Passa ai contenuti principali

THE PURGE (La notte del giudizio)



Regia: James DeMonaco
Interpreti: Ethan Hawke, Lena Headey

Trama: Anno 2022. Gli Stati Uniti d'America sono una nazione rinata e benestante fatta di disoccupazione all'1% e una criminalità ai minimi storici. Qual è il segreto di questo incredibile successo? L'evento annuale chiamato della "Purificazione" (the Purge): 12 ore notturne durante le quali ogni crimine violento può essere commesso - omicidio compreso - senza che ci sia alcuna conseguenza civile/penale per chi lo attua. Durante la notte della Purificazione una famiglia si ritroverà suo malgrado a offrire protezione a uno sconosciuto all'interno della propria villetta, un edificio blindato e fortificato per l'occasione. Ben presto alla loro porta verranno a bussare numerose persone mascherate decise a linciare e uccidere quell'uomo, bersaglio scelto per la "Purificazione" di quell'anno.Quando la famiglia si rifiuterà di consegnare agli aggressori mascherati il loro "ospite" dovrà fare di tutto per sopravvivere alla notte.

Confesso, ero pronta a massacrarlo.

E invece...
Nonostante un punto di partenza originale rispetto a quanto visto fino ad ora, ma francamente improbabile, non credo sia sufficiente un giorno in cui ognuno può sfogare liberamente gli istinti più bestiali per far sparire il crimine..
Nonostante due adolescenti  tra  i  più insopportabili visti di recente al cinema, il maschio lo vorresti vedere morto dopo pochi minuti....
Nonostante serpeggi sempre il dubbio di trovarsi di fronte ad una americanata colossale....
Sorprendentemente  questo "La notte del giudizio", funzion(icchia) abbastanza bene.
L'uso di un genere apparentemente ultra abusato, il cosiddetto home-invasion, pur in una variante originale poteva essere un azzardo ma DeMonaco, secondo me non se la cava malaccio.
Il merito è soprattutto di un coinvolto Ethan Hawke. Personaggio invero non simpaticissimo il suo; un tizio arricchitosi vendendo un (apparentemente) impenetrabile sistema di sicurezza, fermo sostenitore della purificazione salvo poi durante la notte, barricarsi in casa come tutti i ricchi, rinchiusi nelle loro impenetrabili fortezze a guardare lo svolgersi di questa esplosione di violenza autorizzata attraverso la televisione, mentre chi non sa dove andare, chi non può mettersi al sicuro è trasformato spesso in bersaglio. Quando toccherà  a lui essere coinvolto direttamente, dovrà decidere se diventare un mostro per proteggere la sua famiglia o provare a conservare un minimo di umanità. La parte dell'assedio, come ho già detto, non è malaccio. Nonostante un gruppo di cattivi ormai già visto, paiono tutti piccoli emuli ipertrofici dei due mostri di "Funny Games", DeMonaco sfrutta bene il senso di paura che può dare una situazione così complessa, l'atmosfera claustrofobica di una casa che sta' per essere trasformata in un campo di battaglia, il sapere che nessuno verrà ad aiutarti.
I killer mascherati sono ragazzotti di buona famiglia, come gli abitanti della casa, mentre l'uomo di colore non è che un senzatetto,quindi, merita di morire. La "Purificazione" quindi come epurazione sociale, come eliminazione di coloro che non coprono un ruolo utile alla società, evoluzione futura di altre "Purghe" del passato. Critica sociale da quattro soldi?Forse..però DeMonaco, anche sceneggiatore del film,riesce clamorosamente a farsi perdonare.
Perchè gioca bene le sue carte e sa', nonostante tutto, cosa piace al pubblico, in America è stato un clamoroso successo tanto che è già previsto un sequel, compreso un twist finale abbastanza inaspettato, condito di pistolottino moralistico che, alla luce di quanto visto fino ad ora, risulta però poco credibile.
Insomma, un solido prodotto di genere, che intrattiene e mette il dovuto grado d'ansia, guardabile senza gridare allo scandalo.
Promosso.

Commenti

  1. La bionda lo vuole vedere, io non ne sono sicura. Però se tu non lo distruggi, magari, forse forse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me lo puoi vedere tranquillamente. Mi aspettavo qualcosa di decisamente peggio invece é un discreto thriller.

      Elimina
  2. Aspetterò con fiducia che esca, altrimenti toccherà arrangiarsi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me uscirá, ma i mezzi per trovarlo non mancano!

      Elimina
    2. Multisala chiuso fino al 15 agosto, tocca andare a pesca!

      Elimina
  3. Ce l'ho tra le prossime visioni: ammetto che non avrei scommesso nulla sul risultato, ma a quanto pare dovrò ricredermi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di trascendentale ma una visione la merita

      Elimina
  4. Omamma, questo me l'ero completamente perso! Segno, segno!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…