Passa ai contenuti principali

THE WOMAN

Oggi è la festa della donna. Siccome, pur avendo fatto gli auguri a conoscenti ed amiche e nonostante mi piaccia assai la mimosa ritengo ci sia ben poco da festeggiare, ripropongo un altro pezzo avanzato dal mio "trasloco virtuale". Ve lo riporto nella sua versione integrale. Perché il film merita davvero e per quella dedica a cui tengo veramente tanto.



"Trama: Chris è avvocato e padre di famiglia. Durante una battuta di caccia incontra una donna selvaggia e la cattura, con l'intento di "civilizzarla"...
Sgombriamo subito il campo, non si tratta, nonostante uno dei finali più violenti della storia del cinema, di un horror, almeno non nel senso più "tradizionale" del termine.
"The woman" è una pellicola che tocca un nervo scoperto e doloroso, criticando, in un modo spietato e potente, il perbenismo ipocrita sempre più diffuso dietro a cui, spesso e volentieri, si celano autentici mostri.
Chris apparentemente è un esempio lampante di perfezione: buon lavoro, una moglie devota, tre figli ben educati, una bella casa in campagna. Ma in questo quadro idilliaco scopriamo ben presto che qualcosa scricchiola. La moglie (una brava Angela Bettis) al minimo cenno di ribellione viene presa a ceffoni, la figlia grande è logorata psicologicamente ed il figlio maschio, orgoglio paterno, è una merda alla stregua del padre.
Perchè Chris è l'esempio perfetto di quella categoria di abomini secondo cui il mondo è un luogo esclusivamente destinato alla dominazione maschile, a loro tutto è permesso e tutto è concesso, persino stuprare una povera donna e dopo accanirsi su di lei con un paio di forbici, mentre le donne sono esseri da "civilizzare", ovvero da ridurre alla totale e cieca obbedienza. Lo spettatore lo intuisce quando la Donna viene portata a casa da Chris e mostrata ai famigliari come se si trattasse della macchina nuova, la chiama addirittura "il nostro progetto" e ne ha la conferma quando assiste, rabbioso ed impotente, alle vere e proprie torture inflitte alla poveretta.
McKee tira una bella sberla all'istituzione del matrimonio e alla finzione che spesso nasconde. In una delle scene forse simbolicamente più forti di tutta la pellicola, la Donna (stupefacente Pollyanna McIntosh) addenta l'anulare della mano sinistra di Chris, tranciandoglielo di netto; ma prima di ingoiarlo sputa la fede nuziale che giace a terra, sporca di sangue, emblema del legame fortemente malsano e disfunzionale che lega Chris a moglie e figli.
Ambientato praticamente tutto tra le mura di casa e sorretto da una sceneggiatura essenziale, scritta con Jack Ketchum autore del libro da cui è tratto il film, "The woman" parla soprattutto per immagini. McKee non si dilunga in racconto di antefatti o spiegazioni psicologiche dei vari comportamenti, tutto ciò che dobbiamo conoscere ci viene mostrato attraverso scene spesso emotivamente molto forti, quella del bagno all'aperto, e molto più disturbanti di tanto splatter visto di recente al cinema.
Film difficile quindi, violento e disperato, generatore di sentimenti molto forti. Durante la visione si passa dal fastidio più sottile, sono stata tentata spesso di interrompere, alla rabbia più sorda, nella scena in cui Chris lava la donna mi sono chiesta perchè Polly non usa il bastone su suo marito?Perchè è talmente soggiogata da esserne quasi gelosa e vedere nella Donna una rivale...e pensandoci è a dir poco aberrante; fino al senso di liberazione del violentissimo finale.
Nonostante le accuse però, sicuramente quello di McKee non è un film misogino perché il regista affida proprio a due donne, natura e madre, il parziale riscatto.
Film da vedere dunque?Si, se si ama fortemente il cinema anche nelle sue sfaccettature più disturbanti e solo se si è in un momento personale particolarmente tranquillo, perché gli strascichi della visione possono accompagnarti per giorni.
Questa recensione è stata dedicata a Vanessa , uccisa dal suo convivente. Aveva 20 anni. Poteva essere una mia amica, poteva essere mia nipote, poteva essere mia figlia, poteva essere mia sorella, potevo essere io.
È la numero 54.
A lei e a tutte le donne maltrattate, uccise spesso perché considerate alla stregua di oggetti, nell'indifferenza generale, spesso senza ottenere giustizia.
Che il silenzio e l'indifferenza non siano più complici di questa barbaria"

E che oggi e sempre si pensi a Vanessa ed alle tante, troppe che sono state uccise dopo di lei ed alle tante, troppe piccole grandi discriminazioni che ancora una donna subisce grazie ad una cultura troppo arretrata. Al lavoro che dobbiamo fare insieme, tutti...aiutate magari da compagni come il mio, come tanti che ho avuto la fortuna di conoscere, e come questo papà qui.


Commenti

  1. Risposte
    1. Ma prego..figurati...peccato che il post si legga da schifio!!

      Elimina
  2. La tua recensione mi era piaciuta allora, e continua a piacermi adesso.
    Ottima scelta per un giorno come questo.

    RispondiElimina
  3. Questo film è pazzesco, e la tua dedica pure.

    RispondiElimina
  4. Voglio vederlo...grazie ! Ti abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preparati ad una esperienza piuttosto forte, ma merita.

      Elimina
  5. Lo vedrò. Comunque tanti auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film imperdibile. Grazie, in ritardo, per gli auguri.

      Elimina
  6. Post tosto la prima volta, e tosto la seconda.
    Brava.

    RispondiElimina
  7. Film di una violenza talmente subdola che lo rende esperienza dolorosa. Però che colonna sonora fantastica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolorosissima.Tanto che l'altra sera lo han programmato su horror channel e non l'ho rivisto.

      Elimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…