Passa ai contenuti principali

THE DEPARTED - IL BENE E IL MALE





Regia: Martin Scorsese
Interpreti: Jack Nicholson, Leonardo di Caprio, Matt Damon, Martin Sheen, Alec Baldwin, Mark Walhberg,Vera Farmiga


Trama: Billy Costigan è una recluta della polizia, figlio di padre mafioso e da madre di famiglia bene.  Perfetto per un incarico importante e delicato. Colin Sullivan viene "tirato su" fin da piccolo dal boss Frank Costello, e diventerà primo della classe all'accademia, inseritissimo nella polizia di Boston e pronto per una fulminante carriera. Colin diverrà quindi s l'infiltrato di Costello nella polizia, Billy, l'infiltrato (supersegreto) della polizia nella banda di Costello. Avranno entrambi l'incarico di scoprire le talpe...ovvero loro stessi.

Dopo una sequenza di film, perfetti per il periodo estivo ma veramente indecenti, e manca ancora il colpo da manuale, "The Departed" è stato come una boccata d'aria fresca.
Lo avevamo visto al cinema appena uscito, rivederlo dopo tanto tempo in televisione conferma quello che io ho sempre sostenuto: Scorsese è un regista gigantesco.
Una sceneggiatura ad opera di William Monaham che prende apertamente spunto, si sa, da un thriller del 2002 "Infernal Affairs" che non sbaglia un colpo.
Un intreccio complesso in cui nessuno è davvero quello che sembra, una partita a scacchi avvincente dove a farla da padrone sono l'ambiguità e la doppiezza.
Un film forse prettamente maschile, anche se il personaggio di Vera Farmiga ha un ruolo rilevante, duro, che ti resta in testa. Con "The Departed" forse Scorsese sceglie una via più "commerciale" (inteso non in senso dispregiativo) eppure centra davvero il bersaglio, perché sto parlando sicuramente del suo miglior film degli ultimi 10-15 anni.
Martin qui torna davvero a casa, anche se qui non è Brooklyn ma Boston, anche se i "Bravi Ragazzi" non sono italiani ma irlandesi. E dirige un cast da paura.
Matt Damon é il perfetto prodotto del sogno americano, faccia pulita destinata ad avere tutto, una brillante carriera, denaro  potere, ma in nome del quale gioca sporco, perché, come gli ha insegnato il suo mentore, "se vuoi una cosa te la devi prendere".
Leonardo di Caprio, intenso e tormentato, parte da qui per lasciarsi alle spalle definitivamente il "Titanic" e diventare lo splendido attore che è.
Su di loro troneggia un Jack Nicholson luciferino e filosofeggiante, figura paterna esigente, anche lui doppiogiochista. Bravissimi, anche, in ruoli di contorno, Alec Baldwin, Martin Sheen, capo di Peter che diverrà per lui la cosa più simile ad un padre,  e Mark Walhberg sboccatissimo nonché  feroce giustiziere.
"The departed" è come il buon vino, invecchiando migliora.
Un grande, grandissimo film, compreso un finale a tratti "tarantiniano" che non fa sconti a nessuno.


Coraggio, spara a un poliziotto Einstein, vedrai che ti capita.
E che capita se questa pallottola ti si ficca in quella testa di cazzo?
Provaci e vedrai!
Così finirai in bellezza eh? Bandiera a mezz'asta e cornamuse, ma vaffanculo, vaffanculo. Io ti arresto e basta!!i
È la cosa più stupida che puoi fare!!
Falla finita capito? Non me ne frega niente se le accuse non reggono, io ti arresto comunque..

Commenti

  1. Scorsese finalmente vince il suo primo (e unico) Oscar, ma con il film sbagliato. The Departed non regge il confronto con gli altri suoi lavori (Quei bravi ragazzi è un film immenso, Toro scatenato intenso come pochi, Casinò un filino sottovalutato, tra gli altri), per carità è molto bello, Jack è più mefistofelico del solito, però gli manca quel non so che, che mi faccia dire: "E' un capolavoro".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sò, gli altri sono capolavori immortali. Ma questo, seppur forse più commerciale, secondo me, degli ultimi anni, rimane lo Scorsese migliore.

      Elimina
  2. Forse l'unico Scorsese che ancora non ho visto, ahimé!!!

    RispondiElimina
  3. Un film ottimo e molto solido, cui manca però la scintilla che mi lasciò a bocca aperta di fronte ad Aviator.
    E l'originale è ancora più tosto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aviator mi manca ancora. Recupererò anche Infernal Affarirs prima o poi.

      Elimina
  4. Un ottimo film, soprattutto per essere un remake.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho visto l'originale purtroppo, ma questo lo amo moltissimo.

      Elimina
  5. Anche io visto al cinema. Stupendo per quanto ti lasci di sale, alla fine.

    RispondiElimina
  6. Su Sky nelle ultime settimane l'hanno passato almeno una volta al giorno, e puntualmente ero davanti al televisore per godere di questo capolavoro.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…