SOTTO ACCUSA

Questo blog parla di cinema, a volte libri. Di quelli che mi piacciono e non mi piacciono. Ho scelto deliberatamente di evitare di aprire un blog in cui si parla di me, di cosa penso del mondo in cui vivo, delle cose che vedo e che sento. L'ho già fatto in passato, non ha funzionato...e poi diciamo la verità a lungo andare annoiavo persino me stessa. Ho preferito raccontare delle mie passioni, in modo scherzoso..mi diverte di più, è il mio piccolo momento di distacco, è la mia anima anarchica che prende vita.
Ma oggi non ce l'ho fatta. Oggi lascio stare le stupidaggini, oggi voglio porre l'accento su questo articolo.
Riporto integralmente da Corriere.it:
NAPOLI - La ventenne di Macerata Campania ricoverata da una settimana all'ospedale di Caserta dove lunedì scorso ha subito l'asportazione della milza in seguito ai colpi ricevuti dal suo compagno - che già in passato l'aveva picchiata e che ora è in carcere accusato di tentato omicidio - ha rilasciato ieri una intervista al Corriere del Mezzogiorno per dire che lei quel ragazzo lo ama e che vuole tornare con lui.Nel suo letto nel reparto di Chirurgia d'urgenza,Rosaria Aprea si è anche lasciata fotografare per dimostrare che «non è vero che ho subito percosse», tesi a suo parere dimostrata dall'assenza di lividi o medicazioni sul volto, sulle braccia, sulla testa. All'addome, però, hanno dovuto operarla due volte in poche ore: prima per asportarle la milza e poi per fermare una emorragia interna che se, fossero passati ancora pochi minuti, avrebbe potuto ucciderla. E ancora oggi i medici non hanno sciolto la prognosi. Rosaria questo lo sa, ma resta convinta che Antonio Caliendo, imprenditore ventisettenne di Casal di Principe con il quale esattamente un anno fa ha anche avuto un bambino, «non voleva sicuramente farmi male» perché, dice lei, «ci amiamo e non vedevamo l'ora di andare a vivere insieme con nostro figlio». E non che questo tentato omicidio abbia indotto Rosaria a cambiare idea: la convivenza con Antonio è una «cosa che io voglio fare ancora, perché l'amo».Solo qualche giorno fa diceva cose diverse: «No, non ci torno assieme. Non lo odio, provo rabbia. Però lo so che adesso è finita». Ed era stata lei a denunciarlo, appena arrivata al pronto soccorso accompagnata dalla madre, perché lui, dopo averla presa a calci se n'era andato. Ora sostiene di averlo fatto in «momenti di semi-incoscienza», ma «dopo i primi giorni in cui mi sono sentita frastornata ho via via acquisito la mia lucidità e mi sono accorta di avvertire sempre di più l'assenza di Antonio». E adesso vuole «ritirare la denuncia perché immagino che questo possa aiutarlo a venire fuori da quel posto». Immagina male, Rosaria. E forse il suo avvocato, Carmen Posillipo, glielo avrà anche spiegato: per lesioni gravi come quelle che le ha provocato il fidanzato, la Procura procede d'ufficio. Lei può perdonarlo, se crede, ma il magistrato va avanti per conto suo.Lei, però, insiste: «Sto male al pensiero che sia rinchiuso in carcere. Non voglio che Antonio resti ancora lì dentro. Lo so che non si è reso conto di quello che mi ha fatto e voglio tornare con lui». Dice che vorrebbe «poterlo incontrare perché sono certa che si è pentito. Vorrei potergli dire da vicino: mi manchi tanto, vorrei tornare a passare le nostre serate assieme sul divano della tavernetta»«Lo amo da morire», dice convinta. E ingenuamente non si accorge che nel suo caso quella frase rischia di esprimere una tragica verità.
Ho dovuto rileggerlo un paio di volte perchè non ci potevo credere. Come è possibile? Vi prego, spiegatemelo. Questa ragazza di 20 anni non solo ha fatto un figlio con uno che già la picchiava, ma in più, dopo che tale bestia immonda le sfonda la milza a calci vuole tornare con lui?
In un primo momento ho pensato che fosse una povera pazza, poi, mi sono detta che è solo il prodotto di una cultura marcia, malata. Perchè probabilmente accanto a lei non c'è nessuno che le dica che sta sbagliando, che le dica che "no, tu da quella bestia non ci torni più, dovessi rinchiuderti" (la ragazza va difesa prima di tutto da sè stessa, si...) anzi, probabilmente le avrà consigliato di perdonare perchè "gli uomini , poverini, vanno capiti..." perché anche se la Procura procede d'Ufficio ci sarà tutto il tempo, se lei sceglie di perdonarlo, perché lui l'ammazzi...ed  allora si scateneranno i pianti e le recriminazioni.
E, senza commentare quello che ho letto su i social, tra cui l'invito alle femministe di sfogarsi lanciato da un giornalista su twitter, mi è venuta una gran rabbia. Quanto lavoro ancora da fare. Perché dobbiamo si educare gli uomini all'amore per le donne. Ma forse, prima di tutto, dobbiamo educare le donne ad amare loro stesse.


Commenti

  1. Una cosa simile non merita commenti. Purtroppo a questo mondo c'è ancora TROPPA ignoranza. O forse siamo tutti così impauriti all'idea di rimanere soli (e io ne so qualcosa) da accettare anche le situazioni più terribili piuttosto che affrontare la vita con le nostre forze. Il problema è che, con un bimbo di mezzo, gesti così stupidi ed egoisti non sarebbero nemmeno da prendere in considerazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io giuro che quando ho letto, come ho scritto nel post, non ci credevo. Quanta ignoranza esiste ancora, quanta arretratezza. Si, la solitudine fa paura, ed oggi nell'era del "tutto connesso" ce ne è davvero tanta, ma a che prezzo si paga questa paura. Spero che lei ci ripensi, soprattutto per il bambino, che rischia di trovarsi un padre violento ed una madre morta.

      Elimina
  2. Cosa aggiungere ?? Non so..non so cosa scatti nella testa della gente..non so cosa possa portare una donna a sentirsi così attratta dal suo carnefice..non lo so..davvero, non riesco a capire..so solo che è davvero triste e sconcertante..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto sconcertante che nel 2013 una ragazza di 20 anni abbia cosi' poca autostima. A meno che dietro non ci sia altro..

      Elimina
  3. Folle e incomprensibile. A meno che non si aprano gli occhi sul fatto che l'Italia è un paese per buona parte schiavo di una cultura machista medievale, su cui il berlusconismo ha fatto ulteriori e irreparabili danni.L'unica cosa che si può fare, la si deve fare nel campo del diritto.Inasprire le pene e rendere sempre,sempre,sempre, il reato perseguibile d'ufficio.Educare all'amore, purtroppo, non si può.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Ma se la vittima non collabora temo che anche procedendo d'ufficio si ottenga poco. E poi noi donne dobbiam imparare ad amarci di piu'.

      Elimina
  4. Io non ho figli e chiaramente non posso giudicare, ma penso che qualsiasi madre con un minimo di razionalità porterebbe il proprio figlio il più lontano possibile da una persona del genere. Prima di tutto per tutelare la sua incolumità, e poi per insegnargli quanto sia profondamente sbagliato, e inumano, e folle, alzare le mani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Se non vuole farlo per lei lo faccia almeno per salvare suo figlio.

      Elimina
  5. Risposte
    1. anche io seriamente fatico a comprendere...

      Elimina
  6. non ci sono spiegazioni logiche al perchè una persona che definirei peggio di un animale arriva a menare una donna, ma nello stesso tempo non arrivo a capire perchè una donna sia disposto a tanto... sarò limitato, ma non capisco

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

SANTA CLARITA DIET

RING 3

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL