Passa ai contenuti principali

IL GRANDE GATSBY




Regia: Baz Luhrmann
Interpreti: Leonardo di Caprio, Carey Mulligan, Tobey Maguire

Trama: 1922, Nick Carraway si trasferisce a Long Island, in una villetta che confina con l'immensa villa del ricchissimo e misteriosissimo Jay Gatsby, milonario dagli affari oscuri, che solitamente organizza feste memorabili e del quale non si sa realmente nulla. Cugino di Daisy Buchanan, moglie del ricchissimo Tom, ex campione di polo, Nick viene a conoscenza del passato intercorso tra Gatsby e Daisy. I due, proprio grazie a lui, si rincontreranno...ma i sogni son ben presto destinati a tramontare e la tragedia e' in agguato.


Cosa c'è dietro un castello faraonico, a feste sfarzose, al denaro che tutto può avere e tutto può comprare? 
Stiamo per raccontare l'ennesima visione di un cineasta presuntuoso o un film destinato a diventare un classico?
Dovete sapere che io amo Luhrmann. Adoro visceralmente i suoi film, gli ho perdonato persino un polpettone come "Australia"; è il solo che potrebbe mettere le mani su "Casablanca" (pare sia uno dei suoi prossimi progetti) senza farmi venire un attacco di dermatite purulenta. Detto ciò...proprio Lurhmann porta sullo schermo uno dei classici forse più amati, una storia che conosciamo tutti quanti e non certo bisognosa di inutili orpelli.
Ed invece Baz cosa fà??Offre allo spettatore il personale Moulin Rouge di un personaggio che sacrifica la sua vita al sogno racchiuso in una luce verde al di là della baia. Il suo Gatsby riesce ad essere così scintillante da restare quasi straniti. Dopo la prima parte si esce storditi da un r'n'b martellante, dalle scenografie fastose, dai colori abbaglianti, e da costumi che, da soli, valgono l'intera visione.
Ma poi, come il racconto di una festa che sta per finire, c'è solo il ritratto di un uomo romantico ed inquieto, con il suo sogno fatto a pezzi. "Il grande Gatsby" ha scatenato critiche feroci; tracotante, ridondante ed insieme noioso, sorta di soap opera in confezione extralusso. Io l'ho trovato, come il suo magnifico interprete, terribilmente affascinante e teneramente malinconico. 
Ottimo tutto il cast. Su Di Caprio mi sono già pronunciata, è il Gatsby perfetto, davvero strepitoso; Carey Mulligan, alle prese con uno dei personaggi più sgradevoli della letteratura, Daisy è soltanto una bambolina vanesia e vigliacca, è, al solito, molto brava. Non mi è dispiaciuto nemmeno Tobey Maguire, nei panni di Nick Carraway, complice e testimone della tragedia che lentamente va a compiersi. Come già detto, un film che ha profondamente diviso.
Personalmente non credo, soprattutto, che Lurhmann abbia tradito Fitzgerald; mi sembra che, semplicemente, abbia fatto grande cinema per gli occhi e per il cuore.

"Erano gente indifferente Tom e Daisy.
Sfracellavano cose  e persone e poi si ritraevano nel loro danaro
o nella loro ampia indifferenza o in ciò che comunque li teneva uniti e lasciavano che 
gli altri mettessero a posto il pasticcio che avevano fatto"


Commenti

  1. Maguire inqualificabile, purtroppo. Per il resto, grandissimo cinema ma sul finale si sgonfia parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho trovato così tremendo (in Spiderman era molto peggio). Nel finale rallenta un pò si, ma per me è stato perfetto così.

      Elimina
  2. anziché Il Grande Gatsby, dovevano intitolarlo Il Grande Cinema :)

    RispondiElimina
  3. Film splendido, emozionante e girato da dio.
    Grande Gatsby, e grande Baz.

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con te al 100%. Un grande film. Non vedo l'ora di vederlo per la 4a volta in arena estiva - sotto le stelle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 4 volte??Sotto le stelle sarà sicuramente affascinantissimo.

      Elimina
  5. Un film moto grande, mi ha riempito il cuore.

    RispondiElimina
  6. Me lo sono segnato... temo di caricarlo di troppe aspettative.. poi ci resto male. È meglio che lo vea quanto prima. ;)

    RispondiElimina
  7. Letto anche il romanzo, io credo che non abbia affatto tradito l'essenza stessa del libro e dell'autore... un gran bel film, ricco di fascino e malinconia... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io che gli abbia reso giustizia. Veramente un film affascinante.

      Elimina
  8. mi è piaciuto ma non mi ha esattamente travolto....comunque lo cosiglierei...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo letto che ti era piaciuto. Sicuramente un film da consigliare.

      Elimina
  9. Un film che vedrò ma non so quando. Tutti entusiasti, io lo avevo scartato a priori ma a sto punto, quasi quasi...

    RispondiElimina
  10. Sono uno di quei 3 miseri personaggi che ancora non è riuscito a vedere questo film. E la cosa non sai quanto mi urti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi quanti ne devo ancora vedere io...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…