Passa ai contenuti principali

GRAVITY



Regia: Alfonso Cuaron
Interpreti: Sandra Bullock, George Clooney.
Trama: la dottoressa Ryan Stone, alla sua prima missione ed il veterano Matt Kowalsky, prossimo al congedo, astronauti, stanno lavorando  ad alcune riparazioni di una stazione orbitante nello spazio quando un'imprevedibile catena di eventi gli scaraventa contro una tempesta di detriti. L'impatto è devastante,  la loro stazione viene distrutta. Unici superstiti, dovranno arrivare ad una nave spaziale cinese molto lontana e trovare il modo di tornare sulla terra.

"Ryan, devi imparare a lasciare andare"
"La colpa non sarà di nessuno, comunque vada è stato un grande viaggio".

"Gravity" non è un film per tutti. Per amare "Gravity" bisogna amare il cinema nella sua forma più pura. Scriverne  non è facile. Ritengo che debba essere visto, obbligatoriamente in sala, per essere apprezzato come merita.
Cuaron, un genio, prende la tecnologia più avanzata e la trasforma in pura arte cinematografica, dando finalmente il tanto cercato senso al 3D, e guadagnandosi applausi a scena aperta.
Quello che Cuaron e i suoi collaboratori offrono allo spettatore più di un film è un viaggio; una esperienza  visiva unica.
Ed allora bisogna essere pronti.
Pronti ad una Aurora Boreale bella come non mai, pronti al silenzio, al buio, all'infinito.
Pronti alla tensione che sale, al respiro che manca, all'angoscia che sale mentre lei cade. Perchè tu sei li, vorresti allungare la mano..tu sei con la dottoressa Stone, anzi tu, grazie ad una soggettiva da togliere il fiato, tu in alcuni momenti tu diventi la dottoressa Stone.
Hanno scritto che quel volo è impossibile, che la veridicità scientifica dell'intero film va a farsi benedire dopo cinque minuti..."è bello poterci credere"....certo che è bello, perché non dovrebbe esserlo?
"Gravity" porta il concetto di cinema al suo massimo livello. Il film come generatore di emozioni forti, che ti restano appiccicate addosso anche quanto esci dalla sala.
E allora gli si può perdonare pure la mancata veridicità scientifica ed una sceneggiatura accusata di essere eccessivamente piatta. 
In realtà parla  di sentimenti forti, di come siamo piccoli di fronte all'universo, e di come si possa trovare la forza per sopravvivere anche quando pare non ci sia più nessuna ragione per farlo.
Imparare a lasciare andare per poter rinascere. E quel saluto alla figlia stringe davvero il cuore.
Ah...due parole su Sandra Bullock. Mai sopportata. L'ho sempre trovata sopravvalutata, espressiva come un comodino, e le sue commedie non mi hanno mai fatto ridere....mi pento e cospargo il capo di genere. 
"Gravity" è il suo film. Qui si sottopone ad un lavoro fisico e mentale da spavento, entrando nei panni di una donna che ha perso tutto e che trova in se stessa una forza inaspettata. La dottoressa Stone è un personaggio complesso e bellissimo e lei è assolutamente magnifica.


Commenti

  1. Non concordo sulla complessità del personaggio principale (all'anima dei cliché...) ma se penso allo sforzo fisico fatto per interpretarlo mi viene male sì.
    Per il resto, un'esperienza visiva e sensoriale più unica che rara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho trovato complesso nel suo insieme, credo sia comunque difficile mettersi nei panni di un personaggio del genere. Il film è davvero una esperienza unica!

      Elimina
  2. Già sai. Non mi ha coinvolto.,,

    RispondiElimina
  3. Sto soffrendo...non ce la faccio più. Devo vederlooooooo. *_*
    P.S. io adoro Sandra. ^_^

    RispondiElimina
  4. Ne ho parlato proprio stamattina.
    I personaggi sono carenti di spessore, però Sandra è stata gradevole (e lo dico da non amante della Bullock).
    La regia è splendida e credo (e spero) che ne sentiremo ancora parlare a febbraio, in pieno clima oscariano,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me ne sentiremo ancora parlare si!!!

