Passa ai contenuti principali

WORLD WAR Z



Regia: Marc Foster
Interpreti: Brad Pitt, James Badge Dale, Mireille Enos, David Morse.

"la natura è il miglior serial killer vivente".

Trama: Gerry Lane, ex agente delle Nazioni Unite, viene richiamato in servizio dopo che una pandemia di origini sconosciute trasforma gli uomini in zombie e comincia a decimare la popolazione mondiale.

Lascerò da parte il libro - cult,  acquistato la scorsa settimana in lingua originale, la lettura comporterà temo parecchio tempo e molta pazienza. Quindi niente confronti da cui il film uscirebbe senza alcun dubbio , come accade spesso, perdente. Soprassediamo anche sulle note traversie realizzative,  con riscrittura del finale da parte di Goddard e Lindelof, dal  punto di vista qualitativo non certo un vantaggio per il film.
Che, lo dico subito, non mi è dispiaciuto.
Certo, non è un film su gli zombie. O almeno, se si cerca una connotazione, mi si passi il termine, più "antropologica" in tema zombie e pandemie varie pregasi rivolgersi altrove. Nonostante alcune scene di notevole impatto, quella della piramide umana a Gerusalemme in cui i "non morti" si comportano come uno sciame impazzito dimostrando comunque un certo grado di intelligenza, gli estimatori del maestro Romero, che se mai ha visto il film deve essere scoppiato in grasse risate, possono tranquillamente astenersi pena attacchi di gastrite molesta.
"World war Z" quindi che cos'è?E' un blockbusterone con i controfiocchi, con tutti i pregi e difetti del caso.
Fino alla caduta di Gerusalemme va tutto bene, alcune scene sono davvero ben girate, lo spettatore è partecipe, poi succede qualcosa in cui quanto fatto  fino ad ora va letteralmente a ramengo. Gli sceneggiatori infatti, decidono che Gerry è Superman e lo rendono protagonista di alcuni fatti assolutamente incredibili.
A Cardiff il film ha una notevole ripresa. Se si ha l'accuratezza, anche qui, di spegnere i neuroni, si apprezza una parte finale un filino più claustrofobica che riesce, nonostante si intuisca facilmente la sua conclusione, a mantenere un buon livello di tensione.
Pitt, che mi ostino a considerare un buon attore (ed a cui il tempo ha regalato un'aria vissuta veramente affascinantissima) è protagonista totale ed assoluto; bravo sia come padre preoccupato sia come indomito salvatore della baracca. Riesce a rendere piacevole un personaggio che, per eccesso di eroismo, poteva essere decisamente irritante. Poco più di semplici figurine gli altri attori. Tra di loro il nostro Pierfrancesco Favino che se la cava dignitosamente, e questa volta arriva vivo alla fine del film.
 
Il risultato, come commentato da più parti, è una gran cavolata, lo riconosco, ma una cavolata che si fa guardare con serenità, che intrattiene alla grandissima, perfetta per una serata estiva.
 
Sarà che partivo con aspettative piuttosto basse, ma alla fine io "World War Z" mi sento, con estrema benevolenza, di promuoverlo.
Certo, si fosse osato di più probabilmente ne sarebbe uscito un grandissimo film.
Si è scelto di stare "nel mezzo", ovvero di puntare agli incassi, creando un prodotto godibile che si dimentica non appena finito.
Sarà che è un periodo in cui, quando guardo un film, non ho troppa voglia di pensare.
Quindi , per questa volta, mi accontento.
 





Commenti

  1. Dopo ieri sera, boccio ancor più World War Z viste le risate matte e le 2 ore di divertimento ininterrotto che mi ha regalato The lone Ranger. Se devi fare una cosa stupida e surreale la fai, senza pretese di realtà pandemica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che ti devo dire. Non hai certo torto.Il fatto è che io nonostante tutto non sono riuscita ad incavolarmi, mentre, lone ranger proprio non mi ispira!

      Elimina
  2. beatrix, sono d'accordo con te. con tutti i limiti del caso io non mi sento di bocciarlo, questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si dai...ogni tanto stè scemate fan anche bene. Anche se man mano che vado avanti con il libro penso che, forse, con il film sono stata moolto buona.

      Elimina
  3. mmm... io sono rimasta un pò perplessa per l'espressione da baccalà del bel Brad Pitt già nel manifesto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il manifesto é indiscutibilmente brutto. Il film garantisce relax per una serata senza troppo impegno.:)

      Elimina
  4. Io l'ho trovato troppo blockbusteriano e decisamente troppo buonista. Peccato. Si poteva fare decisamente di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggendo il libro, senza dubbio.Ma come film ho visto decisamente molto di peggio, con tutti i limiti che "Worl war z" ha!

      Elimina
  5. io il libro non l'avevo mai neppure sentito nominare...
    il film non è un CAPOLAVORO dalle lettere maiuscole, però l'ho guardato molto volentieri!

    RispondiElimina
  6. il libro è bello, e con il film non c'entra nulla!il film è un blockbusterone che regala un paio d'ore di divertimento senza troppi patemi

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…