Passa ai contenuti principali

MOVIE FLASH - Andiamo al Sundance (2 puntata)

Quella di raggruppare alcuni film in una sola recensione doveva essere una esperienza circoscritta a questa estate, ed invece ho scoperto che mi diverte assai. (che volete, sono una che si diverte con poco...). Ad essere sincera, ho scoperto di riuscire, ora che i bacarospi sono più grandicelli, a guardare qualche cosina in più e non sempre, come ho già detto, incappo in film che meritano, o di cui ho voglia, di fare una recensione ma che neppure meritano l'oblio più assoluto. Oggi è il turno di due film usciti in anni differenti dal Sundance. Molto indie, molto chic, con in comune due bravissime interpreti.



Smashed: Kate è una bambina a cui interessa soltanto divertirsi, sbronzandosi,  in compagnia del marito. Dopo un paio di esperienze veramente degradanti, si rende conto che è ora di crescere, e di assumersi le proprie responsabilità. Lei lo comprende, il marito no e questo minerà inesorabilmente la coppia. Si può parlare di alcolismo in maniera leggera ed ironica?Si. "Smashed" da noi sarebbe stato un drammone strappalacrime, Ponsoldt, grazie ad una buona sceneggiatura di Susan Burke ne fa una commedia dai toni amari, ma comunque leggera,  a tratti persino divertente.
Grandiosa prova di Mary Elizabeth Winstead.
Voto: 7/10




La fuga di Martha (Martha, Marcy May, Marlene) era uno dei film dell'anno scorso al cinema. Ovviamente dalle mie parti lo hanno programmato in una sala per un paio di giorni. Recuperato alcune sere fa....confesso con vergogna di averlo patito moltissimo! Ne riconosco i meriti. Il tema trattato, le cosiddette comunità specialiste nel plagiare menti molto deboli,  è intrigante e di grande attualità. La regia è ottima, Elizabeth Olsen con ammirevole coraggio e molto talento si carica sulle spalle il film ed è eccezionale.
Ma la pellicola è di una lentezza esasperante e a tratti la palpebra cala inesorabilmente...
Voto: 5/10

Commenti

  1. Smashed non è affatto male, sono d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pescato una sera per caso, davvero una piacevole sorpresa!

      Elimina
  2. visto al Tff, Smashed era stata davvero una piccola sorpresa (e poison è sempre più veloce di me, malleolo o non malleolo...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi dovró venire anche io al Tff!

      Elimina
  3. smashed niente male.
    ma io avevo adorato soprattutto la fuga di martha, lento ma notevolissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tremendamente lento ma lei è davvero brava.

      Elimina
  4. Dopo "Barfly" mi ero riproposto di evitare film con tematiche alcolemiche...ma voglio darti fiducia e ci riproverò con Smashed; "la Fuga di Martha" è stato interessante, ma ho rischiato almeno due volte la narcolessia!

    RispondiElimina
  5. La fuga di Martha l'ho parecchio apprezzato, mi appunto invece Smashed, che con quel Aaron Paul in locandina già mi ha intrigato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poi la fuga di Martha è piaciuto anche a me, nonostante l'estrema lentezza. Smashed davvero molto carino.

      Elimina
  6. Non ho visto nessuno dei due, ahimè... me li segno e correrò ai ripari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da vedere entrambi, fosse solo per le due protagoniste.

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…