Passa ai contenuti principali

THE FOLLOWING


Memore di alcune serie partite a razzo e poi schiantatesi clamorosamente (qualcuno ha detto "Last resort"?) ho aspettato un pochino prima di dire la mia su "The following"
La trama è nota: Joe Carroll, affascinante professore di letteratura e feroce serial killer evade 10 giorni prima di essere giustiziato; sulle sue tracce viene richiamato Ryan Hardy ex agente FBI responsabile della cattura di  Carroll  nove anni prima. Hardy non riuscirà ad impedire a Carroll di "completare la sua opera" e scoprirà ben presto che, in questi anni, Carroll è riuscito a dar vita ad una vera e propria setta ed i seguaci pronti ad eseguire i suoi ordini sono davvero tanti...
Scritta da Kevin Williamson, responsabile tra l'altro di "Scream", la serie e' partita letteralmente con il botto.
Il pilot, sulle note di "Sweet dreams" nella versione di Marylin Manson ha tenuto letteralmente inchiodati alle sedie, segnando l'inizio di una sanguinosa partita a scacchi tra due contendenti un po' al di fuori dei consueti stereotipi televisivi. Il buono e' un "eroe decaduto" Hardy e' un alcolista ed ha un peacemaker che lo tiene in vita impiantatogli dopo che Carroll lo aveva pugnalato al cuore; mentre il cattivo e' un seducente incantatore. Un pilot tesissimo e pieno di colpi di scena,che si collocava tra "Seven" e "Il silenzio degli innocenti" facendo davvero ben sperare.
Trascorse alcune puntate la serie si e' leggermente ridimensionata ma non ha perso il suo appeal.
Se le si perdonano alcune leggerezze in fase di scrittura; la stupidita' della ex moglie di Carroll e' da manuale, i due complici di Emma somigliano piu' a Topolino e Pippo che a due spietati serial killers, "The Following" e' comunque una serie decisamente piacevole a vedersi.
Una caccia gatto-topo dove nessuno e' quello che sembra e non ci si puo' fidare neppure di chi ti e' piu' vicino. La tensione pur lontana dai toni del pilot e' comunque abbastanza costante ed il colpo di scena pare essere sempre in agguato.
Insomma, nulla di miracoloso; ma un buon prodotto televisivo (ed e' gia' tanto di questi tempi), con due protagonisti decisamente azzeccati, Kevin Bacon meravigliosamente invecchiato e James Purefoy, in quello che rischia di diventare il ruolo della vita, ammaliante e luciferino.
Facile quindi per una serie del genere guadagnarsi una vasta schiera di "follower"; tutto sta ora nel continuare su questa strada e non deluderli...


Commenti

  1. Gli episodi non riescono ad essere all'altezza del pilot e l'FBI se lavora così... aiuto!
    Comunque grazie ad attori meravigliosamente belli e bravi e a colpi di scena inaspettati si mantiene ad alti livelli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si,alcune leggerezze di scrittura son proprio un po' troppo evidenti, ma riesce davvero ad appassionare!

      Elimina
  2. Io dirò la mia a fine serie (se riesco a finirla:D). Che dire, finora non mi sta stravolgendo, la cosa peggiore sono cmq i flashback che se non fosse per l'indicazione dell'anno non si comprenderebbero, dato che i protagonisti sono pressochè identici al presente:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sotto quell'aspetto sono indulgente..a me piace,finiro' la stagione..poi vedremo per una seconda..

      Elimina
  3. Ahahahaha..mi hai fatta morir dal ridere con le tue associazioni tra i vari personaggi..comunque concordo con te, è davvero piacevole, e mi ha presa di brutto ! Un bacione

    RispondiElimina
  4. una serie che crea dipendenza e da continuare a followare

    RispondiElimina
  5. Quindi vale la pena? Seguo poche serie, ma questa era entrata nel mio radar. Provvedo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me , pur contenendo come ho detto nel post qualche difetto, vale la pena di esser vista si.

