Passa ai contenuti principali

SEVERANCE - TAGLI AL PERSONALE



Regia: Christopher Smith
Interpreti: Danny Dyer, Laura Harris


Tra il maremagnum di porcherie che infestano il panorama televisivo, ogni tanto capita di imbattersi nel "miracolo del cinefilo", ovvero uno di quei film di cui hai sentito parlare benissimo ma che hanno avuto una distribuzione infame, programmato ad un orario in cui riesci ancora a non crollare svenuta sul divano.
Il fenomeno, a casa mia, si è manifestato un paio di domeniche fa con "Severance - tagli al personale". 
"Severance" è una pellicola di cui, all'epoca della sua uscita, avevo letto in giro molto bene. Si pensava pure di andare a vedercela al cinema, ma dalle mie parti è stata poco più di un fantasma, ovviamente saltò tutto, così me lo sono recuperata nella tranquillità del divano di casa.
E debbo ammettere che ne é valsa davvero la pena.
Un gruppo di impiegati della Palisade Defense, una grande società produttrice di armi, viene inviato tra i boschi della Transilvania per un week end che dovrebbe sviluppare il loro senso di gruppo e temprare il loro carattere. Peccato che, una volta giunti a destinazione, diverranno ben presto bersaglio di guerriglieri fanatici, decisi ad ucciderli con modi sempre più efferati. 
Dopo un prologo che ci riserverà comunque una piccola sorpresa verso il finale, Smith parte  con tono da commedia presentandoci l'eterogeneo gruppo di personaggi abbastanza lontani dai tipici stereotipi  bellona/imbecille che caratterizzano il genere.
Si ride molto in "Severance", persino le scene più splatter, memorabile quella della decapitazione, strappano un sorriso. I dialoghi sono fulminanti , ed il tutto è condito da una buona e sana dose di scorrettezza politica, i promotori della guerra a tutti i costi che vengono uccisi in una sorta di "contrappasso" proprio da quelli a cui fornivano le armi, ma soprattutto lo sberleffo ad una società che vende armi eppure si dichiara contraria alla guerra (uno dei personaggi è in procinto di creare mine antiuomo più "umane").
Grazie quindi ad una sceneggiatura molto ben scritta, Smith mischia con perfettamente horror e commedia senza mai cadere nel parodistico o nello sguaiato.
Il risultato è uno stilosissimo gioiello di genere, provocatorio, nerissimo e davvero esilarante.
La dimostrazione che l'horror, se realizzato con intelligenza, può essere qualcosa di più di sangue e budella gettate a casaccio.
Imperdibile per gli appassionati.

Commenti

  1. Un film a dir poco adorabile, una di quelle perle nere che meriterebbero di venire distribuite a macchia d'olio, tanto quanto La casa & co.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proprio una sorpresa.Avrebbe davvero meritato una distribuzione migliore.

      Elimina
  2. Mooolto carino. Un regista che in quattro titoli si è costruito un suo personale percorso horror. Hai visto la serie Labyrinth?

    ps: Possibile che sempre e solo gli UK!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No la serie non l'ho vista.Purtroppo non riesco a seguire tutto quello che vorrei (la notte dormo...). Già...perche' sempre Uk??

      Elimina
  3. Io lo trovai veramente gustoso. Anche se vorrei rivederlo. Però all'epoca mi divertì alcquanto.

    RispondiElimina
  4. Christopher Smith è un grande! se non l'hai fatto recupera Triangle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto lo segno.Si, Smith l'ho tovato davvero bravo.

      Elimina
  5. Pensa che invece a me non piacque quasi per nulla. Quasi quasi lo rispolvero, anche perchè lavorativamente parlando in questo periodo per me ci sta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari dopo qualche anno puó piacerti di più.

      Elimina
  6. Omonero dice:
    All'epoca comprai il dvd e mi è già capitato di rimetterlo nel lettore un paio di volte.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…