Passa ai contenuti principali

LA CASA (2013)




Regia: Fede Alvarez
Interpreti: Jane Levy, Jessica Lucas, Shiloh Fernandez

Trama: Mia é una giovane tossicodipendente che vuole smettere con la droga. Convince suo fratello David, la  fidanzata di lui ed i suoi cari amici Olivia ed Eric a trascorrere un periodo con lei nell'isolato chalet di montagna appartenuto alla sua famiglia, per aiutarla a disintossicarsi. Mia e David dovranno superare anche la morte della madre. Una volta giunti a destinazione si accorgono che la cantina è piena di animali morti. Troveranno anche un misterioso libro avvolto nella plastica ed un fucile. Spinto dalla curiosità, Eric decide di aprire il libro e leggerne alcuni brani...ma presto si renderà conto di aver scatenato una vera e propria apocalisse maligna...


A me, la parola remake, provoca un leggerissimo fastidio, è cosa nota. Questa volta,  si andava a toccare una leggenda, una pellicola che ha fatto epoca ed ancora oggi mantiene intatto il suo fascino. Materiale bollente quindi, affidato, con la benedizione di Sam Raimi qui produttore, all'uruguayano Fede Alvarez.
Che, compie alcune scelte intelligenti. Pur mantenendo molti punti in comune con l'originale, alcuni non così evidenti e per questo ancora più intriganti, Alvarez dà alla storia un punto di partenza differente, ne cambia saggiamente il protagonista, il carisma di Ash era difficilmente ripetibile, donando un background a tutti i suoi personaggi, ma soprattutto, decide di non ricorrere alla computer grafica. 

Il risultato finale  è un buon horror, ed in tempi di remake inutili è già tanto, in cui la lettura del libro scatena una vera e propria mattanza fatta di litri e litri di sangue ed altri svariati fluidi, mani staccate, tendini strappati, senza che lo spettatore abbia un attimo di respiro.
Molto piu' cupo, cattivo, e spietato del suo padre nobile, che non ho mai comunque trovato particolarmente divertente, questo "La casa" versione moderna e' caratterizzato da una confezione curata ed impeccabile, alcune scene sono senza dubbio (seppur disgustose) visivamente bellissime nonche'da interpretazioni efficaci, brava Jane Levy nei panni della tormentata Mia. L'insieme quindi é potente, solido ed indubbiamente ad effetto,   Chi ama il genere non potra' non apprezzare.
Ma...e qui arriva il ma....il primo resta lassu', inarrivabile, con la sua artigianale follia.
Per quanto sia, e non mi stancherò mai di dirlo, un ottimo film, lontano dagli orrendi remake moderni, ho in mente (causa infausta visione domenica scorsa) lo scempio fatto su "The Hitcher" ma ce ne sarebbero tanti altri, credo che questo "La casa" sia pieno di paura, ma manchi un pochino di tensione. Cerco di spiegarmi. Qui abbiamo abbondantemente l'occasione di disgustarci, perfino troppo, ma non di spaventarci. Non c'è quel disagio, quell'ansia, quel senso d'attesa che precedeva la mattanza nel suo predecessore. Manca forse, quel genio che ha fatto de "La casa" originale un film capace di cambiare un genere.
O, più probabilmente, siamo noi, romanticamente cresciuti con gli incubi di Raimi ad essere più smaliziati. Di sicuro, i più giovani, apprezzeranno senza riserve. Comunque Alvarez ha dimostrato di saperci fare,  aspettiamo di rivederlo presto all'opera con qualcosa, forse, di meno "ingombrante".

Commenti

  1. Concordo in pieno, dalla prima all'ultima riga.
    Per essere un remake, Alvarez ha fatto una gran bella cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto piu' di quel che mi aspettavo, nonostante il difetto della poca attesa...chiamiamola cosi'...

      Elimina
  2. A parte che continuo ad invidiarti per avere una dolce metà che si offre di accompagnarti, mentre la mia mi guarda come se fossi una pazza assetata di sangue, direi che siete tutti concordi su questo Alvarez. Nome da segnarsi, a quanto pare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alvarez promette bene assai.Speriam continui su questa strada!

      Elimina
  3. Perfettamente d'accordo Beatrix, come James, da cima a fondo.
    Ma lo sapevi già... :)
    Sono orgoglioso di essere stato bambino allora e non ora comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Erano davvero gran bei tempi i nostri..(vecchia brontolona son diventata mamma mia!!!)

      Elimina
  4. Concordo in tutto e per tutto, soprattutto quando dici che l'unico difetto di questo remake è la mancanza di suspance... tutto un po' troppo plateale :P
    Comunque, tanta roBBa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure troppo plateale...tanta robba si!!!

      Elimina
  5. Io sono per la sufficienza, non mi ha terrorizzato...

    RispondiElimina
  6. anche io sono d'accordo, per essere un remake è decisamente di lusso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. extra lusso considerando la desolazione generale...

      Elimina
  7. Come ho già scritto altrove... la sorpresa dell'anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una delle cose migliori, in ambito horror, sicuramente viste da parecchio tempo.

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…