      Elimina
  5. Voglio vederlo, non vedo l'ora ma mi sa che al cinema me lo perderò

    RispondiElimina
  6. 3D formidabile, storia semplice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure a me anche la storia non è dispiaciuta...

      Elimina
  7. Storia semplice e personaggi stereotipatissimi. Una regia così maestosa però da surclassare tutto il resto.

    RispondiElimina
  8. non sono una grande appassionata di fantascienza, ma per affetto al buon vecchio caffeinomane george, sarei pure andato a vederlo...
    non fosse che è solo ed esclusivamente in 3D dalle mie parti... quindi impossibile per una cecata come la sottoscritta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. George fa George..il film è di Sandra! E va visto in 3d...te lo dice una cecata come una talpa!

      Elimina
  9. Spero di rimediare a brevissimo, perchè l'hype sta salendo tantissimo.

    RispondiElimina
  10. Mi piacerebbe. Vediamo se riesco ad organizzare il babysitting

    RispondiElimina
  11. Un film che fin dal trailer mi ha messo angoscia... non sarei in grado di apprezzarlo in pieno per quanto la regia di Cuaron mi ispiri e Sandra mi sia sempre stata simpatica...

    RispondiElimina
  12. Ne ho letti giudizi controversi. A questo punto sono curiosissimo.

    RispondiElimina
  13. L'amica che mi ha accompagnato quasi si addormenta...vai e fammi sapere eh?

    RispondiElimina
  14. a Hollywood sono bravi, mancano i "loro" registi, ne prendono da fuori, Cuaron e Del Toro, per esempio.

    il punto è se Hollywood li cambia, per entrambi mi sembra che siano cambiati poco, che non facciano cose solite, anonime.

    viva Cuaron (e del Toro)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viva si! (ho molto amato anche Pacific Rim)!

      Elimina
  15. Concordo su tutto, il film mi resta ancora in mente a distanza di una settimana.

    RispondiElimina
  16. Il cinema è nato per farci sognare...e della verosimilitàce ne freghiamo altamente! ;-)
    Il film non l'ho visto (detesto sia George che Sandra), ma raramente ti ho letta così coinvolta nel parlare di un film.

    RispondiElimina
  17. Film molto poco verosimile ma con il personaggio della Bullock ho empatizzato immediatamente per questo mi ha così coinvolta.. George anche qui è George..

    RispondiElimina
  18. Non ho visto ancora il film. Probabilmente si punta più sull'atmosfera e su una sceneggiatura semplice ma non pessima. Insomma si punta più sull'esecuzione ma non è detto che sia un male. Anzi.....
    eventualmente ti farò sapere se lo vedrò.
    Comunque non dimenticare che Sandra Bullock ha fatto "Demolition Man"!!!!!!!!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh..appunto "Demolition Man"!!!
      Fai sapere non appena visto eh?

      Elimina
    2. Mi è piaciuto nella prima parte, un po' meno nella seconda che ho trovato noiosa.....
      Ciao!

      Elimina
  19. io l ho visto domenica sera, in 2d perche' il 3d era troppo tardi per rientrare dalle bmbe lasciate alla babysitter, ed e' stato visualmente molto bello lo stesso.
    la tensione mi ha ricordato quella del buon vecchio speed e in effetti penso che avrei apprezzato di piu' keanu reeves nel ruolo di clooney, per una maggiore chemistry con la bullock. A me clooney sta simpatico e ho adorato siriana, l uomo che guardava le capre etc, pero' ho sempre un po' l ansia che la prossima battuta sia nespresso, what else?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai...povero George!! Certo, in questo film fa un pò troppo, come già detto, il George, è stato migliore da altre parti. Ma è una parte breve...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…