Passa ai contenuti principali

CHERNOBYL DIARIES - LA MUTAZIONE





Regia: Bradley Parker
Interpreti: Jesse McCartney, Devin Kelley, Jonathan Sadowski

Trama:  tre giovani americani sono in vacanza in Europa. Si fermano in Ucraina, dove si è trasferito il fratello di uno di loro. Prima di vedere Mosca, il fratello scemo propone loro di andare a Pripyat città che ospitava quasi tutti gli operai e gli impiegati della centrale di  Chernobyl, trasformata, dopo il disastro del 1986, in una vera e propria città fantasma. A loro si uniscono altri due ragazzi. Tutti insieme, accompagnati da Iuri, ex soldato responsabile di una agenzia specializzata in "tour estremi" si avventureranno in qualcosa da cui si accorgeranno presto,  non sarà facile tornare.

Ma si, continuiamo a farci del male.
Probabilmente a causa del caldo, che non favorisce di certo i film piu' impegnati, sto inanellando la visione di una serie di scemenze veramente da manuale.
Da questo "Chernobyl Diaries" poi, mi sarei dovuta tenere alla larga, visto che dietro c'è Lui, il più grande miracolato del cinema moderno, Oren Peli. Sonoro incompetente eletto nume tutelare del genere, con la benedizione di Spielberg (Steven, perchè????!!) grazie ad una eccellente operazione di marketing, e a un pubblico cretino, responsabile dell'inutile franchise "Paranormal Activity"qui tutto fa, scrive, produce, probabilmente sceglie pure il cast visto l'infimo livello ma, magnanimamente,  lascia la sedia del regista a tale Bradley Parker.
Volendo essere sinceri, e senza fare troppo gli schizzinosi, bisogna ammettere che, all'inizio, "Chernobyl Diaries" non fa neppure così schifo.
Nonostante l'ovvietà del tutto, il gruppo è il trionfo dello stereotipo ed ognuno di loro ha la scritta "carne da macello" tatuata in fronte, Parker riesce, almeno per un pò, a farci respirare quell'aria di inquietudine che il teatro di una tale catastrofe può trasmettere. Come giá per "Aftershock", ma qui in misura maggiore vista la gravità di quanto successo nel 1986, ci sarebbe poi da aprire un dibattito etico su quanto cattivo gusto si celi nello sfruttare tali tragedie per fare film oltretutto di bassa qualità. Ma questo non è certo il luogo adatto per dibattiti di questo tipo.
Lasciando quindi da parte la mia anima bacchettona, cerchiamo di tornare al film. Che, come ho detto, almeno per un pochino il suo dovere lo fa. Almeno fino a quando i nostri baldi "ggiovani" non rimangono bloccati a Pripyat causa misteriosa "rottura" dello scassatissimo furgone.
Da lì il celeberrimo "Oren Peli style" prende il sopravvento e tutto va a catafascio.
I nostri eroi iniziano a comportarsi come gli imbecilli che sono, bene un pizzico di sospensione dell'incredulità (in fondo si tratta di cinema) ma qui si esagera visto che nessuno si comporterebbe in maniera così stupida."Chernobyl diaries" si trasforma in un pasticciato pseudo-mockumentary  fatto di immagini buie, dove non si capisce assolutamente nulla. Il cast, su cui spicca tale Jesse McCartney, abbastanza noto negli anni  80, qui in un ruolo ridicolo, si adegua limitandosi a urlare e a correre. Il disastro è completato da un finale abbastanza scontato nonchè piuttosto cretino, ma funzionale alla storia visto che nessuno sapeva dell'escursione del gruppo a Pripyat.
Noia 1 - Spaventi 0. Oren Peli non si smentisce mai. Pare però che il film sia stato preso a parolacce un pochino ovunque. Fosse la volta buona che il mondo si accorge del bluff??

Commenti

  1. Un film così brutto che dovrebbe essere vietato ai minori di 90 anni...

    RispondiElimina
  2. Il mondo ragionevole l'ha colto da un po', il bluff di Peli, ma con i 16enni continua a fare un gran successo!:D Questo orrore (non nel senso che piace a me) ne è l'ennesima conferma..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora se continua a mieter successi tra i 16enni qualche soldone lo fara' ancora temo. Ma l'horror vero e' altra cosa...

      Elimina
  3. @Frank Romantico Effettivamente è bruttino forte. Peccato perché l'idea di base non era neanche tremenda.
    @Valentina Si, lascia perdere...

    RispondiElimina
  4. Jesse McCartney nel cast... 'sticazzi! E non ho altro da dire...
    Peccato perché a mio parere parte pure bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande attore eh?Sono d'accordo.I primi minuti non fan neppure troppa pena...poi...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…