Passa ai contenuti principali

AFTERSHOCK - COSA NE DICE LA BOLLA



Trama (vista da me): Gringo (e gia' partiamo male..) americano é in vacanza in Cile, insieme agli amici Pollo (e allora...) riccastro locale    e Ariel. Girovagando qua e lá, più interessati alle belle donne che al paesaggio llocale, incontrano le sorelle Monica e Kylie, in viaggio a loro volta con l'amica Irina. Le tre vengono convinte dai (soldi) di Pollo ad andare con loro a Valparaiso. Le vacanze proseguon gaie e  contente per il nostro gruppetto di stronz... di amici fino alla sera in cui non partecipano ad una esclusiva festa in un club sotterraneo. Un tremendo terremoto  rade al suolo la citta'. Sfortunatamente i nostri si salvan...ehm...i nostri eroi scopriranno ben presto  che salire in superficie sarà solo l'inizio di un tremendo incubo.

e sono un pirla..e ciò la faccia da  pirla ..

La visione di un film è quanto di più soggettivo esista al mondo. Ognuno di noi percepisce quello che passa sullo schermo in maniera differente.
Ne diamo dimostrazione oggi io e la Bolla de "Il bollalmanacco di cinema" parlando di "Afterschock", di un certo Eli Roth, su cui io e la Bolla abbiamo opinioni leeegggermente differenti. Conoscendo bene questa diversità di vedute, la ragazza mi ha offerto su un piatto d'argento una grande proposta. Uno scambio di recensioni  relativa al filmacc  all'ultima opera in cui compare il buon Roth. Eccovi quindi l'opinione della Bolla su "Afterschock"

Sinceramente, non so se è perché Eli Roth mi sta simpatico, se è perché lo trovo uno gnocco da paura o se è perché, fondamentalmente, l'orsotto ebreo è il piccolo stronzetto raccomandato di Quentin, però non ci riesco ad essere cattiva con lui. Me lo immagino sempre a buttar giù sceneggiature ridendo da solo come un cretino, fare il cazzone assieme ai colleghi, fondamentalmente a divertirsi come un bambino con giocattoli da milioni di dollari... e per proprietà transitiva mi diverto anche io.Aftershock, diretto dall'amichetto Nicolás López, non fa eccezione: è una pellicola di genere assolutamente rilassante, tranquillissima nel suo essere maledettamente prevedibile, eppure a tratti fa saltare sulla sedia e sicuramente riesce nell'intento di intrattenere il pubblico. Ma la cosa paradossale è che la carta vincente non la gioca con l'effettaccio  splatter gratuito (poca roba), né con l'assunto ormai sdoganatissimo dell'homo homini lupus, bensì con i primi 40 minuti di cazzeggio introduttivo. D'altronde, López viene dalla commedia e si vede, quindi per quanto il punto di vista del regista e co-sceneggiatore non sia tanto distante da quello di un Vanzina qualsiasi, l'autore cileno riesce ad offrire un ritratto assolutamente plausibile e a dir poco esilarante di un trio di deficienti in vacanza: se ripenso a tutti i viaggi che ho fatto, a tutte le discoteche zamarre in cui, mio malgrado, sono stata, mi sembra quasi di rivederli i Pollo, i Gringo e gli Ariel della situazione! Il fighetto figlio di papà che non perde occasione per coglionare le zoccolotte con i suoi modi spicci, lo sfigato che non ne prenderebbe nemmeno se la pagasse e il povero, triste reduce da una relazione sentimentale che gli impedisce di darci sotto con le ragazze come dovrebbe; sono tre personaggi che, nonostante i loro mille difetti, non possiamo fare a meno di arrivare a considerare quasi reali, tanto che quando poi il terremoto colpisce ci dispiace per loro (per le ragazze no, ecco, caro López magari la prossima volta meno stereotipi visto che hai azzeccato solo il personaggio di Irina, mentre le altre due veniva voglia di vederle morte subito).
Il terremoto, si diceva. E' una sequenza che spezza il cuore per i motivi di cui sopra, ed è l'unico, vero momento di tensione all'interno della pellicola e un buon esempio di come Lopez con la macchina da presa ci sappia fare, come verrà poi riconfermato durante tutte le scene più tese e girate in notturna. Quello che viene subito dopo, durante l'Aftershock del titolo, sa un po' di già visto, lo ammetto. Gli sceneggiatori, nonostante la maggior parte delle volte riescano a giostrare i personaggi in modo abbastanza realistico (soprattutto per quanto riguarda il difficile rapporto tra Gringo e Pollo e per il crollo di Gringo durante la sequenza al cimitero, mentre l'idiota che decide di non considerare la donna spaventata con la pistola spianata... vabbeh...) inseriscono dei twist nella trama che tali non sono, perché bastano un inquadratura o il ricordo di qualche dettaglio colto qualche minuto prima per capire dove andranno a parare e questo, purtroppo, vale soprattutto nel finale, che dovrebbe essere spiazzante ma che da me si è guadagnato solo un'alzata di sopracciglia e un mezzo sorrisetto. Comunque, prevedibilità a parte, c'è da dire che Aftershock è diretto bene e sceneggiato in maniera assai frizzante, inoltre si vede che gli attori, tutti comunque validi, sono particolarmente affiatati tra loro (c'è anche un cammeo di Selena Gomez che, se non ho capito male, è parecchio amica di Roth) e che nessuno dei coinvolti pretendeva di girare il filmone horror/catastrofico del secolo, il che rende l'operazione anche più simpatica. Insomma, con grande stupore della mia "antagonista" a me questo Aftershock è piaciuto parecchio e lo avrete capito, lascio a voi lettori il mio consiglio spassionato per una serata senza impegno. A Eli invece lascio un messaggio:
"Caro orsetto ebreo, non dare retta alla gallina russa che ti dice di perdere 10 pounds, vai benissimo così, morbido come un Torroncino Condorelli. Cerca solo di non prendere a modello Quentin anche per la forma fisica, o tra qualche anno altro che torroncino, mi diventi un Toblerone e non mi sembra il caso. Però sì, fai qualcosa per quei capelli, ché conciato da Gringo sembravi un babbo senza speranza e nun te se poteva guardà. Tua, Bollina"

Ahhh....ecco...invece per una serata senza impegno consiglierei volentieri altro, come si capisce anche dalla trama...comunque è stato un onore cara, sempre pronta a confrontarmi su tutti i film che vuoi... 



Commenti

  1. non mi ha entusiasmato come babol, ma in questo simpatico scambio di blog sono dalla sua parte.
    non è un capolavoro, però come visione pre-estiva ci sta tutta!

    RispondiElimina
  2. nella seconda parte ammetto di essermi piuttosto divertito....eli roth uno gnocco da paura? ehhhhmmmm O_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no dai...divertito no...ed e' decisamente piu' carino Boal...

      Elimina
    2. Gnocco, gnocco,ribadisco u__u

      Elimina
  3. Bellissima questa idea dello scambio di recensioni. Io il film non l'ho visto quindi non mi posso esprimere, ma devo recuperarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio...per me puoi pure evitarlo. Ma se decidi di immolarti verro' di certo a leggerti

      Elimina
  4. Fighissima questa iniziativa...il film non l'ho visto però. Perdonatemi. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Per quanto riguarda il film vale quanto detto a Frank...ma se proprio vuoi...

      Elimina
  5. Omonero dice:
    scambio di blog...ecco...già...
    Meno male, pensavo di essermi definitivamente rincOrconito!
    Per quanto riguarda il film, in tutta onestà, dopo averlo visto ho pensato che non valesse neanche la pena di recensirlo...

    RispondiElimina
  6. ecco uno a cui è piaciuto meno di me!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…