Passa ai contenuti principali

THE CONJURING - L' EVOCAZIONE


Regia: James Wan
Interpreti: Patrick Wilson, Vera  Farmiga, Ron Livingston, Lili Taylor.

Trama: I Perron sono una bella famiglia composta da madre, padre e 5 figlie, appena trasferiti nella loro nuova casa, una fattoria isolata in campagna. Neppure il tempo di disfare gli scatoloni che misteriose presenze iniziano a manifestarsi. Spaventatissimi, si rivolgono ai coniugi Warren, celebri indagatori dell'occulto, che accettano di aiutarli, installandosi in casa loro per raccogliere prove di ciò che stà accadendo. Ma scopriranno ben presto di avere a che fare con qualcosa di così terribile che minerà l'equilibrio di entrambe le famiglie....

Su queste pagine, causa visioni tipicamente "estive" ultimamente mi sono spesso lamentata di quanto siano brutti  i film horror, almeno quelli che vengono distribuiti in sala, mentre opere discrete rimangono sconosciute ad un pubblico più vasto.
E poi spunta fuori "The conjuring".
Ultimo film di James Wan, regista di "Saw" e di "Insidious" non è in film certamente innovativo. Anzi.
Ambientato negli anni 70, ha un'aria piacevolmente retrò.
E soprattutto possiede molti elementi  non proprio originali: spiriti maligni, porte che sbattono, muri che scricchiolano...insomma tutto l'armamentario delle case infestate tipico di tanto cinema horror.
Però "The conjuring" finalmente, riesce a fare ciò che un film di genere dovrebbe, ovvero spaventare, ed anche parecchio.
Wan mantiene quello che promette con "Insidious" e si rivela un pregevole "artigiano" della settima arte.
Con un budget, pare, piuttosto basso (comunque rientrato con gli interessi visti gli stratosferici  incassi della pellicola), riesce ad offrire quello che lo spettatore cerca; una buona quantità di brividi e qualche sano salto sulla sedia.
Aiutato da una sceneggiatura che, questa volta, riesce a non mandare del tutto al diavolo quanto di buono costruito, come successo in parte con "Insidious", e ci frega pian pianino. Si prende il tempo che occorre per presentarci per bene i personaggi, così che possiamo empatizzare con loro; infatti il povero spettatore impara immediatamente a voler bene sia ai Perron sia ai Warren. Poi tiene costantemente accesa la scintilla della tensione, in attesa dell'esplosione di tutta la possessione, abbastanza terrificante. Chiude tutto con un finale che a molti non è piaciuto. Io l'ho trovato invece piuttosto azzeccato, un pò di pace dopo una esperienza così tremenda...poi ci si può credere o meno, ma il fatto che la vera Lorraine Warren è ancora viva e vegeta, ed abbia fatto da consulente al film rende il tutto davvero inquietante.
Bravi  gli attori. Patrick Wilson è decisamente migliore qui che in "Insidious". Ron Livingston è un Roger Perron sconcertato, non deve essere facile per chi non è religioso, come ammette lo stesso Roger credere ad una cosa del genere; Lili Taylor  protagonista di un paio di scene che mi han fatto venire la pelle d'oca, è spaventata e spaventosa. Ma su tutti emerge una coinvolta e molto intensa Vera Farmiga, splendida attrice sempre più apprezzata da queste parti.
"The conjuring" non è un capolavoro, ma è un buon film. Curato, ben diretto, discretamente scritto ed ancor meglio interpretato.
Forse gli esperti "duri e puri" del genere storceranno il naso, noi siamo usciti dalla sala davvero soddisfatti, e di questi tempi è già molto; e d'ora in avanti guarderò con altri occhi i giocattoli della bacarospetta....dannata bambola...

Commenti

  1. il finale è pessimo, checché tu ne dica. :)
    il resto del film invece è decisamente valido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh....io cosí brutto non l'ho trovato...dopo tanta paura mi ha fatto quasi tirare un sospiro di sollievo!

      Elimina
  2. continuavo a dirmi: lodevovederelodevovederelodevovedere... poi passato il giorno passato il santo, ho ripiegato su altre cose, quando sono stata in sala in compagnia di un terrificante Richard Gere in "Comic Movie", mi son detta che avevo proprio preso un gran granchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No..."Comic Movie" proprio no dai...meglio un po'di brividi ben fatti come questi...

      Elimina
  3. Un horror che finalmente incute un minimo di terrore, il finale è sicuramente discutibile ma va già benissimo così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente sono l'unica a cui il finale non è dispiaciuto...

      Elimina
  4. Concordo: finalmente un horror che fa il suo lavoro. Non sarà un Capolavoro, ma funziona.

    RispondiElimina
  5. Ciao Sposa! Grazie per il tuo passaggio al Moz o'Clock!
    E... che dire? Ennesima persona che parla bene di questo film, significa che dopo anni di cazzatelle un po' orientali, un po' demoniache, un po' POV, ecc... finalmente un horror come si deve! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E grazie a te per essere passato di qua!!! Il film fa quello che un horror deve fare, ovvero paura. E di questi tempi e' un lusso...

      Elimina
  6. Un film anni '70, girato come si faceva negli anni '70. Digitale assente e tensione accumulata grazie alla bella recitazione e al caro vecchio lattice. Il "claphand" poi è veramente perfido e sinistro! Vedendo l'Evocazione ho fatto un piacevole balzo indietro nel tempo.

    RispondiElimina
  7. Perfettamente d'accordo in tutto. Compreso il claphand che mi ha fatto morire di paura...

    RispondiElimina
  8. Di sicuro non è innovativo ma diamine se fa paura!! ç__ç

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…