Passa ai contenuti principali

ATTACCO AL POTERE - OLYMPUS HAS FALLEN



Regia: Antoine Fuqua
Interpreti: Gerard Butler, Morgan Freeman, Angela Bassett, Aaron Eckhart

Trama: un gruppo di terroristi nordcoreani occupa la Casa Bianca, prendendo in ostaggio  Presidente, Vice, Segretario di Stato e Segretario della Difesa degli Stati Uniti. Unica speranza per tutti Mike Benning, ex capo del servizio della sicurezza del Presidente al  momento relegato a lavoro d'ufficio per via di un brutto incidente...


"Signore, mi dispiace per la casa..."
"Non c'è problema, credo sia assicurata..."

Booom, Crash, Ratatatatataaa, Bang, Bang....13 minuti, così almeno ci dice orgoglioso il loro capo, 13 minuti ed i coreani brutti e cattivi si son pigliati la Casa Bianca sterminando anche gli acari che stavano sui mobili. Peccato che quando si tratta di abbattere Gerardone Butler, il solo rimasto vivo per puro caso di tutto l'apparato di sicurezza attorno a quello che e' il palazzo presidenziale piu' protetto al mondo,dimostrino una debbatagine degna di Paperino.
Ma apro prima di tutto una parentesi. Perche' l'ennesimo "Attacco al potere" e non il piu' suggestivo, vabbe' forse un tantinello retorico "l'Olimpo e' caduto?"
Forse un titolo del genere era considerato fuorviante per l'italico spettatore, poteva pensare ad un dramma filosofico..chissa'...
Lasciando perdere le inutili considerazioni sul titolo italiano, debbo dire che "Attacco al potere" somiglia tanto in voga negli anni 80. Ottimi caratteristi in ben remunerata vacanza interpretativa, due paginine due di sceneggiatura, un cattivone one one, l'eroe solitario ed una regia che, eufemisticamente, si puo' definire "rude". Fuqua usa la macchina da presa come se avesse in mano un'accetta mostrandoci, in un tripudio di retorica e botti, la Casa Bianca crollare, un aereo kamikaze schiantarsi sull'obelisco di Washington distruggendolo (in una sequenza che rimanda all'11 settembre) ed il Presidente degli Stati Uniti, giovane forte e vedovo, preso in ostaggio.
Per fortuna che c'e' lui, Gerardone Butler piu' che un uomo un quarto di bue, qui anche produttore. Il suo Mike Banning e' deciso a riconquistare la fiducia del suo capo ammazzando tutti i cattivoni oni oni e salvando una nazione praticamente da solo, l'unica volta che le autorita' militari decidono di intervenire provocano una strage, facendo la figura degli imbecillli.
Figlioccio di John McClane, dotato forse di un filino di sensibilita' in piu',ha ancora i sensi di colpa per la morte della first-lady perfettamente addestrato,senza paura e' l'esempio perfetto dell'eroe ammerigano dotato pure di un sano e rude umorismo.
Tronfio, "leggermente" ridondante, gonfiato di patriottismo di quarta categoria, alla fine quasi mi piazzavo sull'attenti, "Attacco al potere" e' una sana e robusta stronzata da vedere a neuroni azzerati, accompagnata da pop-corn e cocacola, che si dimentica in fretta e non lascia troppe tracce.

Commenti

  1. Film di una stupidità indecente. Tutto quel patriottismo non fa per me.
    Se non si fosse capito, m'ha fatto cacà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non ha indisposto così tanto. E' una gran baracconata e si fa fatica davvero a stare seri durante la visione!

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Le tue recensioni sono sempre fenomenali.
    Penso proprio che eviterò di vederlo, ma manco per sbaglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tu le definisca recensioni è un onore...
      Guarda, se quando passerà in tv avrai voglia di farti due sonore risate secondo me ci potrai pure dare una occhiata!

      Elimina
  4. Sicura di non esserti sbagliata e non aver mischiato la trama di uno dei 412 Die Hard con quella di AirForce One? :-)

    RispondiElimina
  5. Fuqua ormai non ne becca più una. Peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io non sono pertinente, a me non è piaciuto manco "Training Day".Questo "Attacco al potere" va preso per quello che è...

      Elimina
  6. Lo so che sarà la solita storia trita e ritrita, ma a me rimane comunque la voglia di vederlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se decidi di vederlo scrivine...verrò a leggerlo con molta curiosità!

      Elimina
  7. ah ah credo che sia più divertente la tua recensione che il film stesso...magari vedendolo con la compagnia giusta si ride anche di gusto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di risate ne ho fatte tantissime. Certo, forse lo scopo del film non era proprio quello di far scompisciare dalle risate gli spettatori....

      Elimina
  8. Così tamarro, esplosivo e patriottico, con riferimenti agli eighties ed il cattivone one one non posso perdermelo! :)

    RispondiElimina
  9. Sei sprezzante al punto giusto! Ti ho aggiunto ai links caparbi ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…