,
Ma nel suo lungo (lunghissimo) cammino di redenzione Zemeckis non ci risparmia nulla.
E allora avanti con l'amico del sindacato e l'avvocato che non esitano davanti a niente purché Whitaker arrivi lucido al processo, arrivando a chiudere un occhio persino sullo spacciatore che fornisce a Whip la cocaina, un John Goodman unica nota positiva del film, sola cosa capace di fargli passare la sbornia. Non mancano ovviamente una ex moglie abbastanza (giustamente) incazzata con il nostro nonché il consueto figlio adolescente che ha praticamente non ha conosciuto mai suo padre. Ah, mi stavo dimenticando di Nicole, prostituta tossicodipendente, o forse solo tossicodipendente non ricordo più (debbo essermi addormentata) che vuole tornare ad una vita normale ed ovviamente lo mollerà prima che Whip la trascini di nuovo a fondo. Il tutto scorre lento (lentissimo) e tutti parlano, parlano parlano, e Whitaker beve-tiradicoca e si ripiglia, beve-tiradicoca e si ripiglia fino al processo che vivaddio, arriva e si conclude. In un finale assolutamente prevedibile nonché fastidiosamente buonista. Cast al di sotto del minimo sindacale. Denzellone, con panza da alcolizzato d'ordinanza, non ci crede più di tanto e si vede visto che gigioneggia alla grandissima. (abbastanza inspiegabile la sua nomination agli Oscar come attore lo scorso anno), si salva solo John Goodman. 
Mi aspettavo decisamente qualcosina di più.

Commenti

  1. Mamma mia, l'hai giustiziato alla grande! a me è piaciuto? Visto al cinema all'aperto, molto suggestivo. Forse il divano si è impossessato di te..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici che trattasi di possessione "divaniaca"?:-)

      Elimina
  2. Ma dai... lo avevo messo in quelli da vedere perché me ne avevano parlato bene... meglio così, uno in meno per cui trovare la sera giusta ;)

    RispondiElimina
  3. Non mi aveva mai ispirato, anzi, il contrario. Mi sa che avevo ragione...

    RispondiElimina
  4. A me invece è piaciuto, certo, super classico americano ma tutto sommato l'ho promosso (Denzel compreso)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io l'ho trovato cosi' classico da sfociare nel retorico. E Denzellone mi e' piaciuto di piu' in altre sedi!

      Elimina
  5. Parte bene, e poi vira quasi subito nel melodramma, anche se qualche buon momento c'è (la sbronza colossale in albergo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il momento della sbronza e' notevole, ma il resto e' noioso assai.

      Elimina
  6. Concordo: un'ottima partenza, un sempre grande Denzellone, ma un film non completamente riuscito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh...secondo me qui Denzellone svacca alla grandissima

      Elimina
  7. Parte da Odino ma si affossa di perbenismo nel finale. Evitabile.

    RispondiElimina
  8. Non me ne avevano parlato bene, in effetti, ma mi puzzava fin dal trailer visto al cinema e ricordo perfettamente che mi dissi. "Da vedere? Nah!" ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me lo puoi saltare in scioltezza

      Elimina
  9. a me è piaciuto ..e denzellone merita sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me qui Denzellone proprio non ha sfagiolato...si vede eh??:-)

      Elimina
  10. Raro che molli un film inziato. Ma qui,all'arrivo del negraccio a casa della exmoglie,la platea casalinga s'e' alzata in sol uomo e ha detto:MOVAACAGHER!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. deduco che non ti e' piaciuto molto!:-)

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…