Passa ai contenuti principali

HATCHET III



Regia: BJ McDonnell
Interpreti: Danielle Harris, Zach Calligan, Kane Odder.

Trama: Marybeth, sopravvissuta alla strage dei film precedenti, riesce a fare a pezzi Victor Crowley. Coperta di sangue e con lo scalpo di Crowley in mano si presenta alla stazione di polizia, dove ovviamente viene accusata di tutti gli omicidi. Ma un gruppo di paramedici, la polizia locale ed una squadra SWAT inviata per l'occasione si accorgeranno ben presto chi è il vero colpevole della mattanza...


Venghino signori venghino! Benvenuti al festival dello splatter. Frattaglie per tutti!
Diciamo che se si ama l'horror, eufemisticamente parlando, non propriamente raffinato, e con una trama ridotta davvero all'osso (ok,  oggi sono particolarmente spiritosa..) "Hatchet III" è il film che fa per voi.
Victor Crowley é l'involuzione della specie, un babau brutto, sporco e cattivissimo, pare quasi una versione scema di Jason, vi insegnerà come smembrare poveracci a mani nude, ma dovreste essere piuttosto grossi, rivoltarli letteralmente come calzini, nonché l'uso piuttosto creativo, o forse dovrei dire "esplosivo" di un defibrillatore.
Insomma, astenersi dolci fanciulle e individui particolarmente impressionabili perchè qui non si lavora di certo sulla psicologia dei personaggi.
Non ho visto i primi due capitoli, fino a pochi mesi fa ignoravo addirittura l'esistenza dell'intera saga, e non sò se li recupererò, ma non credo sia rilevante ai fini della comprensione di tutta la vicenda dato che, prima di finire frastagliata, uno dei personaggi, a grandi linee, ci fornisce un "who's who" di Victor Crowley e delle sue vicissitudini.
Abbiamo anche qui il solito gruppo, sotto forma di appartenenti ad un gruppo di paramedici ed a una squadra SWAT, destinati ad essere carne da macello, e questa volta non esagero, ed abbiamo una granitica, tosta e decisamente sboccata fanciulla, l'unica, ovviamente, che potrà riportare definitamente Crowley all'inferno.
Ambientazione cupa e paludosa, dialoghi ridotti al minimo indispensabile e fuck in ogni possibile declinazione, come ho detto sangue d frattaglie a badilate...insomma, il perfetto horror deficiente estivo.
E allora perché non lo massacro come ho fatto in precedenza con altre "grandi opere" passate da questi lidi?
Perchè "Hatchet III", vivaddio, non si prende minimamente sul serio.
I protagonisti sanno di non stare recitando in un film d'essai, l'ironia è sparsa a piene mani e BJ  McDonnell è bravo ma non si atteggia a novello Romero. Insomma, un film cazzo  gigione che alla fine riesce a farsi amare.
E poi "Hatchet III" ha quella atmosfera horror tipicamente anni '80, da vecchio cinema all'aperto, da soffitta d'estate e "notte horror" sul televisore scassato...praticamente un richiamo irresistibile per la mia generazione...

Commenti

  1. Divertentissimo e molto eighties. Io mi sono divertito come un bimbo.

    RispondiElimina
  2. Purtroppo ho trovato tutta la saga molto deludente... ma mi sa, dalle voci della blogopalla, che sono l'unico ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli altri due non li ho visti.Ma questo, come "stitches" mi è parso talmente sbracato che mi ha divertito da pazzi.

      Elimina
  3. bella quella della trama ridotta all'osso....divertentissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nonostante lo stomaco abbia ballato un pó si, divertentissimo!

      Elimina
  4. Spero le vacanze procedano bene... a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto procede..ancora qualche giorno e si rientrerà. Un bacio!

      Elimina
  5. No dai almeno il primo recuperalo, è divertentissimo!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…