      Elimina
  6. Io sono parecchio delusa da The Following. Il pilot mi aveva fatto così ben sperare. Secondo me ci sono altre serie al momento girate molto meglio.... Per essere un thriller The Following pecca di buchi enormi (spero fermamente che l'FBI non sia così stupida come la serie la dipinge). Peccato perché la trama è molto interessante. Peccato poteva davvero essere una gran serie, invece è ricaduta su se stessa.

    RispondiElimina
  7. Io purtroppo seguo poco. Secondo me "The Following" pur allontanandosi dal pilot diverte ed e' piacevole.

    RispondiElimina
  8. lo seguo, ma mi aspettavo di più.

    RispondiElimina

Posta un commento

Dite pure quello che vi pare..ma con educazione eh??

Post popolari in questo blog

RING 3


 Regia: F.Javier Gutierrez
Mai stata una grande fan di Samara Morgan lo confesso. Sarà che ho visto soltanto i remake americani ma nell'orrenda bambina dai capelli spettinati ci ho sempre trovato ben poco di spaventoso. Durante il primo film, visto al cinema incinta di qualche mese ho dormito una buona mezz'ora, il secondo so di averlo visto ma l'ho praticamente rimosso. E allora perché questo terzo capitolo è finito tra le scarse visioni dell'anno?Diciamo che rientra nella pedagogica ricerca di "film non troppo impegnati"; il momento non è certo da visioni troppo complesse e un bell'horror ci sta sempre bene. Un horror che, possibilmente, spaventi pure. Ma cerchiamo, per quanto possibile, di andare con ordine. Lo ammetto, la prima sequenza mi aveva fatto ben sperare. Oddio, nulla di clamoroso certo, pareva di stare in un episodio di "Final Destination" ma si sa, i casini su gli aerei da queste parti piacciono sempre, quindi pensavo mi sarei…

SANTA CLARITA DIET

Interrompo la più moscia marcia di avvicinamento agli Oscar che blogger cinefilo ricordi per parlarvi di una splendida sorpresa televisiva che arriva, guarda un pò, da Netflix.

Sheila e Joel Hammond sono due agenti immobiliari. Insieme dai tempi del liceo hanno una figlia adolescente, Abby.Un giorno, mentre stanno mostrando una casa a dei clienti Sheila, a volere usare un eufemismo, vomita  un'enorme quantità di roba verdastra nonché una palla rossa, e poi collassa a terra. Quando si risveglia è molto più sicura di sè, forte e dotata di grande energia (in ogni campo...).Peccato per gli effetti collaterali: non le batte il cuore, non sente dolore, se si ferisce al posto del sangue esce una specie di catrame verdastro e, soprattutto, si nutre esclusivamente di carne cruda: pollo, tacchino, manzo....almeno fino a quando non assaggia la carne umana..

Diciamo la verità, la vita a due più passa il tempo più è complicata: il lavoro, il mutuo sulla casa (i vicini impiccioni), una figlia a…

ROAD TO OSCARS - ANIMALI NOTTURNI/ARRIVAL

"Animali notturni" è, forse, insieme a Scorsese, il grande escluso di questi Oscar 2017. Lo ammetto, mi aspettavo se non una candidatura per il miglior film almeno la nominations a Ford e alla Adams; invece a correre per la statuetta come miglior attore non protagonista sarà soltanto il bravissimo Michael Shannon. Dovete sapere che ho un debole per Tom Ford. Non posso certo permettermi le sue creazioni, un miliardo di anni fa osai l'acquisto di un suo profumo che mi costò quasi la metà di uno dei miei primi, sudatissimi stipendi di neofita al mondo del lavoro; ma mi piace un sacco quello che fa. C'é eleganza nel suo lavoro, sia nella moda sia nel cinema. C'era nel suo sorprendente debutto, "A single man", dove raccontava il dolore impossibile da superare di uno struggente e bravissimo Colin Firth. Abbiamo aspettato quasi 10 anni per la sua seconda opera.E ne è valsa la pena.
Cosa succede quando spezziamo il cuore a qualcuno? Cosa succede quando chi amia…