Passa ai contenuti principali

LA CASA (1981)


Regia: Sam Raimi
Interpreti: Bruce Campbell, Ellen Sandweiss, Richard Demanicor.


In attesa di vederne il remake che ci riporterà, salvo contrattempi dell'ultimo momento, in sala dopo parecchio tempo per vedere un film horror, l'altra sera io ed il marito, bacarospi a nanna, ci siamo rivisti l'originale.
La trama è arcinota, un gruppo di ragazzi va in gita in una sperduta baita di montagna. In cantina troveranno un misterioso libro scritto con il sangue e rilegato in pelle umana ed un registratore che risveglieranno forze oscure e mortali trasformando la vacanza in un vero e proprio incubo.
Ho bene in mente le polemiche alla sua uscita. Ero troppo piccola, ovviamente, il film per me era proibito (solo le mie amiche più grandi potevano andare a vederlo, e ne uscivano terrorizzate);  lo vidi  soltanto qualche anno più tardi al cinema estivo all'aperto di cui parlo spesso, ed ammetto che ben 31 anni dalla sua uscita ha riservato ancora parecchie sorprese.
Certo, ne emerge prepotentemente la sua natura artigianale, su questo non c'è dubbio, ma altrettanto prepotentemente esce fuori il genio che c'è dietro. Perché ci vuole del genio a fare un film con pochi dollari; effetti speciali fatti con cartone, yoghurt di vari gusti e vernice rossa, coadiuvato da attori incredibilmente cani specialmente le ragazze, riuscendo a non sprofondare nel (totale) ridicolo, ma anzi rivoluzionando un intero genere e riuscendo, 31 anni dopo, a spaventare ancora.
Si, datemi pure della incredibile fifona, ma nonostante alcuni momenti di ilarità dovuta soprattutto alla già menzionata scarsità degli attori, l'ultima ragazza che si trasforma in demone è veramente tremenda, "La casa" e' un film che riesce ancora ad inquietarmi, la scena dell'albero stupratore ed a schifarmi abbastanza, la mattanza finale dei demoni con lo smembramento in stop motion...ma io si sà, sono un'anima candida...(il marito si è addormentato).
Idiozie a parte, la cosa comunque che si nota soprattutto vedendo "La casa" è la passione con cui è stato realizzato. Raimi ed i suoi hanno fatto il film horror che avrebbero voluto vedere, si divertono come matti a farci morire di paura.
 C'era amore per il cinema in queste pellicole fatte di niente e con niente, quello che spesso nemmeno si nota in remake inutili, fotocopie patinate ed aggiornate di grandi classici...anche se pare che Fede Alvarez abbia fatto meraviglie in questo caso....

Commenti

  1. Capolavoro assoluto, e che te lo dico a fare...? Anche io volevo recuperarmi la trilogia prima di abbuffarmi del sangue di quello nuovo, ma il tempo è tiranno ç__ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi si e' rivisto solo il primo, programmato su un canale sky qualche tempo fa. Non credevo facesse ancora tanta paura. Adesso son molto curiosa di vedere il remake..

      Elimina
  2. Vedi Babol, capolavoro assoluto.
    Dici bene, lo trattano da filmetto innocuo mentre quegli anni fu una delle cose più terrorizzanti mai uscite.
    Domani, ah, domani, sono mesi che aspetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curiosissima pure io..ed e' la prima volta che mi capita per un remake.. credo sia la misura della porenza che ha avuto l'originale...

      Elimina
  3. Io l'ho visto seriamente una decina di anni fa, da sola. Si perché le mie amiche con cui dovevo vederlo mi hanno fatto spegnere dopo 15 minuti - fifone! Scherzi a parte, gran bel film, speriamo che il remake lo tratti con rispetto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anche io...le prime recensioni del remake sono buone..

      Elimina
  4. Supercult assoluto. Bellissimo, spaventoso, ironico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. Un film che ha fatto epoca

      Elimina
  5. Credimi, non si tratta di essere fifoni o meno, quì stiamo parlando di uno degli Horror (con l'H maiuscola) più potenti degli anni '80. Senza contare il fatto che un tale livello di sangue e frattaglie, prima di quel periodo non era ancora stato raggiunto. E' verissimo che si nota la passione con cui è stato realizzato e la cosa che forse più mi terrorizza all'idea del remake, è quella di non ritrovare la stessa vivacità cromatica presente nel film di Raimi. Un cult innegabile!
    P.S. Ricordo anch'io i manifesti fuori dai cinema all'epoca, ero piccolo e mi arrabbiavo con mio fratello maggiore perchè volevo vederlo. Quando anni più tardi lo vidi per la prima volta, capii che se anche mi avessero fatto entrare, mi sarei spaventato a morte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che siam tutti molto curiosi di vedere che cosa han combinato con il remake.Alvarez ha avuto parecchi soldi in piu' di Raimi a suo tempo. Speriam non li abbia sprecati..

      Elimina
  6. Uno dei cult di quando ero bambino (e infatti, l'ho visto un po' dopo, in tv). Un capostipite, che aggiungere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nulla. Extra cult..come non se ne fanno piu'...

      Elimina
  7. Cultissimo!capolavorissimo...ed è per questo che sono curiosissimo di vederne il remake..madò quanti superlativi assoluti ci ho messo!

    RispondiElimina
  8. Io dovrei andare nel finesettimana ...sperem...

    RispondiElimina
  9. Con un po' di timore, aspetto il remake. Questo fu cult persino per me, che non amo il genere...vediamo un po'. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siam tutti in attesa... tra timore e curiosita'...

      Elimina
  10. Cultissimo, uno dei primi horro che ho visto, forse quello che più ha condizionato il mio modo di vedere il cinema.

    RispondiElimina
  11. direi che il parere e' unanime...

    RispondiElimina
  12. Le ultime righe sono la cruda verità. A fronte di budget risicati e scarsità di mezzi, era la passione e la voglia di creare che riusciva a tramutare degli scalcinati progetti giovanilistici in pietre miliari della storia del cinema.
    Oggi si sopperisce alle lacune creative col cash: i film "sembrano" tutti più bellini, tutti ben fatti, ma tradiscono un vuoto interiore desolante.

    RispondiElimina
  13. Difficile essere obiettivi... comunque cult assoluto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…