Passa ai contenuti principali

INSIDIOUS


Regia: James Wan
Interpreti: Patrick Wilson, Rose Byrne, Ty Simpkins, Barbara Hershey

Trama: i Lambert si sono da poco trasferiti nella loro nuova casa quando uno dei tre figli, Dalton, dopo una caduta che non ha apparentemente lasciato conseguenze cade in un inspiegabile coma. Da quel momento terrificanti eventi turberanno l'esistenza di tutta la famiglia.

James Wan ha diretto "Saw l'enigmista" che, a me, è piaciuto proprio tanto.
Si, a costo di essere presa a pernacchie, ammetto di aver trovato il primo "Saw" un thriller davvero ottimo, peccato che, già dal secondo capitolo, l'intera saga sia degenerata.
Di questo "Insidious" avevo sentito parlare malissimo oppure benissimo. A mio parere la verità, come spesso capita, sta nel mezzo.
"Insidious" ha una prima parte più che buona, ricca di atmosfere decisamente inquietanti.
Almeno un paio di scene, su tutte quella del racconto del sogno da parte della suocera, pur se abbastanza prevedibili, fanno letteralmente saltare il povero spettatore dalla sedia. E qui si vede la bravura di Wan, che utilizza espedienti telefonatissimi eppure riesce a terrorizzarci per benino per una buona parte del film.
Poi, con l'arrivo dei medium, tutto si pasticcia parecchio. "Insidious" finisce con il ricordare troppo "Poltergeist", in peggio, e la storia dei "viaggiatori" è decisamente poco credibile. Certo, dare ad una vicenda del genere uno svolgimento più logico era difficile, ma qui secondo me si è ecceduto.
A salvare il film dal disastro, riportandolo sulla strada della decenza, pensa un finale inaspettato, nonché apertissimo, ed infatti il secondo capitolo, visto l'enorme successo è previsto nei prossimi mesi.
Abbastanza incolori tutti gli interpreti.
Da Patrick Wilson, prima scettico padre poi inespressivo salvatore di tutta la famiglia, ad una Barbara Hershey deformata dal lifting (sic!) nei panni della nonna che svelerà il segreto dell'eredità paterna, passando per Rose Byrne madre, a ragione, perennemente sull'orlo di una crisi di nervi.
Un film medio quindi, una pellicola senza infamia e senza lode, adatta ad una serata in cui ci si vuole spaventare senza impegnare troppo il cervello.




Commenti

  1. Ovviamente concordo. Anche su Saw, che alla prima visione mi sembrò estremamente interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo saw non è niente male. Già dal secondo peró tutto va a ramengo. Gli ultimi mi son rifiutata di vederli.

      Elimina
  2. Ce l'ho lì da praticamente un anno, non ho ancora trovato un momento per vederlo. Martedì mi fiondo su The Conjuring e al limite recupero per l'occasione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Conjuring spero di vederlo presto. Questo una occhiatina per me la merita

      Elimina
  3. Anche io ho amato moltissimo il primo Saw; d'accordo anche su Insidious prodotto medio :)

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo anch'io. Peccato per la seconda parte veramente troppo scadente..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la seconda parte e' decisamente campata per aria.Il finale peró non è male.

      Elimina
  5. A mio avviso superiore alla media del genere: qualche brivido me lo ha fatto venire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, devo darne atto.. qualche brivido lo regala..ho fatto certi salti durante la prima parte...

      Elimina
  6. ce l'ho lì e lo recupererò quanto prima...ormai mi devo laureare in Wannologia applicata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un super esperto! Attendo tuo parere!

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…