Passa ai contenuti principali

TRANSPORTER EXTREME



Regia: Louis Leterrier
Interpreti:  Jason Statham, Alessandro Gassman, Amber Valletta, Mathew Modine.

Trama: Frank Martin lavora come autista per il figlio di un alto funzionario dell'antidroga. Ma Frank Miller non è un semplice autista, lo scopriremo quando il bimbo verrà rapito per essere infettato con un virus letale..

Il buon Jason Statham, è ormai diventato una garanzia.
Quando in un film cerchiamo il puro intrattenimento e lui è nel cast sappiamo già che non rimarremo delusi, insomma, per dirla alla Brusuillis, io a Jason Statham "ci sto cominciando a volere bene".
Dopo "Crank - hight voltage" vetta insuperabile nel tamarrismo cinematografico, questo "Transporter extreme" confesso che pare quasi un film d'essai.
Luc Besson produce e scrive, affidando la regia al pupillo Louis Leterrier.
Il dinamico duo confeziona un prodotto che nell'ordine ha:
- personaggi "abbastanza" assurdi (la guardia del corpo del cattivone-one-one è una sventola che mena e spara in biancheria intima e tacchi a spillo)
- macchine che paiono uscite dall'equipaggiamento di James Bond
- inseguimenti mozzafiato al limite dell'incredibile (la bomba che viene disinnescata con il gancio della gru)
- una sceneggiatura che, a voler esser buoni, fa acqua da tutte le parti.
Boiatona?Si, ma incredibilmente spassosa.
Perchè la regia di Leterrier è adeguatamente adrenalinica (oddio, alle volte pure troppo).
La sceneggiatura poi, è si completamente insensata ma in modo del tutto consapevole ci regala momenti di grezzo umorismo. Chi ha scritto il baraccone sapeva benissimo di non stare creando il prossimo classico del cinema mondiale e questo è un punto a favore del film.
La coppia buono-ono-ono/cattivone-one-one è di quelle azzeccate.
Statham è granitico come suo solito, alza giusto giusto il labbro in un accenno di sorriso quando gioca agli indovinelli con il bimbetto. Suo rivale è un divertito Alessandro Gassmann nei panni di un trafficante di droga a dir poco caricaturale, inventore del piano criminale forse più improbabile del secolo. 
Se ci aggiungiamo un paio di belle donne ed ambientiamo tutto in una Miami, location perfetta per pellicole di questo tipo, dai colori brillantissimi, viene fuori un action da pop corn e cocacola; una imperdibile scemenza.

Commenti

  1. Una troiatona... ma quanto mi ha divertito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, una vaccatona con i fiocchi. Ma ci siam fatti due risate anche noi!

      Elimina
  2. Ahah, che film brutto. Per me neanche divertente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No dai...per me è così sgangherato che alla fine risulta per forza simpatico (ma io son molto buona...)

      Elimina
  3. Questo è il secondo della trilogia, giusto?
    Non è il mio genere eppure i primi due li vidi.
    Mi colpì molto la questione dei proiettili "visibili", una sorta di reinvenzione del ralenti di Matrix :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio...non sapevo facesse parte di una trilogia...urge recupero degli altri due!

      Elimina
  4. ecco questi sono i film vaccata che cerco quando i neuroni vogliono riposo.. se è sul genere Crank, poi, potrei adorarlo...

    RispondiElimina
  5. si il genere è proprio quello. Per serata a neuroni zero è perfetto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…