DJANGO UNCHAINED



Regia: Quentin Tarantino
Interpreti: Christoph Waltz, Jamie Foxx, Leonardo di Caprio

Trama: Stati Uniti del Sud, alla vigilia della guerra civile. Il cacciatore di taglie di origine tedesca dottor  Schultz, su un carretto da dentista, è alla ricerca dei fratelli Brittle, per consegnarli alle autorità. Per scovarli, libera  lo schiavo Django, promettendogli la libertà a missione completata. Tra i due uomini nasce così un sodalizio umano e professionale che li conduce attraverso l'America delle piantagioni e degli orrori razzisti alla ricerca dei criminali in fuga e della moglie di Django, Broomhilda, venduta come schiava a qualche possidente negriero. 

"Come ti Chiami?"
 "Django, la D è muta!"
"Lo sò".

Come già successo con "Prometheus", e come accadrà per tanti altri, arrivo all'appuntamento con uno dei film più attesi della scorsa stagione in tremendo ritardo. Nel caso di "Django Unchained" pure clamorosamente impreparata, dato che non amo troppo i western e la sola cosa che conosco del "Django" originario è che è stato interpretato da Franco Nero ma non ho visto il film.
Però "Django Unchained" è un film di Quentin Tarantino. Quentin, si sà, non delude (quasi) mai, perchè è un geniaccio che conosce ed ama follemente il cinema e nei suoi film si vede, sempre, persino quelle rare volte che ha, parzialmente, mancato il bersaglio; penso soprattutto a " a prova di morte" ed all'episodio del, secondo me, fallimentare "Four Rooms". 
Ma, come spesso accade ultimamente, stò andando fuori tema.
Torniamo a "Django Unchained".
Allora, "Django Unchained" è pura goduria cinefila. E potrei fermarmi qui.
Con una sceneggiatura perfetta, Tarantino frulla insieme spaghetti western, romanzo di formazione e rivisitazione storica, schiavitù e razzismo.
Il risultato sono tre ore fulminanti, ironiche, pulp, coraggiose, sfacciate, piene di dialoghi brillanti e personaggi indimenticabili che scorrono via veloci, senza mai stancare lo spettatore.
Come al solito, Quentin si dimostra poi un vero maestro nella gestione del cast.
Jamie Foxx si prende il ruolo rifiutato, pare, da Will Smith ( probabilmente sarebbe riuscito a recitare in maniera decente pure lui diretto da Tarantino)  e ne esce alla grandissima. Il suo Django è rabbioso ed animato dal giusto desiderio di vendetta.
Christoph Waltz si dimostra una assoluta certezza, un attore gigantesco, che, raramente, sbaglia interpretazione. Il suo dottor Schultz raggiunge le vette del colonnello Hans Landa di "Bastardi Senza Gloria" e Waltz ci regala un'altra interpretazione indimenticabile.
Leonardo Di Caprio nei panni del negriero Candy, laido e crudele come non mai si conferma attore di rilievo, che continua inspiegabilmente ad essere snobbato dall'Academy; maestoso come al solito, quando lavora con Quentin non sbaglia mai, Samuel L.Jackson, nei panni del viscido tirapiedi di Candy.
Insomma, anche se in clamoroso ritardo, mi unisco al coro unanime.
"Django Unchained" è un film grandioso, l'ennesimo atto d'amore di un grandissimo regista, l'omaggio supremo ad un genere che non esiste più. (e questa recensione non gli rende certo giustizia....)




Commenti

  1. Django unchained è l'aMMore. Punto. <3

    RispondiElimina
  2. a prova di morte era una figata grandiosa.
    proprio come questo django unchained!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a prova di morte sembrava girato da Tarantino sobrio, una schifezza mortale.
      Django si...è una gran figata (ad usare un linguaggio ggiovane...)

      Elimina
  3. Filmone totale. Uno dei migliori dell'anno, senza dubbio.
    E niente male il nuovo look! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente Quentin al suo meglio, senza dubbio. Grazie!:)

      Elimina
  4. Una goduria per gli occhi e mente!

    RispondiElimina
  5. Non l'ho amato come altri di Tarantino. Ma mi è piaciuto. Forse troppo lungo o troppo "pieno".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me, nonostante l'ostracismo verso il western, è piaciuto davvero tanto.Sicuramente solo Tarantino poteva scrivere una sceneggiatura del genere e dirigere un film così corposo..e farne un filmone di tale portata

      Elimina
  6. sono in ritardissimo anch'io e il tuo post mi fa rodere per non averlo ancra visto (ho avuto la fortuna di conoscere Tarantino nel 1994 ai tempi del mitico Pulp Fiction: indimenticabile)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardalo...guardalo......certo, conoscere Quentin deve essere proprio una esperienza incredibile!!

      Elimina
  7. anch'io visto in ritardo... ho molto da recuperare... Un bacio grande

    RispondiElimina
  8. complimenti per il vestitino nuovo! Django piace , è piaciuto anche a me ma ho come l'impressione che Quentin stia rifacendo il verso a se stesso e che si stia prendendo gioco degli spettatori...non mi ha convinto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! Djiango mi é piaciuto proprio perchè Tarantino allo stato puro, al momento non lo trovo un limite.

      Elimina
  9. Ufficiale, sono l'unico essere umano vivente a non aver ancora visto questo film.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

SANTA CLARITA DIET

RING 3

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL