Passa ai contenuti principali

POSTI IN PIEDI IN PARADISO



Regia: Carlo Verdone
Interpreti: Pier Francesco Favino, Carlo Verdone, Marco Giallini, Micaela Ramazzotti.

Trama: Ulisse gestisce un negozio di vinili e di memorabilia del suo glorioso passato di produttore discografico; Fulvio è stato un importante critico cinematografico prima di finire a scrivere di gossip  causa di una relazione con la moglie del suo caporedattore; Domenico, invece, è un agente immobiliare scapestrato che il vizio del gioco e delle donne ha ridotto a vivere dove capita e a dover pagare gli alimenti a un numero di figli e di famiglie imprecisato. I tre, diversi per carattere ed abitudini ma accomunati dall'essere separati dalle proprie compagne, a causa della crisi economica si ritrovano a fare i conti con una difficile convivenza, finché una sera Domenico, che arrotonda le entrate come escort, viene colto da un malore dopo aver preso troppo viagra e fa chiamare a casa Gloria, una stramba cardiologa con seri problemi sentimentali.

Da parecchio tempo ormai non riesco a guardare una cosiddetta "commedia all'Italiana". Non mi piacciono, le trovo stupidine, banali e mediamente volgarotte.
Pero' a Verdone, forse per i suoi gloriosi trascorsi non riesco proprio a volergli male. E poi l'altra sera si cercava qualcosa da guardare tutti insieme; la scelta e' caduta su "posti in piedi in Paradiso".
Debbo dire la verita', non e' affatto male.
Scordatevi le grasse risate dei tempi andati, "Un sacco bello", ma dimenticatevi anche la cattiveria di "Compagni di scuola".
In "posti in piedi in paradiso" prevale la malinconia, sentimento perfetto per descrivere questi tempi in cui, da ridere, c'è davvero poco.
E guardando "posti in piedi in paradiso" debbo dire che piu' che ridere si sorride.
Molto bravi i tre protagonisti, lo stesso Carlo Verdone, un pochino volutamente sottotono, nei panni di Ulisse che ha aperto un negozio di vinile in questi tempi miserabili per ricordare il suo passato glorioso di produttore discografico, Pierfrancesco Favino è invece Fulvio, perfetto uomo medio, incapace di ammettere le proprie colpe, buonista eppure meschino, si vanta di una conoscenza con Gabriele Muccino per rimorchiare una pseudo velina prestata alle soap,  allo stesso tempo. Ma a svettare su tutti è Marco Giallini, che si conferma forse il miglior caratterista italiano in circolazione. Il suo Domenico, maestro nell'arte di arrangiarsi, stupendo gigolò per ricche signore attempate, è un capolavoro degno della migliore commedia all'italiana. Decisamente più sottotono la parte femminile, con una Micaela Ramazzotti, che ancora non si capisce bene se sia davvero brava o no, per quanto mi riguarda un tantino troppo sopra le righe.
Dissacrante, graffiante, a tratti un pò amarognolo, raccontando di questi tre uomini costretti dalle vicessitudini della vita e dalla crisi economica a dividere le proprie esistenze,  Verdone ci parla di una generazione che, fondamentalmente, non ha mai accettato di crescere e per questo, forse, ha fallito. Ma Verdone da anche una speranza perchè le cose si sistemino, sono i figli, le nuove generazioni, migliori di chi li ha preceduti ed ancora stà lì, e non vuole lasciare loro il posto.
Per alcuni "Posti in piedi in paradiso" è stato un Verdone in tono minore, per me è una bella commedia, intelligente e mai volgare, da guardare e su cui, perchè no, riflettere anche un pochettino.

Commenti

  1. E' un film che a me è piaciuto parecchio..Verdone mi piace molto..e questa commedia tratteggia perfettamente questa nostra epoca..specchio perfetto..hai ragione..fa riflettere, è amarognola e a tratti anche malinconica..ma loro sono bravissimi...e anche la Ramazzotti mi è piaciuta nella sua interpretazione.
    Bacio e buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo.Per me e' stata una piacevole sorpresa. Sulla Ramazzotti pero' sospendo il giudizio..buona serata!

      Elimina
  2. A me ha fatto davvero venire il latte alle ginocchia. Finale ai limiti del buonismo e irritante come pochi. Bella l'idea di partenza, però...

    RispondiElimina
  3. mi sa che in questo caso sei stato troppo crudele...

    RispondiElimina
  4. continuo a rimpiangere il Verdone di Borotalco e Bianco Rosso e Verdone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello era un mito..questo non e' niente male..

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…