Passa ai contenuti principali

THE BAY



Regia: Barry Levinson

Trama: Due ricercatori biologici scoprono che le acque della pittoresca Chesapeake Bay, delle quali beneficia tutta la comunità locale, sono altamente tossiche. Il sindaco però, per non allertare la popolazione, rifiuta di rendere pubblica la notizia. Nel giro di poco tempo tuttavia la situazione degenererà e la diffusione di una razza mutante di parassiti porterà gli esseri umani a perdere il controllo delle proprie menti e successivamente dei corpi, facendo piombare nel terrore assoluto tutti quanti.

Avevo detto che avrei smesso. Basta con telecamere a mano, immagini ballonzolanti e senso di nausea perenne.
I mockumentary o found footage (chiamateli come vi pare) mi avevano francamente rotto gli zebedei.
Poi e' spuntato questo "The Bay", dietro cui non c'era uno studente della scuola di cinema ma Barry Levinson uno che a 70 anni dopo aver vinto premi Oscar ha deciso di rischiare cimentandosi con un genere a lui sconosciuto..e chi ha il coraggio di azzardare, specialmente a 70 anni quando non si deve dimostrare niente a nessuno, merita il massimo rispetto.
E poi di "The Bay" si parlava bene in giro, quindi non sia mai che io mi lasci sfuggire un film di cui si parla bene.
Nulla da eccepire. "The Bay" riesce dove un buon 90% dei mock fallisce clamorosamente, ovvero mette un'ansia pazzesca.
Sara' stata la tematica ecologista estremamente attuale e verosimile, per una volta non si parla di mostri ed attivita' paranormali, ma con "The Bay" sono rimasta incollata allo schermo fino alla fine senza morire di noia.
Levinson e' bravo a mostrarci quanto siano belle le celebrazioni per il 4 luglio in questa ridente cittadina costiera; il sole, il mare, la parata, la gara a chi mangia piu' granchi...persino miss Crostacei; e riesce benissimo anche quando ci mostra come tutto venga distrutto (persino la povera miss Crostacei) rapidamente. Gli effetti speciali sono molto artigianali ma efficaci, i parassiti sono veramente schifosi, e la tensione rimane ben calibrata per tutta la durata del film. "The Bay" dimostra che, se c'e' dietro una discreta storia e qualcuno che sappia cio' che fa, anche in genere come il mockumentary puo' dar vita forse non ad un capolavoro, ma comunque ad un sano e godibilissimo prodotto di genere.
Ah, sembra incredibile ma "The Bay" uscira' in Italia...il 4 luglio...

Commenti

  1. Forse, e sottolineo forse, lo vedrò quando uscirà in sala....e con una buona scorta di antiemetici a portata. Ormai ad ogni scarto di telecamera mi viene un attacco di nausea! Barry Lewison o meno il mio mal di mare non ne giova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, questo non è neanche tanto nauseabondo. Una visione secondo me la merita proprio!

      Elimina
  2. addirittura lo fanno uscire in italia? e che sono impazziti? son contento che ti sia piaciuto, Levinson è un ragazzaccio terribile che a 70 anni suonati si mette in gioco come un giovinastro. E solo per questo c'è da ammirarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.Oddio, io adoro l'acqua e le cittadine di mare...mi ha messo una gran ansia, ma suppongo che questo si, voglia dire che mi è piaciuto. Levinson a 70 anni suonati oltre mettersi in gioco vince sulla marea di pivelli che si son cimentati con il genere, producendo cose inguardabili!

      Elimina
  3. Concordo in pieno: non una pietra miliare, ma assolutamente funzionale e godibile.
    Bravo Levinson.

    RispondiElimina
  4. Grande film che funziona da dio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un film che funziona alla grandissima...

      Elimina
  5. Mi mette già un po' d'ansia. Si, lo vedrò proprio il 4 luglio...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente un tantino ansiogeno lo e'...

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…