Passa ai contenuti principali

DIARY OF THE DEAD- LE CRONACHE DEI MORTI VIVENTI


Regia: George Romero
Interpreti: Michelle Morgan, Joshua Close, Shawn Roberts

Trama: Jason Creed ed i suoi amici stanno girando in un bosco gli esterni per un film horror universitario sotto la supervisione del professor Andrew Maxwell  quando il gruppo è raggiunto dalla notizia che i morti hanno ripreso a vivere e danno la caccia ai vivi, per divorarli. Dopo essere tornati al dormitorio del college per prendere la fidanzata di Jason, Debra, e senza una chiara visione delle cose,  i ragazzi e il professore saltano su un camper e si dirigono alle case delle proprie famiglie.

"meritiamo davvero di essere salvati?"

C'è stato un periodo in cui non potevo guardare un film di George Romero senza restare terrorizzata per giorni, gli zombie mi facevano una paura folle. Poi, dopo aver visto diversi film con i "non morti" protagonisti , gli zombie, ammetto, mi fanno un pò meno effetto.
Così un paio di sere fa sono riuscita a recuperare uno degli ultimi film diretti dal grande maestro (si, perché Romero è un maestro, su questo non ci piove...).
Piaciuto? Insomma...
Il found footage nella sua versione più colta...più o meno.
Con "Diary of the dead" Romero pare voler riazzerare tutto. L'Apocalisse, ne "La terra dei morti viventi" gli zombie avevano imparato ad organizzarsi, ricomincia.
Il film inizia con Debra che monta gli ultimi pezzi del lungo filmato realizzato da Jason, "le sue memorie" per raccontare come si sono svolte realmente le cose. Partendo da un video scaricato da internet che documentava una normale missione di soccorso trasformarsi in tragedia, le vittime di una sparatoria mentre vengono trasportate in barella si risvegliano azzannando soccorritori e giornalisti, il film si trasforma in una soggettiva sulla tragedia.
Romero sfrutta l'espediente per una critica all'informazione. Quella ufficiale, manipolata,  le notizie diffuse non sono confuse, si parla ovviamente anche di un attacco terroristico; contrapposta a quella che, in un mondo dove basta un telefonino dotato di videocamera per trasformarsi in (spesso) morbosi narratori della realtà.
Efficace?Sulla carta si, a conti fatti un pochino meno.
Jason, alternandosi con i suo compagni, non molla mai la telecamera.
Ma proprio mai.
Nemmeno quando qualcuno viene morso, né quando Debra scopre quello che è capitato alla sua famiglia, forse il momento migliore del film, neppure quando lui stesso sta per essere ucciso...il tutto sarà anche sociologicamente feroce ma a lungo andare diventa incredibile, come succede in "Cloverfield" documentare tutto a costo della propria sopravvivenza è a dir poco surreale, quando non francamente irritante, chiunque si trovasse costantemente una telecamera sotto il naso in una situazione del genere la prenderebbe e frantumerebbe dopo pochi secondi.
Il risultato è un film, come si conviene alla tematica, cupo nonché privo di qualsiasi forma di speranza come si addice a Romero (si, "the walking dead" non abita qui....).
Disgraziatamente, "Diary of the dead" è  però soprattutto un film piatto...mortalmente, la battuta era involontaria, piatto..
Gli interpreti sono anonimi, forse troppo prigionieri di personaggi eccessivamente stereotipati, la bionda scema, il prof alternativo, il riccone, Jason (stereotipo perfetto)...Quel senso di angoscia che ti restava attaccato mentre guardavi i suoi film precedenti qui affoga in un mare di noia. Continuo a ritenere "La notte dei morti viventi" uno dei film più terrificanti della storia del cinema. Questo no.
Nonostante un paio di momenti abbastanza validi, spesso l'attenzione calava, e per un film di questo tipo non è certo un bene.
Sul genere "filmchevorrebbenonsembrareunfilm", a livello ansiogeno, ha fatto decisamente meglio, Levinson con il recente "The Bay".
Sarà che abbiam già visto un pò di tutto, ma questo "Diary of the dead" passa senza lasciare traccia. E parlando di Romero è un vero peccato.







Commenti

  1. vedo che in qualche modo hai provato ad arrampicarti sugli specchi per non parlarne male :)

    è brutto, tanto brutto

    e il seguito è pure peggio

    Romero è morto e non credo nemmeno tornerà in vita come i suoi amati zombie

    RispondiElimina
  2. Prima o poi doveva accadere (proprio come nelle peggiori profezie): cimentarsi in un mockumentary è diventato una prova d'autore (argh!). Una tra le cose peggiori di questo film? Il sangue digitale...spruzzi continui di sangue computerizzato (e pure fatto male!) Ma dove è andato a finire il buon Savini?
    Un appunto per oh dae: Non è la prima volta che Romero mette in cantiere ca@@ate; basta citare Monkey Shines, Due Occhi Diabolici e Bruiser, ma alla fine si è sempre ripreso...speriamo che anche questa volta si tratti di una brutta influenza! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente

      ma io parlavo soltanto del suo filone, gli zombie, quello dove bene o male ha saputo sempre offrire qualcosa di interessante

      Elimina
    2. E su questo hai ragione oh dae...
      Mi sa che ormai la spugna è strizzata... :-(

      Elimina
    3. A me Monkey Shines non era dispiaciuto. Questo "Diary of the dead" forse raschia davvero il fondo del barile. Sul fronte zombie Romero ormai non ha sicuramente più tanto da dire, e dispiace assai..

      Elimina
  3. Già mi ha fatto schifo Land of the Dead o come diamine si chiamava, quello ambientato sull'isola... questo lo evito tranquillamente, Romero e la sua vecchiaia stanno facendo il paio con quella di Argento, mi sa.
    In campo Mocku, invece, guardati The Conspiracy appena riesci :) Niente mostri di fantasia ma qualcosa di ancora più pericoloso e insinuante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Land of the Dead avevo sentito parlare male anche io( quindi passeró. Questo evitalo pure senza problemi.

      Elimina
  4. Poveretto, i suoi anni di gloria sono andati, ma un povero nonno deve pur guadagnarsi da mangiare:D

    RispondiElimina
  5. niente.
    non è il mio genere quindi mi cogli del tutto impreparata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. puoi continuare a perderlo senza troppi problemi!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…